Psoriasi a unghie, cuoio capelluto e palmoplantare, risankizumab efficace e sicuro #WCD2019

Uno studio americano presentato al World Congress of Dermatology (WCD) di Milano ha valutato l'efficacia e la sicurezza di risankizumab (RZB) rispetto a ustekinumab (UST) nel trattamento della psoriasi dell'unghia, del cuoio capelluto e palmoplantare utilizzando i dati integrati dei 2 trial di fase III UltIMMa-1 e UltIMMa-2 in pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa.

Uno studio americano presentato al World Congress of Dermatology (WCD) di Milano ha valutato l'efficacia e la sicurezza di risankizumab (RZB) rispetto a ustekinumab (UST) nel trattamento della psoriasi dell'unghia, del cuoio capelluto e palmoplantare utilizzando i dati integrati dei 2 trial di fase III UltIMMa-1 e UltIMMa-2 in pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa.

La psoriasi ungueale, del cuoio capelluto e palmoplantare può causare dolore, compromettere la funzionalità, limitare le attività della vita quotidiana e peggiorare la qualità della vita. Le manifestazioni della malattia in queste sedi anatomiche possono essere difficili da trattare.

Gli studi
UltIMMa-1 e 2 sono studi di fase III randomizzati, in doppio cieco, randomizzati, controllati con placebo e con ustekinumab (UST), eseguiti in 139 siti in Australia, Austria, Belgio, Canada, Repubblica Ceca Repubblica, Francia, Germania, Giappone, Messico, Polonia, Portogallo, Corea del Sud, Spagna e Stati Uniti.

Analisi integrata degli studi UltIMMa
Parte A: i pazienti sono stati randomizzati 3:1:1 a ricevere RZB 150 mg o UST in base al peso (45 mg per i pazienti con peso corporeo ≤100 kg o 90 mg per i pazienti >100 kg) o placebo alle settimane 0 e 4 (Figura 1)

Parte B (doppio cieco, settimane 16-52): i pazienti inizialmente assegnati al placebo sono passati a 150 mg di RZB alla settimana 16 e hanno ricevuto RZB alle settimane 16, 28 e 40; altri pazienti hanno continuato il trattamento originariamente randomizzato con ulteriori dosi alle settimane 16, 28 e 40.

I principali criteri di inclusione comprendevano: pazienti di sesso maschile o femminile (donne in età fertile ma con controllo di eventuali gravidanze); età ≥18 anni allo screening; psoriasi cronica a placche da moderata a grave stabile (con o senza artrite psoriasica) per ≥6 mesi sia allo screening che al basale: superficie corporea coinvolta ≥10%, indice di gravità dell'area psoriasica ≥12, punteggio Static Physician’s Global Assessment ≥3.

I principali criteri di esclusione comprendevano: pazienti con forme di psoriasi non-a placche, con psoriasi indotta da farmaci, con malattie infiammatorie in corso attive diverse dalla psoriasi e dall'artrite psoriasica, precedentemente trattati con un inibitore IL-23 o un inibitore IL-12/23

Parametri valutati:
⦁ Indice di gravità della psoriasi delle unghie (NAPSI): quanto l'unghia è affetta da psoriasi del letto ungueale e della matrice, con punteggi che vanno da 0 a 80; punteggi più alti riflettono una maggiore presenza di psoriasi ungueale.
⦁ Psoriasis Scalp Severity Index (PSSI) - Un punteggio composito compreso tra 0 e 72 derivato dalla somma dei punteggi per eritema, indurimento e desquamazione, moltiplicato per il punteggio registrato per l'estensione dell'area del cuoio capelluto interessata.
⦁ Indice di gravità della psoriasi palmoplantare (PPASI): un punteggio composito compreso tra 0 e 72 per la psoriasi che colpisce le mani e i piedi - Combinazione lineare della percentuale di area superficiale di mani e piedi derivata dalla somma dei punteggi per eritema, indurimento e desquamazione, moltiplicati per il punteggio registrato per l'estensione dell'area interessata.
⦁ NAPSI, PSSI e PPASI sono stati valutati al basale e alle settimane 16 e 52

Durante lo studio è stata monitorata la sicurezza.

RISULTATI
CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE
Sono stati randomizzati al basale per ricevere RZB un totale di 598 pazienti e 199 per ricevere UST (analisi integrata). Dati demografici basali e caratteristiche della malattia erano generalmente simili tra i bracci di trattamento RZB e UST.

