Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2015
Cerca nel sito
Effettua la ricerca

Altri articoli della sezione
Fda
Angioplastica, Fda approva antiaggregante cangrelor
FDA esaminerà il dossier di reslizumab, nuovo antiasma di Teva
Colesterolo alto, via libera preliminare Fda per alirocumab ed evolocumab
Sclerosi sistemica, tocilizumab riceve dall'Fda la Breakthrough Therapy Designation
Malattia di Niemann-Pick B, olipudase alfa riceve dall'Fda la Breakthrough Therapy Designation

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Protesi totale del ginocchio, al dolore ci pensa il cerotto a base di fentanyl
Celgene investe $1 mld nella immunoterapia del cancro
Metastasi ossee, un nuovo trattamento riduce notevolmente il dolore
Sclerosi multipla, ocrelizumab centra gli end point in fase III
Parkinson, contro il dolore ci pensa la combinazione ossicodone/naloxone

Interviste
Tumore della prostata, novità nella terapia delle metastasi ossee
Congresso LICE 2015, topics principali di questa edizione
Trattamento farmacologico dell'epilessia, cosa c'è di nuovo?
Premio Muscas: Epilessia legata alla Glut-1, caratteristiche, gestione ed epidemiologia
Test genetici per l'epilessia, cosa c'è di nuovo?
Ricerca di base e clinica nelle forme rare di epilessia
Overlap tra crisi epilettiche e sincope, cosa fare?


Ultima Newsletter
Mercato farmaceutico: in Italia primo trimestre 2015 chiude a 5,8 mld
Italia
Fda
Diabete
Cardio
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Tumore al seno, prirority review dell'Fda per trastuzumab emtansine


07 novembre 2012

Roche ha respo noto che l’Fda ha riconosciuto lo status di priority review, cioè la revisione accelerate in soli sei mesi anziché nei classici 10, al farmaco oncologico  trastuzumab emtansine (T-DM1) per il quale l’azienda ha chiesto l’indicazione nel tumore al seno HER-2 positivo, non resecabile localmente avanzato o metastatico, che abbiamo già ricevuto una terapia con trastuzumab e un chemioterapico (taxano).

L’agenzia americana concede questa revisione solo ai farmaci innovativi e che vanno a colmare bisogni terapeutici insoddisfatti. La decisione verrà presa entro il 26 febbraio ( i sei mesi iniziano a decorrere dal momento del deposito della domanda).

Il mese scorso l’azienda aveva reso noto un aggiornamento dei dato di uno studio di fase III denominato EMILIA che confronta t-DM1 con lapatinib più capecitabina e nel quale il farmaco della multinazionale svizzera ha determinate una sopravvivenza più prolungata (30,9 mesi vs 25,1).

Il farmaco è oggetto di studio anche in combinazione con pertuzumab.

Trastuzumab emtansine
Trastuzumab emtansine è un farmaco anticorpo coniugato (ADC), in fase di studio per il trattamento del carcinoma HER2-positivo. È composto dall'anticorpo trastuzumab e dall'agente chemioterapico DM1 uniti attraverso un linker stabile. Trastuzumab emtansine è stato studiato per colpire in maniera mirata e inibire la segnalazione HER2 e per somministrare l'agente chemioterapico DM1 direttamente all'interno delle cellule tumorali HER2-positive. Trastuzumab emtansine si lega alle cellule tumorali HER2-positive e si ritiene che blocchi i meccanismi di segnalazione incontrollati, che stimolano la crescita del tumore, reclutando anche il sistema immunitario dell'organismo perché attacchi le cellule tumorali. Quando trastuzumab emtansine viene assorbito dalle cellule tumorali, si attiva per distruggerle, rilasciando il DM1.

Oltre a EMILIA, sono in corso altri due studi di Fase III su trastuzumab emtansine: MARIANNE E TH3RESA.

MARIANNE, che confronta tre diversi regimi di trattamento (chemioterapia a base di trastuzumab emtansine da solo, trastuzumab emtansine in combinazione con pertuzumab, e trastuzumab in combinazione con chemioterapia a base di taxani) in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo, che non sono state precedentemente trattate per la malattia metastatica.
TH3RESA, che confronta trastuzumab emtansine con il trattamento scelto dal medico, in pazienti affette da carcinoma mammario metastatico HER2-positivo, precedentemente trattate con trastuzumab e lapatinib.

Tumore al seno
Il tumore al seno è il tipo di tumore più comune fra le donne di tutto il mondo. Ogni anno, nel mondo vengono diagnosticati circa 1,4 milioni di nuovi casi di carcinoma mammario e più di 450.000 donne all'anno muoiono per questa malattia1 . Nel carcinoma mammario HER2-positivo, sulle cellule tumorali sono presenti quantità aumentate del recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 (HER2). Questa “positività ad HER2” si rileva nel 15-20 % circa delle donne affette da carcinoma mammario.2 Il carcinoma mammario HER2-positivo è una forma di tumore al seno particolarmente aggressiva.


© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere










Energy


MedicalStar




PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 30 giugno 2015

Seguici su Facebook!