Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2015
Cerca nel sito
Effettua la ricerca

Altri articoli della sezione
Cardio
All’ACC delude un peptide per ridurre l’area d’infarto: promettente in preclinica, non efficace nell’uomo
Riduzione degli eventi cardiovascolari riducendo la pressione arteriosa a prescindere dal farmaco usato?
Studio TOTAL: posta forse una pietra sopra alla trombectomia manuale di routine prima del PCI primario
Stenosi aortica in pazienti ad alto rischio: a 5 anni outcome uguali per TAVI e chirurgia standard
Evolocumab, conferme sulla sicurezza in uno studio con la massima durata di esposizione a un anti-PCSK9

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Ca al seno metastatico HER2+, lapatinib non meglio di trastuzumab nel ritardare la progressione
Ictus ischemico acuto e iperglicemia, outcome eccellenti aggiungendo acido urico all'alteplase
Vaccinazione anti HPV, parere Ue positivo per nuovo vaccino 9 valente
Cancro tiroideo, parere positivo Ema per lenvatinib nelle forme refrattarie allo iodio radioattivo
SM, maggiore risposta ai farmaci nei più giovani, con basso score EDSS ed elevata attività RM

Interviste
Malattie infiammatorie croniche intestinali, scopriamo cosa sono i farmaci anti-integrine
Nuovi farmaci anticolesterolo: novità dal congresso americano ACC
Scopriamo gli anti PCSK9, i più potenti anti colesterolo mai sintetizzati
Un nuovo farmaco orale per contrastare la sclerosi multipla
Un serial via Web per capire la vita dei pazienti con sclerosi multipla
Ipertensione nei giovani: cause, diagnosi e terapia
Scompenso cardiaco: le nuove frontiere di cura con LCZ696


Ultima Newsletter
ACC di San Diego: 3 studi da ricordare relativi a prevenzione, DAPT e cardiologia interventistica
Italia
Ema
Fda
Diabete
Cardio
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Integratori di omega 3: scarsi benefici nella prevenzione cv secondaria


15 aprile 2012

Contrordine: gli omega-3 sembrano non servire per prevenire un secondo infarto. Infatti, il consumo di integratori a base di acidi grassi omega-3 non ha dimostrato di offrire alcun beneficio per la prevenzione secondaria cardiovascolare in una metanalisi di 14 studi clinici controllati e randomizzati appena pubblicata online su Archives of Internal Medicine, opera del Korean Meta-analysis Study Group.

In quest’analisi, nei pazienti trattati con supplementi di omega-3 si è calcolato un rischio relativo di eventi cardiovascolari, mortalità per qualunque causa o morte cardiaca improvvisa pari a 0,99 praticamente identico al rischio dei gruppi di controllo, trattati con placebo.

I ricercatori coreani hanno evidenziato solo una piccola riduzione nella mortalità cardiovascolare, ma anche questo vantaggio non si è più evidenziato dopo aver escluso dall’analisi un trial che presentava grossi problemi metodologici.

Pertanto, gli autori scrivono nelle loro conclusioni che i loro risultati non mostrano evidenze sufficienti di un effetto secondario preventivo degli integratori a base di acidi grassi omega-3 nei confronti degli eventi cardiovascolari nei pazienti che hanno già alla spalle una storia di malattia cardiovascolare.

I risultati del gruppo coreano sono in contrasto con altre analisi effettuate prima del 2010, che hanno mostrato un beneficio significativo degli omega-3 per la prevenzione secondaria. Tuttavia, i risultati della metanalisi appena uscita sono coerenti con quelli ottenuti in studi clinici più recenti, che in generale non hanno evidenziato effetti significativi degli integratori contenenti omega-3 nella prevenzione degli eventi cardiovascolari nei pazienti con malattie cardiovascolari preesistenti.

La fama degli omega-3 si deve in origine ad alcuni articoli pubblicati negli anni Settanta in cui si chiamava in causa il consumo di pesci o mammiferi marini ricchi di acidi grassi omega-3 come spiegazione per la bassa prevalenza delle malattie cardiovascolari tra le popolazioni eschimesi che vivono in Groenlandia.

La relazione tra dieta ricca di pesce e protezione cardiovascolare è stata in seguito confermata da studi epidemiologici condotti in diversi Paesi e le successive indagini precliniche e cliniche hanno supportato le evidenze epidemiologiche, suggerendo per gli omega-3 possibili effetti antinfiammatori, antiaterogenici, antitrombotici e antiaritmici.

