Che cos’è paliperidone palmitato a iniezione trimestrale?
È un farmaco antipsicotico atipico in sospensione iniettabile a rilascio prolungato a somministrazione trimestrale, approvato dalla Commissione Europea a maggio 2016, per il trattamento di mantenimento della schizofrenia in Europa.1
È indicato per il trattamento di mantenimento della schizofrenia in pazienti adulti che sono clinicamente stabili con aliperidone palmitato a somministrazione mensile). Paliperidone palmitato a somministrazione mensile è stato approvato nel 2011 in Europa come antipsicotico atipico a rilascio prolungato a somministrazione mensile per il trattamento di mantenimento della schizofrenia e ne è stata precedentemente provata l’efficacia sui sintomi della schizofrenia e sulla riduzione del rischio di ricadute.2–5
È il primo farmaco per la schizofrenia che viene somministrato quattro volte all’anno fornendo così l’intervallo di somministrazione più lungo attualmente disponibile per un farmaco antipsicotico.1

I potenziali benefici di paliperidone palmitato a somministrazione trimestrale
Questo nuovo trattamento aumenta l’intervallo tra una somministrazione e l’altra e ha il potenziale di offrire ai pazienti idonei maggiore indipendenza e l’opportunità di pensare meno all’assunzione dei farmaci e concentrarsi di più su come stare meglio. Con un minor numero di appuntamenti necessari per la somministrazione, paliperidone palmitato con iniezione trimestrale può offrire benefici a lungo termine ai pazienti, ai caregiver e agli operatori sanitari.6,7
La mancata aderenza alla terapia è un importante fattore di rischio per le ricadute nei pazienti con schizofrenia e anche brevi interruzioni del trattamento antipsicotico possono portare a riacutizzazioni.8 Terapie con intervalli più prolungati tra le somministrazioni possono contribuire a migliorare l’aderenza alla terapia e conseguentemente ridurre il rischio di una ricaduta.5 Paliperidone palmitato a iniezione trimestrale, somministrato quattro volte all’anno da un operatore sanitario, può rassicurare gli operatori sanitari e i caregiver sul fatto il paziente possa trarre beneficio dal continuo rilascio del farmaco tra una somministrazione e l’altra.

Efficacia di paliperidone palmitato con iniezione trimestrale
L'autorizzazione all'immissione in commercio a livello europeo di paliperidone palmitato a somministrazione trimestrale per il trattamento della schizofrenia è basata sui dati di due studi di Fase III. Il primo è stato uno studio randomizzato, multicentrico, in doppio-cieco, controllato con placebo, per la prevenzione di ricadute in più di 500 persone con schizofrenia. Lo studio ha valutato l’efficacia di paliperidone palmitato a somministrazione trimestrale rispetto al placebo nel ritardare il tempo alla ricaduta. Paliperidone palmitato con iniezione trimestrale ha significativamente ritardato la comparsa di ricaduta (ricomparsa dei sintomi della schizofrenia) rispetto al placebo. Inoltre, i pazienti a cui era stato assegnato, in modo casuale, il placebo avevano una probabilità di ricaduta 3 volte superiore durante la fase in doppio-cieco rispetto a quelli trattati con paliperidone palmitato a iniezione trimestrale.7
Il secondo studio è stato un trial clinico randomizzato, in doppio-cieco che ha messo a confronto l’efficacia e la sicurezza di paliperidone palmitato a iniezione trimestrale rispetto alla somministrazione mensile. Paliperidone palmitato a iniezione trimestrale ha dimostrato di essere almeno altrettanto efficace della rispettiva formulazione mensile nella prevenzione delle ricadute. I precedenti miglioramenti dei sintomi e del funzionamento psicosociale sono stati mantenuti con successo con paliperidone palmitato a iniezione trimestrale e circa il 60% dei pazienti trattati con paliperidone palmitato a somministrazione trimestrale ha raggiunto la remissione sintomatica.6

