Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Altre News
Ferrara, al via congresso nazionale di storia della farmacia
Allarme dolcificanti artificiali: potrebbero favorire la comparsa di diabete
Diabete, in Italia migliora l'assistenza agli anziani con diabete
Ebola, in UK il primo volontario ottiene vaccino sperimentale di GSK
A Novara per studiare le regole e il mercato dei farmaci

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
SM, bene in fase II un farmaco simile a fingolimod ma con minori effetti collaterali cardiaci
Incoraggiante nuova strategia anti-SM in fase I. Anticorpi monoclonali mirati contro il GM-CSF
Merck Serono, alleanza in India per nuovi generici per i mercati emergenti
Ca gastrico avanzato, ramucirumab aumenta la sopravvivenza globale
Tumore del colon-retto, il 60% dei pazienti sconfigge la malattia grazie ai test diagnostici

Interviste
Asma moderato o severo, ottenimento indicazione UE per tiotropio
Centri di terapia del dolore spalancano le porte ai medici di famiglia
Allergie, come si combattono con le terapie desensibilizzanti
Ipertensione polmonare, la combinazione ambrisentan-tadalafil dimezza i fallimenti clinici
Bronchite cronica, dall'ERS conferme per erdosteina
Fibrosi polmonare idiopatica, quando il polmone si trasforma in tessuto fibroso
Fibrosi polmonare idiopatica, con nintedanib si dimezza la progressione della malattia


Ultima Newsletter
Osservatorio contratti pubblici fissa i "prezzi giusti" di farmaci e device
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Fegato e farmaci, non sempre vanno d'accordo


03 dicembre 2010

Sono circa dieci milioni gli italiani con un fegato "non nella norma" e il 25% non sa di avere problemi epatici. Si stimano in circa 20-25mila ogni anno i decessi per epatopatie, specie per cirrosi e tumore. In non pochi casi la causa di queste patologie risiede nel cattivo uso o nell'abuso di farmaci.

Per parlare di questi temi, oggi e domani (3-4 dicembre) si svolgerà presso il Policlinico universitario Agostino Gemelli, il Convegno intitolato "Fegato e farmaci" presieduto dal gastroenterologo Giovanni Gasbarrini, promosso dall'Associazione Italia per lo Studio del Fegato (AISF) in collaborazione con il Policlinico Gemelli.

All'incontro parteciperanno alcuni fra i più affermati specialisti in epatologia a livello nazionale e internazionale per parlare del cattivo uso o dell'abuso di farmaci che può portare all'insorgenza di patologie epatiche.

Nella prima giornata del convegno, l'attenzione degli studiosi si concentrerà sulla farmacocinetica, la farmacodinamica, le interazioni farmacologiche e i modelli di epatossicità da paracetamolo e FANS, da antiblastici e da prodotti erboristici che per la loro origine naturale sono pubblicizzati come, se non più efficaci, meno tossici dei farmaci 'convenzionali', ma che invece possono provocare effetti indesiderati sul fegato sino a intossicarlo.

Nella giornata di sabato 4 dicembre sarà affrontato il tema della situazione italiana, l'efficienza diagnostica reale, l'efficacia sul campo della segnalazione, l'accesso a banche dati, le terapie di salvataggio, la creazione di un network AISF/AIFA.

"L'epatotossicità indotta dai farmaci - afferma l'epatologo Antonio Gasbarrini del comitato scientifico del convegno, e presidente della Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia (Fire) - è comunque un'evenienza rara perchè l'incidenza annua riportata in letteratura varia da 1/10.000 a 1/100.000 soggetti; non va però dimenticato che in alcuni casi, fortunatamente molto rari procurano necrosi epatica, ittero, epatite fulminante con o senza ittero, e insufficienza epatica".

"Il nostro organismo - spiega Antonio Grieco, responsabile dell'ambulatorio delle malattie del fegato, presso l'Unità operativa di Medicina generale del Gemelli - è costantemente bombardato da veleni, da composti chimici nocivi che troviamo nell'aria che respiriamo, nell'acqua che beviamo, nei cibi di cui ci nutriamo. Le tossine che non vengono 'disinnescate' si depositano nei diversi tessuti del corpo, dando origine a una vasta gamma di malesseri come cefalee, stanchezza costante, problematiche della pelle, allergie e molti disturbi cronici e degenerativi. Il nostro stare bene spesso è legato alla sua piena funzionalità".
© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere




















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Dolore
Gastro
Neurologia
OncoEmatologia
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 18 settembre 2014

Seguici su Facebook!