Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Business
Merck Serono, alleanza in India per nuovi generici per i mercati emergenti
Bayer intende dismettere la divisione MaterialScience
Sanofi punta sugli analoghi del GLP-1 in formulazione orale
Merck & Co. dà in licenza a Sun Pharmaceutical anticorpo anti psoriasi
Accordo Sanofi/MyoKardia per farmaci contro cardiomiopatie genetiche

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Accesso ai farmaci e sostenibilità dei sistemi sanitari, convegno di AIFA a Milano
12 nuovi farmaci in commercio
13 variazioni di prezzo
3 variazioni di classe
3 farmaci revocati

Interviste
Asma moderato o severo, ottenimento indicazione UE per tiotropio
Centri di terapia del dolore spalancano le porte ai medici di famiglia
Tumore del polmone, fumo di sigaretta causa 9 decessi su 10
Tumore del polmone, quali sono i fattori di rischio?
Tumore ovarico, novità in terapia
Tumore ovarico, c'è bisogno di più informazione
Riacutizzazioni di BPCO: effetti clinici ed economici. Studio italiano.


Ultima Newsletter
Osservatorio contratti pubblici fissa i "prezzi giusti" di farmaci e device
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Pfizer esce dal business delle insuline biosimilari


14 marzo 2012

Pfizer e l’indiana Biocon hanno posto fine alla loro collaborazione sulle insuline generiche. Nel 2010 Pfizer aveva siglato un accordo da 350 milioni di dollari, dei quali 100 già versati, per ottenere i diritti mondiali di commercializzazione per una serie di insuline biosimilari, tra le quali insulina glargine (l'equivalente di Lantus), insulina aspart (NovoRapid di Novo Nordisk) e insulina lispro (Humalog di Eli Lilly).

L'accordo sembrava molto interessante perché consentiva a Pfizer di raggiungere due obiettivi: diventare un player importante nel settore dei biosimilari ed espandersi nei farmaci per la cura del diabete, un settore che già oggi vale complessivamente circa 40 miliardi di dollari. Attualmente il mercato delle insuline, che vale ben 14 miliardi di dollari l'anno, è in mano a tre aziende: Novo Nordisk, Sanofi ed Eli Lilly.

Evidentemente però la nuova strategia voluta da Ian Read, dal dicembre del 2010 a capo di Pfizer, ha obiettivi diversi che non contemplano questo tipo di business. Le due aziende hanno fatto sapere che l’accordo si chiude e che i diritti su questi farmaci torneranno a Biocon e le insuline già disponibili con i marchi Univia e Glarvia saranno commercializzate da Biocon.

Diem Nguyen,  a capo della divisione di Pfizer che si occupa di biosimilari, ha dichiarato che l’azienda ha sempre l’obiettivo di creare un portfolio di farmaci biosimilari e prosegue anche la propria ricerca per i farmaci antidiabetici.

La notizia in fondo non è buona per nessuna delle due aziende. Pfizer ha gettato al vento almeno 100 milioni di dollari (per sapere la cifra esatta bisognerebbe conoscere i dettagli del contratto) e Biocon, la più grande azienda biotech indiana, si ritrova senza un partner commerciale che specie per i paesi sviluppati è determinante. Biocon, le cui azioni hanno perso il 6 per cento, dovrà quindi cercarsi un altro alleato commerciale ma non sarà facile rimpiazzare Pfizer.


© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere





















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014

Seguici su Facebook!