Info     Archivio Newsletter     Video interviste  
 
Homepage
2014
Cerca nel sito
Effettua la ricerca
Altri articoli della sezione
Altre News
Cura e qualita' di vita, anche il paziente deve dire la sua
Tosse, raffreddore, respiro ‘con il fischietto': colpa della “sindrome della campanella”
Una App per gestire i farmaci e la vita delle persone sieropositive
Farmaceutica, una proposta per tradurre i costi della sanità in investimenti per la salute pubblica
Più sicurezza per i farmaci in Ospedale con il progetto PADlock

Ultime 5 notizie
pubblicate sul sito
Verona, si parla di salute respiratoria di adulti e bambini
Adenocarcinoma duttale al pancreas BRCA+, chemio a base di platino può allungare la vita
Ca al seno, linfociti infiltranti predittivi della risposta alla chemioneoadiuvante
Diabete tipo 2, aggiunta di liraglutide a insulina basale migliora il controllo glicemico
Deficit di vit.D, più rischio di esiti cerebrali o decesso dopo rianimazione per arresto cardiaco

Interviste
Encefalopatia epatica, terapia antibiotica riduce ricadute e ricoveri
Encefalopatia epatica: cos'è, cause, conseguenze, prevenzione
Encefalopatia epatica, il punto di vista dei pazienti
Hiv, le nuove frontiere della terapia Single Tablet Regimen
Pazienti con Hiv, conquiste realizzate e obiettivi ancora da raggiungere
Hiv, cosa ne pensano gli italiani: miti e realtà
Infezione da Hiv, qual è la situazione italiana?


Ultima Newsletter
Si chiude il XXXV Congresso SIFO, 3000 farmacisti uniti per “curare” la Sanità Italiana
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News



Fegato e farmaci, non sempre vanno d'accordo


03 dicembre 2010

Sono circa dieci milioni gli italiani con un fegato "non nella norma" e il 25% non sa di avere problemi epatici. Si stimano in circa 20-25mila ogni anno i decessi per epatopatie, specie per cirrosi e tumore. In non pochi casi la causa di queste patologie risiede nel cattivo uso o nell'abuso di farmaci.

Per parlare di questi temi, oggi e domani (3-4 dicembre) si svolgerà presso il Policlinico universitario Agostino Gemelli, il Convegno intitolato "Fegato e farmaci" presieduto dal gastroenterologo Giovanni Gasbarrini, promosso dall'Associazione Italia per lo Studio del Fegato (AISF) in collaborazione con il Policlinico Gemelli.

All'incontro parteciperanno alcuni fra i più affermati specialisti in epatologia a livello nazionale e internazionale per parlare del cattivo uso o dell'abuso di farmaci che può portare all'insorgenza di patologie epatiche.

Nella prima giornata del convegno, l'attenzione degli studiosi si concentrerà sulla farmacocinetica, la farmacodinamica, le interazioni farmacologiche e i modelli di epatossicità da paracetamolo e FANS, da antiblastici e da prodotti erboristici che per la loro origine naturale sono pubblicizzati come, se non più efficaci, meno tossici dei farmaci 'convenzionali', ma che invece possono provocare effetti indesiderati sul fegato sino a intossicarlo.

Nella giornata di sabato 4 dicembre sarà affrontato il tema della situazione italiana, l'efficienza diagnostica reale, l'efficacia sul campo della segnalazione, l'accesso a banche dati, le terapie di salvataggio, la creazione di un network AISF/AIFA.

"L'epatotossicità indotta dai farmaci - afferma l'epatologo Antonio Gasbarrini del comitato scientifico del convegno, e presidente della Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia (Fire) - è comunque un'evenienza rara perchè l'incidenza annua riportata in letteratura varia da 1/10.000 a 1/100.000 soggetti; non va però dimenticato che in alcuni casi, fortunatamente molto rari procurano necrosi epatica, ittero, epatite fulminante con o senza ittero, e insufficienza epatica".

"Il nostro organismo - spiega Antonio Grieco, responsabile dell'ambulatorio delle malattie del fegato, presso l'Unità operativa di Medicina generale del Gemelli - è costantemente bombardato da veleni, da composti chimici nocivi che troviamo nell'aria che respiriamo, nell'acqua che beviamo, nei cibi di cui ci nutriamo. Le tossine che non vengono 'disinnescate' si depositano nei diversi tessuti del corpo, dando origine a una vasta gamma di malesseri come cefalee, stanchezza costante, problematiche della pelle, allergie e molti disturbi cronici e degenerativi. Il nostro stare bene spesso è legato alla sua piena funzionalità".
© Riproduzione riservata

Invia ad un amico Stampa l'articolo Diminuisci il carattere Aumenta il carattere





















PharmaStar
Registrazione al Tribunale di Milano
n° 516 del 6 settembre 2007
Direttore Responsabile: Danilo Magliano
Copyright ©MedicalStar™
via San Gregorio, 12 20124 Milano
info@medicalstar.it
P.Iva: 09529020019
Canali Tematici
Home
Italia
Ema
Fda
Cardio
Diabete
Dolore
Gastro
Neuro
OncoEmato
Orto-Reuma
Pneumo
Altri Studi
Business
Altre News
Quaderni

Info
Archivio Newsletter
Video interviste
Condividi
Facebook
Twitter
RSS
Invia ad un amico

Condizioni di utilizzo | Privacy | Help
Senza autorizzazione, è vietata la riproduzione anche parziale.
Data ultimo aggiornamento: 22 ottobre 2014

Seguici su Facebook!