Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2015
Cerca nel sito
Effettua la ricerca

Altri articoli della sezione
Cardio
Pazienti con AF sottoposti a PCI: alla dimissione DAPT o tripla terapia? Le ragioni della scelta
Andexanet-alfa, antidoto per inibitori del fattore Xa: raggiunti tutti gli endpoint di fase 3
Terapia antitrombotica dopo impianto di ICD in pazienti con AF o CAD: una foto dagli USA
DAPT: nessun vantaggio oltre i 6 mesi. È il verdetto di un’ampia meta-analisi a coppie e a rete
Un esame del sangue esclude una CAD ostruttiva in post-menopausa e la necessità di altri test

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Daiichi Sankyo mette in vendita la propria partecipazione in Sun Pharmaceutical
Shock anafilattico: meno morti grazie all'adrenalina. Ma si usa poco e male
Inibitori della pompa protonica, sono responsabili di insufficienza renale?
Depositata all'Fda la domanda per pembrolizumab nel tumore del polmone
Melanoma, ipilimumab adiuvante allontana la recidiva

Interviste
Come evitare il default farmaceutico e definire le regole di una nuova governance
Bandi e finanziamenti in ricerca e innovazione in Sanità, come funzionano?
Doppia broncodilatazione (LABA più LAMA) nella Bpco: perchè farla e quando farla
Attività dell'American College of Chest Physicians (CHEST) e della Italian delegation di Chest
La voce dei pazienti con Bpco: cosa fanno e cosa chiedono?
Come evolvono i sintomi della Bpco nel corso della malattia
Rinite allergica, classificazione e possibilità di trattamento


Ultima Newsletter
ACC di San Diego: 3 studi da ricordare relativi a prevenzione, DAPT e cardiologia interventistica
Italia
Ema
Fda
Diabete
Cardio
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Nei diabetici calcioantagonista meglio di diuretico più ACE-inibitore


20 settembre 2010

Nei pazienti diabetici ipertesi, per ridurre gli eventi cardiovascolari è meglio aggiungere un calcioantagonista all'ACE-inibitore, piuttosto che un diuretico. È questo, almeno, il risultato a cui è giunto un ampio studio di fase III ACCOMPLISH (Avoiding Cardiovascular Events Through COMbination Therapy in Patients Living With Systolic Hypertension), pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology Foundation.

L'obiettivo principale dei ricercatori, un'equipe multicentrica internazionale coordinata da  Michael Weber, del SUNY Downstate College of Medicine di New York, era proprio identificare la combinazione di antipertensivi più efficace per la prevenzione dell'infarto miocardico e di altri eventi cardiovascolari nei soggetti ipertesi e contemporaneamente diabetici.

Per questo, gli autori hanno arruolato oltre 11.500 pazienti, di cui 6.946 affetti da diabete, e li hanno randomizzati al trattamento con l'ACE-inibitore benazepril associato al calcioantagonista amlodipina oppure a al diuretico idrochlorotiazide. Tra i diabetici, un sottogruppo di 2.842 pazienti era ad alto rischio in quanto aveva già avuto in precedenza eventi cardiovascolari o ictus.

L'endpoint primario era dato dall'insieme di morti cardiovascolari, infarti del miocardio, ictus, ricoveri per angina, arresti cardiaci resuscitati e rivascolarizzazioni coronariche.

Nell'intero gruppo dei diabetici, nell'arco di 30 mesi ci sono stati 307 eventi primari (pari all'8,8%) nel primo gruppo contro 383 (11%) nel secondo (hazard ratio [HR] 0,79, IC al 95% 0,68-0,9; p=0,003), mentre nel sottogruppo ad alto rischio, gli eventi sono stati 195 (il 136%) contro 244 (17,3%) (HR 0,77, IC al 95% 0,64-0,93; p=0,007). La combinazione benazepril più amlodipina si è dimostrata superiore a quella benazepril più idroclorotioazide anche nei pazienti soltanto ipertesi, con 245 eventi (il 10,8%) nel primo gruppo contro 296 (il 12,9%) nel secondo (HR 0,82; IC al 95% 0,69-0,97; p=0,020). Nei diabetici, l'accoppiata ACE-inibitore- calcioantagonista ha mostrato dei chiari benefici per quanto riguarda gli eventi coronarici, compresi gli eventi clinici acuti (p = 0.013) e le rivascolarizzazioni coronariche (p = 0,024).

Sulla base di questi dati, gli autori concludono che nei soggetti pazienti ipertesi e diabetici associare a un ACE-inibitore l'amlodipina piuttosto che l'idroclorotioazide è più efficace per ridurre gli eventi cardiovascolari e che questo risultato dovrebbe influire sul trattamento dell'ipertensione in questa popolazione di pazienti.

M.A. Weber, G.L. Bakris, Kenneth Jamerson, et al. Cardiovascular Events During Differing Hypertension Therapies in Patients With Diabetes. J Am Coll Cardiol 2010;56:77-85, doi:10.1016/j.jacc.2010.02.046.
leggi
© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere













Energy


MedicalStar




PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n. 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 20 aprile 2015

Seguici su Facebook!