Patologie della pelle, sotto accusa la disbiosi intestinale e cutanea. #WCD2019

Tra le possibili cause di acne, dermatite atopica, psoriasi e rosacea, oltre alle componenti fisiopatologiche finora conosciute, entrano in gioco la disbiosi intestinale e quella cutanea. ╚ questa una rivoluzione importante nel panorama dermatologico e tema di una sessione nel corso del 24th World Congress of Dermatology, a Milano fino a sabato prossimo.

Tra le possibili cause di acne, dermatite atopica, psoriasi e rosacea, oltre alle componenti fisiopatologiche finora conosciute, entrano in gioco la disbiosi intestinale e quella cutanea. È questa una rivoluzione importante nel panorama dermatologico e tema di una sessione nel corso del 24th World Congress of Dermatology, a Milano fino a sabato prossimo.

“Si tratta di una nuova prospettiva – dichiara il dottor Marco Pignatti della Clinica dermatologica universitaria di Modena e Reggio Emilia – quando pensiamo che malattie che abbiamo sempre curato con gli antibiotici, gli antifungini e gli antiparassitari, come l’acne, la dermatite atopica, la rosacea, in realtà hanno tra le cause ed i possibili interventi terapeutici la disbiosi cutanea”.

Negli ultimi anni il microbioma ha rivoluzionato la medicina e, quindi, anche la dermatologia. Sono conoscenze che fino a dieci, quindici anni fa non c’erano e che coinvolgono tutti i metabolismi e tutti i sistemi da quello endocrino a quello immunitario, e il rapporto intestinocervello. Il microbioma intestinale e cutaneo collaborano con le funzioni della pelle e sono formati da microrganismi il cui squilibrio può causare alcune importanti patologie dermatologiche.

“Nel corso del mio intervento ho spiegato come il rapporto tra cibo, e pelle non sia solamente collegato alle intolleranze e alle allergie ma a tutta una serie di meccanismi che collegano quello che noi introduciamo come cibo e che tramite le trasformazioni effettuate dal microbiota a livello intestinale va poi ad influenzare le patologie della pelle” spiega il dottor Pignatti.

Nella psoriasi e nelle altre patologie autoimmuni ci sono alterazioni del microbiota che sono le stesse di alcune malattie infiammatorie intestinali e molte malattie della pelle trovano tra le loro cause tali squilibri intestinali.

“Per poter risolvere queste patologie adesso sappiamo che dobbiamo curare le cause di origine intestinale, riducendo l’infiammazione, ripristinando la funzione di barriera e andando a riequilibrare la popolazione microbica intestinale” conclude Pignatti.