Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Altri Studi
Anticoagulanti preferibili ai device per la profilassi del TEV in terapia intensiva
Cheratosi attinica, arriva in Italia il gel a base di ingenolo mebutato
Pene curvo, presentati nuovi dati di sicurezza della collagenasi di C. histolyticum
Steatosi epatica non alcolica, trovata una variante genica associata alla gravità nei bambini
Hiv, Bristol-Myers Squibb chiede registrazione di atazanavir potenziato con cobicistat

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Tanti auguri di Buona Pasqua ai nostri lettori
Anticoagulanti preferibili ai device per la profilassi del TEV in terapia intensiva
Nuovo approccio senza oppiodi promettente per disintossicarsi dalla droga
Artrosi del ginocchio, pochi benefici con sprifermina nella riparazione della cartilagine
Epatite C, nuovo inibitore di NS5A più sofosbuvir efficace contro sei genotipi di HCV

Interviste
Epatite C, conferme nella real life per boceprevir in pazienti difficili
Qual è l'immagine delle aziende farmaceutiche?
La SSFA compie 50 anni e guarda al futuro
Il Gruppo Chiesi, realtà farmaceutica italiana con respiro internazionale
Ricerca clinica: sfide per l'Italia per l'arrivo del nuovo regolamento europeo
La ricerca biomedica in Italia: il punto di vista degli IRCCS
Nuovi anticoagulanti orali, come stanno cambiando la terapia della fibrillazione atriale?


Ultima Newsletter
Epatite C fa mezzo milione morti l'anno nel mondo. Dal congresso EASL due nuove Linee guida Usa e Ue sulle cure più efficaci
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Nuovo antipertensivo a doppia azione, meglio del solo ARB


17 marzo 2010

Un nuovo antipertensivo sperimentale che riduce la vasocostrizione sia bloccando il recettore dell'angiotensina (come ARB) sia inibendo la neprilisina sembra essere più efficace nella riduzione pressoria rispetto a un ARB da solo (valsartan). Lo evidenzia uno studio randomizzato di fase II, presentato al congresso dell'American College of Cardiology (ACC), da poco terminato ad Atlanta, e pubblicato in contemporanea su The Lancet.

Il farmaco, sviluppato da Novartis, e noto per ora con la sigla LCZ696, è il capostipite di una nuova classe di antipertensivi a doppia azione che bloccano il sistema renina-angiotensina e contemporaneamente rallentano la degradazione dei peptidi natriuretici. La molecola è formata dall'unione di due parti: valsartan e un nuovo inibitore della neprilisina noto come AHU377. L'inibizione della neprilisina aumenta la concentrazione dei peptidi natriuretici (che agiscono come vasodilatatori) rallentandone la demolizione, ma da sola ha dimostrato un effetto antipertensivo modesto.

Nel trial, che ha coinvolto 1328 pazienti di età compresa tra i 18 e i 75 anni con ipertensione lieve-moderata, il trattamento con LCZ696 per 8 settimane ha portato a una riduzione della pressione diastolica superiore di 2,17 mmHg (P<0,0001) rispetto a quella ottenuta dalla dose corrispondente del solo valsartan , di cui il nuovo antipertensivo è un derivato, e a un calo della sistolica maggiore di 4,20 mmHg rispetto al solo ARB (P<0,0001).
Inoltre, questa volta non si sono verificati i casi di edema angioneurotico che avevano ‘tagliato le gambe' allo sviluppo di omapatrilat, il promettente processore di LCZ696.

Bernard Waeber e François Feihl, entrambi dell'Università di Losanna e autori dell'editoriale di commento su Lancet, hanno definito il nuovo antipertensivo un farmaco dal grosso potenziale e hanno dichiarato che questi risultati incoraggianti meritano di essere approfonditi in studi clinici più ampi su ipertensione, diabete, insufficienza cardiaca e insufficienza renale.
Inoltre, secondo Michael Barrett, della Temple University di Philadelphia e chairman dell'ACC, se questi incrementi della diminuzione della pressione arteriosa dovessero essere confermati in studi successivi, LCZ696 potrebbe ottenere facilmente l'approvazione delle autorità regolatorie.




Ruilope LM, et al "Blood-pressure reduction with LCZ696, a novel dual-acting inhibitor of the angiotensin II receptor and neprilysin: a randomised, double-blind, placebo-controlled, active comparator study" Lancet 2010; DOI: 10.1016/S0140-6736(09)61966-8.



Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
tel. 02 29404825
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 19 aprile 2014

Seguici su Facebook!