Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
OncoEmatologia
Cabozantinib fallisce in fase III nel tumore della prostata, la biotech Exelis taglia il 70% dei posti
Ca al polmone, eribulina non allunga la vita nei pazienti già trattati
Ca al seno, conferme di sicurezza per trastuzumab emtansine
Daratumumab promette bene nel mieloma multiplo recidivante o refrattario
Ca mammario, chiesto all'Fda il via libera a palbociclib più letrozolo nella malattia avanzata HER2- ed ER+

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Antitrombotici nella prevenzione dell'ictus utilizzati in maniera non ottimale, lo dice un Registro europeo
A Flora Peyvandi il Premio Grande Ippocrate per la ricerca e divulgazione scientifica
Cardioversione per fibrillazione atriale, rivaroxaban valida alternativa agli antagonisti della vitamina K
Melanoma, Amgen deposita all’Ema il dossier di talimogene laherparepvec
Novo Nordisk, stop alle attività di R&D nel campo delle malattie infiammatorie

Interviste
Diabete, sicurezza cardiovascolare dei DPP-4 inibitors
Italian Barometer Diabetes Forum, bilancio della settima edizione
Diabete, camminare allunga la vita e la rende più sana
Piano Nazionale Diabete, a che punto siamo?
Geomedicina, nuovo approccio per lo studio del diabete
Italian Barometer Diabetes Observatory, obiettivi e messaggi chiave del settimo forum
Diabete, qual è la situazione in Europa?


Ultima Newsletter
Ebola, al via la sperimentazione del vaccino sull'uomo. Forte contributo ricerca italiana.
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Leucemia a cellule capellute, primi dati positivi per vemurafenib


27 gennaio 2014

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Leicester ha mostrato che il farmaco vemurafenib, già approvato per la terapia del melanoma, potrebbe essere efficace anche nel trattamento della leucemia a cellule capellute, (LCC), una rara forma di tumore ematologico che rappresenta il 2% di tutte le leucemie. Lo studio è stato pubblicato sul NEJM.

Nel 2011, il Prof. Brunangelo Falini, direttore della struttura complessa di Ematologia dell’Ospedale di Perugia, aveva pubblicato sulla stessa rivista uno studio che dimostrava che la mutazione del gene Braf è la causa genetica della LCC. Grazie alla scoperta, Falini aveva vinto il premio Karl Lennert, il più alto riconoscimento scientifico nel campo dei tumori del sangue.

Lo studio aveva portato allo sviluppo di un test molecolare specifico per la diagnosi della malattia e alla conduzione di trial clinici condotti per valutare l’efficacia del farmaco vemurafenib, un inibitore del gene Braf mutato, in pazienti con leucemia a cellule capellute resistenti ai trattamenti chemioterapici convenzionali.

I ricercatori dell’Università di Leicester hanno trattato con vemurafenib un paziente con LCC che non rispondeva alla terapia con analoghi delle purine e che presentava la mutazione V600E del gene Braf in condizione di omozigosi. Grazie al numero elevato di cellule leucemiche circolanti, gli esperti hanno potuto valutare gli effetti del farmaco direttamente in vivo.

Il farmaco ha indotto una remissione clinica completa della malattia con una riduzione della sopravvivenza delle cellule leucemiche CD103+ durante la terapia. I test hanno dimostrato, inoltre, l’inibizione di Braf nelle cellule leucemiche in vivo. Comunque, l’inibizione di Braf non ha portato a modifiche importanti nella fosforilazione di Mek o Erk, molecole facenti parte del pathway molecolare di Braf, in vivo, nonostante l’esposizione prolungata a vemurafenib.

I risultati dello studio mostrano che  la riduzione dell’attività di Braf, insieme all’aumento della morte cellulare, non è associata all’inibizione di Mek e Erk in vivo e l’associazione non dipendeva dalla durata dell’esposizione al farmaco.

“Il trattamento con vemurafenib potrebbe avere un effetto su un pathway molecolare alternativo, non ancora caratterizzato, direttamente o attraverso l’inibizione di Braf. Tale effetto potrebbe avere un impatto importante sulla sopravvivenza delle cellule leucemiche. Questi dati risultano utili per lo sviluppo di nuove terapie combinate per il trattamento della LCC”, concludono gli autori.

La leucemia a cellule capellute (Hairy cell leukemia) è una neoplasia linfoide a decorso tipicamente indolente, descritta per la prima volta nel 1920 e riconosciuta come entità istopatologia a sé stante nel 1958, caratterizzata da una trasformazione neoplastica dei linfociti B maturi, che assumono il classico aspetto morfologico con propaggini citoplasmatiche simili ai capelli, da cui deriva il nome di “cellule capellute” con proliferazione a carico del  sangue venoso periferico, del midollo osseo emopoietico,  della milza e meno frequentemente di altri organi ed apparati.
 
La LCC è una neoplasia rara e costituisce circa il 2% delle leucemie linfoidi. Secondo dati dei registri americani, negli USA vengono diagnosticati circa 600 nuovi casi di LCC ogni anno. E’ una patologia dell’età adulto-avanzata, con una mediana di insorgenza intorno ai 50 anni e una netta prevalenza nel sesso maschile (rapporto M:F pari a 5).
 
Efficacy of Vemurafenib in Hairy-Cell Leukemia, Jesvin Samuel et al., N Engl J Med 2014; DOI: 10.1056/NEJMc1310849
leggi

© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere



















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 02 settembre 2014

Seguici su Facebook!