Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2015
Cerca nel sito
Effettua la ricerca

Altri articoli della sezione
OncoEmato
Leucemia linfatica cronica, ofatumumab migliora del 71% la PFS. Dati su The Lancet
Un successo della immunoterapia del cancro, a Siena guarito un paziente con melanoma
Leucemia mieloide acuta, trattamento meno intensivo efficace nell’anziano
Ca alla prostata, l’aspirina non riduce la mortalità
Ca testa-collo, aggiunta di Epo non migliora il controllo loco regionale nei pazienti anemici

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Accordo da $450 Milioni fra AstraZeneca e Celgene per l'anti PD-1 MEDI4736
Glatiramer acetato trisettimanale, meglio iniziare presto la terapia. Conferme dall'AAN
Conferme di sicurezza per lo switch immediato da interferone Beta-1a a teriflunomide: dati presentati all'AAN
Epatite C, combinazione simeprevir e sofosbuvir funziona anche nei pazienti più difficili
Nessuna associazione tra autismo e il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia. Studio su JAMA

Interviste
Talassemia, quali sono le terapie ferrochelanti utilizzate per evitare l'accumulo di ferro
Talassemia e accumulo di ferro: quali sono le conseguenze?
Terapia genica della talassemia: a che punto siamo?
Il ferro il suo metabolismo: da cosa dipende la tossicità?
Cagliari, raggiunto il traguardo dei 1000 trapianti di staminali ematotopoietiche
La rete LICNET per il monitoraggio del ferro intraepatico
Cosa c'entrano i reni con il diabete?


Ultima Newsletter
Farmacia: nei primi due mesi del 2015 il mercato commerciale è cresciuto del 3,9%
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Rischio cancro con i contraccettivi ormonali solo temporaneo


13 marzo 2012

In uno studio epidemiologico sudafricano, appena pubblicato su PLoS Medicine, l'uso di contraccettivi ormonali orali o iniettabili è associato a un aumento, seppur temporaneo, del rischio di cancro al seno e del collo dell'utero.

In un'ampia coorte di donne nere, quelle che avevano utilizzato un qualunque contraccettivo ormonale nei 10 anni precedenti aveva un rischio di cancro al seno 1,66 volte più elevato rispetto alle donne che non avevano mai questi anticoncezionali (IC al 95% 1,28-2,16; P < 0,001)

Nelle utilizzatrici recenti i ricercatori hanno calcolato un aumento significativo anche del rischio di cancro al collo dell'utero (OR 1,38; IC al 95% 1,08-1,77; P = 0,01).

L’assunzione dei contraccettivi orali ha già dimostrato di influenzare il rischio di tumori dell’apparato riproduttore, aumentando il rischio di alcune neoplasie e riducendo il rischio di altre, ma si sa poco sugli effetti dei contraccettivi ormonali iniettabili,

L'uso delle formulazioni iniettabili è molto più comune in Sudafrica, dove questi prodotti sono sul mercato da più tempo, che in altre aree del mondo, e ciò fa sì che le donne sudafricane rappresentino una popolazione adatto per valutare i rischi di cancro connessi all’utilizzo di tali contraccettivi..

Gli autori dello studio, guidati da Margaret Urban, del Cancer Epidemiology Research Group di Johannesburg, hanno analizzato i dati del Johannesburg Cancer Case Control Study, identificando 1.664 casi di carcinoma mammario invasivo, 2.182 casi di cancro cervicale e 182 ciascuno di tumori dell'endometrio e dell'ovaio. Come controlli sono stati usati in totale 1.492 casi di tumore all’esofago, al colon o al polmone. I contraccettivi orali erano presumibilmente combinazioni di estrogeni e progestinico, mentre quelli iniettabili probabilmente consistevano in soli progestinico.

Il rischio di tumore al seno è risultato più alto tra le utilizzatrici recenti sia dei contraccettivi orali sia di quelli iniettabili, ma si è visto anche che l’aumento si annulla 10 anni dopo la sospensione degli anticoncezionali (OR 1,11; IC al 95% 0,91-1,36; P = 0,3). Inoltre, si è visto che il rischio diminuiva sempre di più, in modo significativo, via via che passava il tempo dall’ultima assunzione (P = 0,004).

Anche l’aumento del rischio di cancro della cervice uterina non è risultato più significativo tra le donne che avevano interrotto l'assunzione di contraccettivi orali o iniettabili 10 anni prima (OR 1,01; IC al 95% 0,84-1,22; P = 0,9).

In entrambi i tipi di tumori, il tipo di contraccezione ormonale non sembra aver influenzato il rischio.

Il quadro era apparso diverso per il tumore alle ovaie e per quello dell’endometrio. Infatti, nelle donne che hanno utilizzato i contraccettivi orali o iniettabili per meno di 5 anni non si è osservato nessuna variazione del rischio, che invece risultato ridotto del 40% per coloro che li avevano utilizzati per 5 anni o più (OR 0,60; IC al 95% 0,36 a 0,99; P = 0,04). Allo stesso modo, le donne che hanno utilizzato contraccettivi ormonali per 5 o più anni hanno mostrato un rischio ridotto di cancro dell’endometrio (OR 0,44; IC al 95% 0,22-0,86; P = 0,02).

I ricercatori sottolineano, tuttavia, che il numero di casi di cancro delle ovaie era piccolo. Tuttavia, l'inclusione nello studio di un numero di donne complessivamente ampio così come di un buon numero di utilizzatrici dei contraccettivi iniettabili ha permesso di ottenere importanti informazioni sugli effetti di questi agenti sui rischi di tumori dell’apparato riproduttivo.

Le evidenze fornite da questo studio, scrivono gli autori nella discussione del lavoro, contesto di quelle già disponibili ad oggi, indicano che l’effetto avverso dei contraccettivi ormonali orali e iniettabili sul cancro al seno e al collo dell'utero è temporaneo e che i rischi delle donne che li hanno utilizzati torna ad essere a pari a quello di coloro che non li hanno utilizzati entro 10 anni dalla sospensione dell’utilizzo.

M. Urban, et al. Injectable and oral contraceptive use and cancers of the breast, cervix, ovary, and endometrium in black South African women: case-control study. PLoS Medicine 2012; Doi: 10.1371/journal.pmed.1001182.
leggi

© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere













Energy


MedicalStar




PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n. 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 25 aprile 2015

Seguici su Facebook!