Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Business
Pfizer, dopo AstraZeneca pensa a GlaxoSmithKline?
Roche per $450 mln compra Santaris Pharma e rientra nel silenziamento dell’Rna
Rottapharm ceduta alla svedese Meda AB, affare da € 2,275 mld
Accordo AstraZeneca/Kyowa Hakko Kirin per nuove immunoterapie anticancro
Baxter vende i vaccini a Pfizer per $635 mln

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Ebola, ci sono farmaci in grado di curare l'infezione?
Tumore al seno, prima della chirurgia utili piccole dosi di radioterapia
Ebola, per l'Italia nessun rischio rilevante
Mielofibrosi, procedura abbreviata Fda per anti Jak2 pacritinib
Pfizer, dopo AstraZeneca pensa a GlaxoSmithKline?

Interviste
Diabete, sicurezza cardiovascolare dei DPP-4 inibitors
Italian Barometer Diabetes Forum, bilancio della settima edizione
Diabete, camminare allunga la vita e la rende più sana
Piano Nazionale Diabete, a che punto siamo?
Geomedicina, nuovo approccio per lo studio del diabete
Italian Barometer Diabetes Observatory, obiettivi e messaggi chiave del settimo forum
Diabete, qual è la situazione in Europa?


Ultima Newsletter
Tumori: in quarant'anni raddoppiate le guarigioni
Italia
Ema
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Pfizer contro Teva per il generico di sildenafil


11 aprile 2010

Pfizer ha fatto causa all'israeliana Teva per impedire l'ingresso sul mercato americano del generico di sildenafil (Viagra) almeno fino al 2019.
Pfizer ha brevettato il farmaco anti-impotenza originariamente nel 2002, mentre Teva ha ricevuto nel 2007 il beneplacito dell'Fda per vendere una versione generica di sildenafil per il trattamento della disfunzione erettile. Il colosso americano ha però due brevetti su sildenafil: uno in scadenza nel 2012 e l'altro nel 2019; il primo copre la composizione del farmaco, mentre il secondo il suo uso per il trattamento dell'impotenza.

L'azione legale contesta il fatto che Teva voglia iniziare a vendere il suo generico immediatamente dopo la scadenza del primo brevetto, il 27 marzo 2012. Ciò rappresenterebbe, secondo gli avvocati, una violazione del secondo brevetto di Pfizer e la danneggerebbe in modo sostanziale e irreparabile.
Nella causa si chiede di vietare a Teva le vendite del generico fino alla scadenza di questo secondo brevetto, nel 2019, oltre al rimborso delle spese legali sostenute da Pfizer.
Nessun commento, per ora, da parte della società israeliana, il più grande produttore al mondo di farmaci generici.
Solo un paio di settimane fa Teva l'ha spuntata su Pfizer nella gara per l'acquisto della tedesca Ratiopharm, altra azienda produttrice di farmaci copia, con un affare da 5 miliardi di dollari.
© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere



















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 08 agosto 2014

Seguici su Facebook!