Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Ema
Tumori stromali gastrointestinali, UE approva regorafenib
Apixaban, ok Ue nel trattamento e prevenzione di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare
Leucemia linfatica cronica, ok Ue per obinutuzumab, l'anti-CD20 successore di rituximab
Glaucoma, ok Ue per nuovo farmaco di Alcon
Tumore a cellule giganti, ok Ue preliminare per denosumab

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Tripletta di AbbVie efficace contro HCV ricorrente dopo trapianto di fegato
Contraccettivi orali e tumore al seno, c’è una correlazione?
Malaria, pericolo diffusione parassiti resistenti all’artemisinina
Hiv, regime triplice con rilpivirina rimborsato anche nel paziente pre-trattati
Ebola, dobbiamo iniziare a preoccuparci?

Interviste
Diabete, sicurezza cardiovascolare dei DPP-4 inibitors
Italian Barometer Diabetes Forum, bilancio della settima edizione
Diabete, camminare allunga la vita e la rende più sana
Piano Nazionale Diabete, a che punto siamo?
Geomedicina, nuovo approccio per lo studio del diabete
Italian Barometer Diabetes Observatory, obiettivi e messaggi chiave del settimo forum
Diabete, qual è la situazione in Europa?


Ultima Newsletter
Tumori: in quarant'anni raddoppiate le guarigioni
Italia
Ema
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Tadalafil, parere positivo per l'ipertrofia prostatica benigna


23 settembre 2012

Il Comitato di esperti dell’Agenzia del farmaco europea ha dato parere positivo a una nuova indicazione per  tadalafil: il trattamento dei segni e i sintomi dell’ipertrofia prostatica benigna in maschi adulti, compresi coloro che presentano anche disfunzione erettile. Le due patologie spesso sono coesistenti anche se non statisticamente correlate. Dal 2002 il farmaco è approvato per la terapia della disfunzione erettile.

In due studi clinici, uomini con IPB hanno assunto 5 mg al giorno di tadalafil presentando un significativo miglioramento dei sintomi della malattia rispetto agli uomini trattati con placebo. Gli studi hanno basato i loro risultati su una riduzione secondo l’Internazional Prostate Symptom Score (IPSS).

In un terzo studio, uomini affetti sia da DE che da IPB hanno assunto 5 mg al giorno di tadalafil e hanno mostrato un miglioramento dei sintomi di entrambe le patologie rispetto agli uomini che assumevano placebo. I miglioramenti di DE sono stati misurati con Erectile Function domain score dell’International Index Of erectil Function.

Tadalafil si unisce a una lunga lista di altri farmaci approvati per curare i sintomi correlati alla IPB: alfuzosina, doxazosin, dutasteride, dutasteride più tamsulosina (non ancora in commercio in Italia), finasteride, tamsulosina, terazosina, ed ultimamente la  silodosina.

Ovviamente rimane fortemente controindicata la associazione del tadalafil con farmaci appartenenti alla categoria dei nitrati come la nitroglicerina poiché la associazione può indurre un pericolosissimo abbassamento della pressione arteriosa sanguigna. È anche sconsigliata la associazione con farmaci appartenenti alla classe degli alfa litici (alfuzosina, tamsulosina, terazosina) in quanto anche questa associazione teoricamente potrebbe indurre un brusco calo pressorio anche se non ci sono evidenze cliniche significative.

L’ipertrofia prostatica è la crescita eccessiva e benigna del tessuto prostatico che si manifesta con l’andare degli anni. Sono moltissimi gli uomini che soffrono di ipertrofia prostatica: circa il 5-10% degli uomini di 40 anni, il 60% di chi ha più di 60 anni e addirittura l’80% degli uomini con più di 80 anni. Se nella maggior parte dei casi questo evento progressivo non dà grossi problemi, il 30% dei pazienti oltre i 65 anni presenta invece sintomi che possono compromettere in maniera molto pesante la qualità della vita. I sintomi riguardano le vie urinarie inferiori: aumento dell’esigenza di mingere soprattutto di notte, difficoltà a mingere, sensazione di avere ancora la vescica piena anche una volta completata la minzione. Nei casi più gravi si può arrivare nel lungo termine alla ritenzione idrica causata dall’ostruzione completa dell’uretra da parte della prostata ipertrofica e quindi all’insufficienza renale. Le terapie farmacologiche utilizzate nel trattamento dell’ipertrofia prostatica (alfa-bloccanti e inibitori della 5a-reduttasi) non sono in grado di essere efficaci in tutti i casi. Se la terapia farmacologica non dà risultati è necessario sottoporsi a un intervento chirurgico.



© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere


















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 01 agosto 2014

Seguici su Facebook!