Sicurezza di paliperidone palmitato a iniezione trimestrale
È generalmente ben tollerato. Non è stato associato a nuovi o inattesi segnali di sicurezza ed il profilo di tollerabilità è risultato simile a quello precedentemente osservato con altre formulazioni di paliperidone.1,6,7,9
Tuttavia, come con tutti gli altri farmaci, alcuni pazienti possono sperimentare degli effetti indesiderati. Gli effetti indesiderati che sono stati osservati più frequentemente e riportati in ≥ 5% di pazienti nei due studi controllati in doppio-cieco sono stati: aumento del peso, infezioni del tratto respiratorio, ansia, mal di testa, insonnia e reazione nella sede d’iniezione.6,7

Come funziona paliperidone palmitato a iniezione trimestrale
È generalmente riconosciuto che i sintomi della schizofrenia come allucinazioni, deliri, mancanza di reazioni emotive, isolamento sociale/depressione, apatia e mancanza di spinta o di iniziativa sono principalmente causati da anomalie nell’attività di due particolari neurotrasmettitori nel cervello, la dopamina e la serotonina. Paliperidone palmitato a iniezione trimestrale blocca i recettori della dopamina e della serotonina per controllare i sintomi della schizofrenia.10
Le caratteristiche di rilascio graduale e di regime posologico di paliperidone palmitato a iniezione trimestrale risultano in concentrazioni terapeutiche mantenute per oltre tre mesi. Una volta nel corpo, il farmaco si dissolve lentamente e rilascia una quantità di paliperidone controllata nel tempo.1,6,7


Note
1.    European Medicines Agency, Committee Medicinal Products for Human Use. Summary of opinion: TREVICTA (paliperidone). 1 April 2016. Available at: http://www.ema.europa.eu/docs/en_GB/document_library/Summary_of_opinion/human/004066/WC500204137.pdf (last accessed May 2016)
2.    Pandina et al. A randomised, placebo controlled study to assess the efficacy and safety of 3 doses of paliperidone palmitate in adults with acutely exacerbated schizophrenia. Journal of Clinical Psychopharmacology 2010;30:235–244.
3.    Bossie CA, et al. Onset of efficacy and tolerability following the initiation dosing of long-acting paliperidone palmitate: post-hoc analyses of a randomized, double-blind clinical trial. BMC Psychiatry 2011;11:79.
4.    Hough D, et al. Paliperidone palmitate maintenance treatment in delaying the time to relapse in patients with schizophrenia: A randomized, double-blind placebo-controlled study. Schizophrenia Research 2010;116(2):107–117.
5.    Gopal S, et al. A 52-week open-label study of the safety and tolerability of paliperidone palmitate patients with schizophrenia. Journal of psychopharmacology 2011 May;25(5):685–97.
6.    Savitz A et al. Efficacy and safety of paliperidone palmitate 3-month formulation for patients with schizophrenia: A randomized, multicenter, double-blind, non-inferiority study. Int J Neuropsychopharmacol 2016 (Feb 22). doi: 10.1093 [Epub ahead of print].
7.    Berwaerts J, et al. Efficacy and Safety of the 3-Month Formulation of Paliperidone Palmitate vs Placebo for Relapse Prevention of Schizophrenia: A Randomized Clinical Trial. JAMA Psychiatry 2015; 72(8):830–9.
8.    Weiden PJ, et al. Partial compliance and risk of rehospitalization among California medicaid patients with schizophrenia. Psychiatric Services 2004;55(8):886–91.
9.    Ravenstijn P et al. Pharmacokinetics, safety, and tolerability of paliperidone palmitate 3 month formulation in patients with schizophrenia: A phase-1, single-dose, randomized, open-label study. J Clin Pharmacol. 2016;56(3):330–9.
10.    Fowler et al. Paliperidone extended-release tablets for the acute and maintenance treatment of schizophrenia. Clinical Therapeutics 2008;30(2):231-248.