NAPSI di riferimento medio, PSSI e PPASI erano simili tra i pazienti trattati con RZB e quelli trattati con UST. La proporzione di pazienti che avevano un interessamento delle unghie (RZB 62.3% vs UST 57.5%) e del cuoio capelluto (RZB 89.9% vs UST 87.2%) erano comparabili tra i bracci di trattamento RZB e UST, mentre la proporzione di pazienti con coinvolgimento palmoplantare (RZB 31,3% vs UST 19,9%) era leggermente più alta nel braccio di trattamento con RZB rispetto al braccio di trattamento UST.

La popolazione analizzata per l'efficacia alla settimana 52 includeva solo pazienti con un punteggio di base >0 su NAPSI, PSSI o PPASI, rispettivamente.

NAPSI
• Alla settimana 52, la media dei minimi quadrati (LS) dal basale era significativamente maggiore per i pazienti trattati con RZB rispetto a quelli sottoposti a UST (RZB -16,1 [n=361] vs UST -12,2 [n=111]; p<0.001).
• Il miglioramento della NAPSI era maggiore tra i pazienti con un NAPSI >12 o un NAPSI >16 al basale, indipendentemente dal gruppo di trattamento

Tuttavia, la variazione percentuale rispetto al basale era significativamente maggiore tra i pazienti trattati con RZB con una NAPSI >12 (p=0,001) o NAPSI >16 al basale (p=0,005), rispetto a quelli che hanno ricevuto UST.

PSSI
⦁ Alla settimana 52 si è verificato un miglioramento significativo nel PSSI dei pazienti trattati con RZB rispetto ai pazienti che ricevevano UST (p<0.001)
⦁ Il cambiamento medio di LS dal basale era -18,7 per i pazienti trattati con RZB rispetto a -15,7 per il trattamento con UST (p<0,001).
⦁ Il miglioramento di PSSI era maggiore tra i pazienti con un PSSI >12 o PSSI >16 al basale, indipendentemente dal trattamento.
⦁ È stato osservato un miglioramento significativamente maggiore nel PSSI tra pazienti trattati con RZB con PSSI >12 (p<0,001) o un PSSI >16 al basale (p<0,001), rispetto ai pazienti che ricevevano UST

PPASI
⦁ Alla settimana 52, la variazione percentuale rispetto al basale nei punteggi di PPASI era confrontabile tra i pazienti trattati con RZB e quelli trattati con UST (p=0,716)
⦁ Il cambiamento medio di LS dal basale era di -7,1 per il trattamento con RZB rispetto a -6,3 per i pazienti trattati con UST (p=0,061)

Nel PPASI sono stati osservati maggiori miglioramenti nei pazienti con una PPASI >12 o una PPASI >16 al basale

⦁ La variazione percentuale rispetto al basale è stata significativamente maggiore tra i pazienti trattati con RZB con un PPASI >16 al basale rispetto ai pazienti che ricevevano UST (p=0,031)

SICUREZZA
Non ci sono stati risultati di sicurezza inaspettati e l’incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento era simile tra i due gruppi di trattamento (RZB 70,1% vs UST 78,9%). L'incidenza di effetti collaterali gravi (RZB 7,0% vs UST 9,0%) e di qualsiasi evento avverso che portava all’interruzione dello studio (RZB 0,8% vs UST 2,0%) era simile tra i due gruppi di trattamento.

In conclusione, i pazienti sottoposti a risankizumab hanno sperimentato un significativo miglioramento della psoriasi del cuoio capelluto e delle unghie e un marcato miglioramento della psoriasi palmoplantare alla settimana 52 rispetto ai pazienti trattati con ustekinumab.

Pazienti con punteggi NAPSI, PSSI o PPASI >12 o 16 al basale hanno mostrato un miglioramento importante alla settimana 52 rispetto a quelli trattati con ustekinumab.

Risankizumab Profile in Nail, Scalp, and Palmoplantar Psoriasis: Efficacy and Safety at 52 Weeks in an Integrated Analysis of Patients With Moderate-to-Severe Plaque Psoriasis Boni Elewski, Presented (poster presentation) at the 24th World Congress of Dermatology, June 10–15 2019, Milan, Italy.