Tuttavia, gli studi ancora successivi hanno dato risultati inconsistenti o contraddittori sugli effetti degli omega-3 sul rischio cardiovascolare. Una metanalisi, pubblicata nel 2006 sull’American Journal of Clinical Nutrition, ha mostrato un beneficio complessivo degli omega-3 sulla prevenzione primaria e secondaria cardiovascolare, ma i dati provenienti dagli studi randomizzati, la maggior parte dei quali incentrati sulla prevenzione secondaria, restano controversi, a causa di risultati inconsistenti e problemi metodologici di alcuni trial. Inoltre, nessuna metanalisi prima di quella appena uscita aveva incluso gli studi clinici pubblicati a partire dal 2010.

Il team coreano ha invece effettuato una revisione sistematica completa includendo nella metanalisi i dati più recenti sugli effetti della supplementazione con gli omega-3 sulla prevenzione secondaria cardiovascolare.

Di oltre 1.007 lavori passati in rassegna, gli autori hanno selezionato per la loro metanalisi 14 studi randomizzati, in doppio cieco e controllati con placebo, che hanno coinvolto in totale 20.485 pazienti con una storia di malattia cardiovascolare. In tutti i trial, pazienti avevano assunto gli omega-3 per almeno un anno.

L'analisi principale si è incentrata sull’associazione tra acidi grassi omega-3 ed eventi cardiovascolari totali, senza evidenziare alcun effetto beneficio. Nessun beneficio anche analizzando separatamente la mortalità per tutte le cause, la morte cardiaca improvvisa, l’infarto miocardico, lo scompenso cardiaco, l’ictus e l’attacco ischemico transitorio.

L’unico vantaggio identificato è stato una riduzione del 9% del rischio relativo di morte cardiovascolare, vantaggio che però si è annullato escludendo dall’analisi un ampio studio clinico che presentava problemi metodologici.

Nemmeno un’ampia analisi per sottogruppi è riuscita a identificare pazienti che potevano beneficiare del trattamento con gli omega-3.

Nonostante i risultati clamorosamente negativi di questa metanalisi, Frank B. Hu e JoAnn E. Manson, dell’Harvard and Brigham and Women's Hospital di Boston, autori dell’editoriale di commento lasciano aperto uno spiraglio sulla possibilità di un beneficio cardiovascolare degli acidi grassi omega-3.

In particolare, per poter emettere un giudizio più netto i due editorialisti citano la necessità di attendere i risultati di uno studio randomizzato attualmente in corso su 20.000 pazienti sull’integrazione con vitamina D e omega-3 per la prevenzione primaria cardiovascolare,.

In attesa di questi dati, scrivono i due esperti, ad oggi non ci sono evidenze conclusive per poter raccomandare gli integratori a base di olio di pesce per la prevenzione primaria o secondaria delle malattie cardiovascolari. Tuttavia, Hu e Manson sottolineano anche la necessità di continuare a raccomandare una dieta ricca di pesci grassi come salmone, tonno e pesce azzurro (sgombri, sardine, aringhe) sia alla popolazione generale e sia ai pazienti con una storia di malattie cardiovascolari, perché questi pesci non sono solo ricchi di acidi grassi omega-3, ma possono anche sostituire come fonti proteiche alimenti meno salutari, come la carne rossa. Le persone a cui non piace il pesce o che non possono mangiarlo dovrebbero, invece, aumentare il consumo di acidi grassi omega-3 di origine vegetale.

Dando in un certo senso un colpo al cerchio e uno alla botte, i due commentatori concludono dicendo che ai fini della prevenzione primaria o secondaria, gli integratori a base di omega-3 non possono sostituire una dieta sana, ma nello stesso tempo ribadiscono che una dieta cardioprotettiva deve essere ricca di acidi grassi omega-3.

S.M. Kwak, et al . Efficacy of omega-3 fatty acid supplements (eicosapentaenoic acid and docosahexaenoic acid) in the secondary prevention of cardiovascular disease. Arch Intern Med 2012; DOI:10.1001/archinternmed.2012.262.
leggi

© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere











Energy


MedicalStar




PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n. 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 28 marzo 2015

Seguici su Facebook!