Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
OncoEmatologia
Ca prostatico, degarelix meglio di goserelin più bicalutamide per ridurre i LUTS
Ca al polmone con EGFR wild type, chemio superiore agli inibitori tirosinchinsici dell'EGFR di prima generazione
Leucemia mieloide acuta, designazione Fda/Ema di farmaco orfano per volasertib
Ca al colon con metastasi epatiche, aggiunta di cetuximab alla chemio pre e post-operatoria accorcia la vita
Ca al polmone con EGFR wild-type, chemio preferibile agli anti-EGFR

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Anticoagulanti preferibili ai device per la profilassi del TEV in terapia intensiva
Nuovo approccio senza oppiodi promettente per disintossicarsi dalla droga
Artrosi del ginocchio, pochi benefici con sprifermina nella riparazione della cartilagine
Epatite C, nuovo inibitore di NS5A più sofosbuvir efficace contro sei genotipi di HCV
Leucemia linfatica cronica, ok Fda per ofatumumab in prima linea

Interviste
Epatite C, conferme nella real life per boceprevir in pazienti difficili
Qual è l'immagine delle aziende farmaceutiche?
La SSFA compie 50 anni e guarda al futuro
Il Gruppo Chiesi, realtà farmaceutica italiana con respiro internazionale
Ricerca clinica: sfide per l'Italia per l'arrivo del nuovo regolamento europeo
La ricerca biomedica in Italia: il punto di vista degli IRCCS
Nuovi anticoagulanti orali, come stanno cambiando la terapia della fibrillazione atriale?


Ultima Newsletter
Epatite C fa mezzo milione morti l'anno nel mondo. Dal congresso EASL due nuove Linee guida Usa e Ue sulle cure più efficaci
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Tumori, oggi guarisce l'80% dei pazienti con leucemia fulminante


19 aprile 2012

Sopravvivenza dell’85% a 10 anni per la leucemia mieloide cronica; guarigione dell’80% dei casi nella leucemia promielocitica; miglioramenti evidenti nelle prognosi per la leucemia linfoblastica acuta, e nella qualità di vita per  pazienti anziani. Le nuove terapie farmacologiche stanno cambiando la storia clinica delle leucemie.

E i risultati sono stati illustrati oggi dai maggiori specialisti del mondo a ‘Leukemia 2012’, il convegno internazionale incentrato su questi tumori del sangue apertosi questa mattina a Milano.

 “Risultati insperati – afferma Enrica Morra,  direttore dell’Ematologia dell’Ospedale Niguarda di Milano – si sono avuti per la leucemia mieloide cronica (che colpisce gli adulti), una volta inesorabilmente fatale in tre anni, con i nuovi farmaci cosiddetti intelligenti, specializzati su un bersaglio molecolare (inibitori della tirosina-chinasi), che hanno permesso di prolungare la sopravvivenza a 10 anni da un dato storico del 20% all’85% dei casi’’.

E non e’ finita: “Si è riusciti a migliorare significativamente i risultati di una terapia che ha già portato al 60% di guarigione una rara leucemia ‘fulminante’ (leucemia acuta promielocitica), con una farmaco scoperto per caso in Cina, l’acido trans-retinoico (Atra). L’obiettivo è stato però raggiunto ora con un nuovo farmaco, il triossido di arsenico. La terapia di combinazione di questi due farmaci con la chemioterapia ha portato la guarigione all’80%”.

Risultati molto positivi si sono avuti anche nella leucemia linfoblastica acuta (che colpisce bambini e adulti fino a 40 anni), che un tempo avrebbe comportato il decesso in sei mesi.

“Oggi, a tre anni dalla diagnosi – afferma Angelo Carella, direttore dell’Ematologia al San Martino di Genova - si riesce a mantenere la malattia in remissione nel 40% dei casi. Ma grazie a un farmaco biologico, blinatumumab, si riesce a prolungare la remissione fino a permettere ai pazienti di sottoporsi a trapianto di midollo ancora in remissione”.

“Un altro farmaco nuovo, l’azacitidina – conclude Carella – permette ai pazienti anziani con leucemia mieloide acuta di migliorare significativamente la qualità della vita”.

Oggi, per la prima volta in Italia, si hanno dati epidemiologici sulle leucemie, anche se riguardano per il momento solo la Lombardia, che ha istituito la REL (Rete Ematologica Lombarda, che comprende 106 centri): ogni anno – spiega Enrica Morra – nella nostra regione si hanno 1133 nuovi casi di leucemia, fra quelli che riguardano i bambini (leucemia linfoblastica) e quelli che riguardano pazienti adulti (leucemia mieloide).

Di questi, solo 491 afferiscono ai 12 centri specialistici lombardi. Sono solo il 17% i casi pediatrici, mentre l’83% riguardano pazienti adulti. Questi casi vengono studiati e classificati in base alle caratteristiche della malattia e del paziente, ottenendo dati molto utili alla ricerca. Questa casistica non intercetta però i pazienti anziani, che in genere vengono gestiti da centri non specialistici.




Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
tel. 02 29404825
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 18 aprile 2014

Seguici su Facebook!