Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Gastro
Steatoepatite non alcolica, risultati promettenti dal trattamento con acido obeticolico
Epatite B, interferone pegilato più tenofovir maggiori probabilità di risposta al trattamento
Relamorelin promettente contro la stipsi
Epatite C, conferme per regime 3D anche in popolazioni difficili
Nasce all'Ospedale Fatebenefratelli di Milano un centro integrato per la cura delle malattie infiammatorie dell'intestino

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Coma mixedematoso trattabile con levotiroxina
Antibiotici, possibile fattore di rischio per lo sviluppo di artrite idiopatica giovanile
Artrite reumatoide in gravidanza aumenta il rischio di nascite premature
Artrite reumatoide, rischio tumori più basso con anti-TNF che con DMARD tradizionali
Ca prostatico ormonoresistente, desametasone meglio di prednisolone sulla risposta biochimica

Interviste
Evoluzione della terapia dell'Hiv: arriva un nuovo inibitore dell'integrasi
Resistenza ai farmaci anti-Hiv, i progressi con i nuovi inibitori dell'integrasi
Costo dei farmaci anti Hiv, cosa fare per contenerli
Ebola, a che punto siamo con i farmaci e i vaccini?
L'importanza clinica dello studio IMPROVE-IT nella gestione del paziente post-infartuato
Caratteristiche dello studio IMPROVE-IT e metodi usati per l'analisi dei risultati
Razionale dell'associazione statina più ezetimibe nei pazienti post-infartuati acuti


Ultima Newsletter
Il settore farmaceutico, crocevia tra scienza, etica ed economia
Italia
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



HCV, sofosbuvir efficace con ribavirina e senza interferone


02 settembre 2013

I pazienti con infezione cronica da HCV difficili da trattare rispondono bene a un regime terapeutico senza interferone costituito da sofosbuvir e ribavirina, secondo uno studio di fase II pubblicato su Jama.

Noto in precedenza con la sigla GS-7977, sofosbuvir è un nucleotide che agisce quale inibitore della polimerasi NS5B di HCV, da somministrarsi once a day e attivo contro diversi genotipi di HCV. Lo scorso giugno l’Fda ha concesso al farmaco la priority review, cioè un iter approvativo accelerato assegnato solo ai farmaci giudicati particolarmente innovativi. Se approvato, sofosbuvir potrebbe potenzialmente determinare un aumento dei tassi di cura, abbreviando al tempo stesso la durata della terapia anti-HCV e riducendo, se non eliminando del tutto, la necessità di somministrazione delle iniezioni di interferone.

Lo studio, suddiviso in due parti, ha arruolato complessivamente 60 pazienti naive con infezione da HCV di genotipo 1, arruolati dal National Institutes of Health (October 2011-April 2012).

Nella prima parte dello studio, 10 pazienti con fibrosi epatica moderata sono stati trattati con 400 mg/die di sofosbuvir e ribavirina per un periodo di 24 settimane. Nella seconda parte dello studio, 50 pazienti con qualsiasi livello di fibrosi sono stati randomizzati a ricevere 400 mg di sofosbuvir e ribavirina in base al peso o una dose ridotta da 600 mg di ribavirina per un periodo di 24 settimane.

L’endpoint principale dello studio era la percentuale di pazienti con una carica virale inosservabile a 24 settimane dopo aver terminato il trattamento (SVR24).

Nella prima parte dello studio, 9 partecipanti (90%; 95% CI, 55%-100%) hanno raggiunto l’SVR24. Nella seconda parte dello studio, 7 partecipanti del gruppo assegnato alla dose di ribavirina basata sul peso del paziente e 10 pazienti del gruppo assegnato a 600 mg di ribavirina hanno presentato una ricaduta dopo aver terminato la terapia. L’SVR 24 era del 68% nel primo gruppo (95% CI, 46%-85%) e del 58% nel secondo gruppo (95% CI, 28%-69%; P = 0,20).

Venti pazienti hanno partecipato a una sottoanalisi di farmacocinetica virale dalla quale è emerso un tasso ridotto di infezioni virali nei pazienti che avevano presentato ricadute, rispetto ai partecipanti che avevano raggiunto l’SVR (clearance, 3,57/d vs 5,60/d; P = 0,009).

Gli eventi avversi più frequenti nello studio erano emicrania, anemia, fatigue e nausea. Sono stati osservati 7 casi di anemia, neutropenia, nausea, ipofosfatemia e pancreatite di grado 3. Nessun paziente ha interrotto la terapia a causa di eventi avversi.

Anuoluwapo Osinusi et al., Sofosbuvir and Ribavirin for Hepatitis C Genotype 1 in Patients With Unfavorable Treatment Characteristics: A Randomized Clinical Trial,   JAMA. 2013;310(8):804-811. doi:10.1001/jama.2013.109309
leggi


© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere






















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 20 novembre 2014

Seguici su Facebook!