Altri Studi

VIDEO

HIV, importanza del raggiungimento dell'U=U (non rilevabile=non trasmissibile)


HIV, semplificazione e vantaggi della duplice terapia


HIV, le moderne triplici terapie incontrano le esigenze dei pazienti


HIV, novità nel trattamento per i pazienti multiresistenti


Epatite C, potenza ed efficacia del regime che elimina l'HCV in 8 settimane


Long term therapy, le novità in terapia contro l'HIV


Approccio personalizzato al paziente con HCV, ruolo del test and treat


Batteri multiresistenti, un aiuto dalla terapia fagica


Epatite C, farmaci molto potenti e veloci per eliminare l'infezione


Polmoniti nosocomiali, le novità in terapia


Epatite C, un modello per stimare le persone da identificare e trattare


HIV, le ultime evidenze sul regime a due farmaci


HBV, i nuovi farmaci incontrano i bisogni insoddisfatti dei pazienti


Le micobatteriosi atipiche, importanza della multidisciplinarietà e delle notifiche al Ministero


HIV e comorbidità, una sfida ancora aperta


Nuovi antibiotici, le caratteristiche farmacologiche che li rendono efficaci


Eradicare l’HCV nelle carceri, il ruolo della SIMSPE


I temi caldi della XVIII edizione del congresso SIMIT


Esigenze dei pazienti con HIV, quali sono e quanto sono soddisfatte dai nuovi farmaci


Tubercolosi, come gestire i casi difficili


Team multidisciplinare, fondamentale nella gestione delle micobatteriosi non tubercolari


Batteremie da batteri produttori di carbapenemasi, come si curano oggi i casi difficili?


ARTICOLI

Colite ulcerosa, risultati positivi in fase III per vedolizumab

Takeda Pharmaceutical ha annunciato che in uno studio di fase III che ha arruolato pazienti con colite ulcerosa il nuovo anticorpo monoclonale vedolizumab ha raggiunto l'end point di efficacia. Vedolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato dirett[...]

Malattia di Gaucher, conferme a 4 anni per eliglustat tartrato

Genzyme, un'azienda del Gruppo Sanofi, ha annunciato i dati di follow up a quattro anni sui pazienti arruolati per lo studio di fase 2 sul farmaco orale sperimentale per il trattamento della malattia di Gaucher di tipo 1, noto come eliglustat tartrat[...]

Shock settico, raffreddamento esterno riduce mortalità precoce

Controllare la febbre abbassando la temperatura corporea attraverso il raffreddamento esterno riduce la necessità di vasopressina e la mortalità precoce nei pazienti sedati in seguito a shock settico. E' quanto emerso da uno studio condotto da un te[...]

Resistenze virali al nuovo anti epatite C di Gilead

Il nuovo antivirale di Gilead si era dimostrato efficace sul 100% dei pazienti con epatite C di genotipo 1 che non avevano risposto a una iniziale terapia con interferone. Purtroppo, entro un mese dal termine della 12 settimane di terapia con GS-7977[...]

Tossina botulinica efficace nella distonia oromandibolare

Un'analisi retrospettiva ha mostrato che l'iniezione della tossina botulinica di tipo A nei muscoli facciali porta a un miglioramento dei sintomi della distonia oromandibolare che si mantengono nel lungo periodo. Lo studio è stato presentato al cong[...]

Epilessia, terapia intramuscolo superiore a quella endovena

L'iniezione intramuscolare di midazolam migliora gli attacchi epilettici al di fuori dell'ospedale in modo superiore rispetto alla somministrazione endovenosa di lorazepam. E' il risultato di uno studio denominato RAMPART (Rapid Anticonvulsant Medica[...]

Farmaco anti-fumo efficace anche nella dipendenza da alcol

La vareniclina, un farmaco utilizzato per aiutare a smettere di fumare, sembra essere efficace anche nella dipendenza da alcol. Lo ha dimostrato uno studio pilota pubblicato su Alcoholism: Clinical and Experimental Research.

Huntington, nuova molecola rallenta la progressione negli animali

Il ganglioside GM1 sembra ritardare e in alcuni casi arrestare la progressione della Corea di Huntington. Lo studio, condotto per ora solo nei topi da laboratorio, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Rinosinusite acuta, gli antibiotici servono a poco

Molti dei sintomi della sinusite si risolvono anche senza utilizzare antibiotici. E' quanto emerso da uno studio appena pubblicato sul Journal of the American Medical Association (JAMA).

Italiani scoprono come funzionano gli antipsicotici

Avvalendosi delle più recenti tecniche di neuroimaging funzionale un gruppo di ricercatori italiani ha potuto identificare in che modo la diversa concentrazione dei recettori D2 presenti nel Corpo Striato del cervello influenza l'attività del Default[...]

HIV, serve una nuova strategia per la fase III

Gli studi di fase III sull'Hiv multi-resistente devono evolversi passando dal concetto tradizionale di superiorità o non-inferiorità dei nuovi agenti testati rispetto a quelli di confronto a un nuovo approccio nel quale si dimostrano miglioramenti cl[...]

Aids: proteina 'affama' virus Hiv e blocca replicazione

Affamarlo e distruggere gli elementi essenziali per la sua riproduzione. Sembrerebbe una tattica militare da adottare contro un nemico, invece e' la tecnica usata da una classe di cellule del sistema immunitario che 'affamano' il virus dell'Hiv e non[...]

Chirurgia della mano, profilassi antibiotica non necessaria

Lo sviluppo di infezioni localizzate dopo la chirurgia elettiva dei tessuti molli della mano non è frequente e quindi la profilassi antibiotica non è necessario. E' quanto affermato dai ricercatori dell'Università di Philadelphia che hanno presentato[...]

Un anticancro il primo vero anti Alzheimer?

Un gruppo di ricercatori statunitensi ha scoperto che il bexarotene, un farmaco antitumorale approvato da oltre 10 anni, è in grado di ridurre rapidamente i sintomi dell'Alzheimer nei topi da laboratorio. La ricerca, condotta dagli scienziati della C[...]

Steroidi prima del ricovero non prevengono danno polmonare acuto

Una terapia con steroidi prima di un ricovero in ospedale non ha ridotto il rischio di danno polmonare acuto nei pazienti critici e potrebbe aver aumentato il rischio di mortalità ospedaliera, stando ai risultati di uno studio osservazionale (a sua v[...]

Profilassi anti-TEV precoce è sicura dopo un'emorragia intracranica

Dopo un'emorragia intracranica, il rischio di un nuovo sanguinamento non aumenta se i pazienti sono sottoposti precocemente alla profilassi contro il tromboembolismo venoso (TEV), entro 48 ore dal ricovero. A rivelarlo è l'esito di uno studio retrosp[...]

Nuove linee guida Usa per il diabete di tipo 2: all'inizio solo metformina

La metformina dovrebbe essere l'ipoglicemizzante orale di prima scelta per i pazienti con diabete di tipo 2 (DT2) che non rispondono alla dieta e ai cambiamenti dello stile di vita. È questa una delle tre raccomandazioni di fondo contenute nelle nuov[...]

Vaccino antimeningococcico per sierogruppo B, conferme da studio su JAMA

JAMA ha pubblicato uno studio che dimostra che il vaccino multicomponente contro il meningococco di sierogruppo B (4CMenB) induce una robusta risposta immunitaria contro questo sierogruppo. Inoltre, i risultati dimostrano che il vaccino può essere in[...]

Emorragia intracerebrale, outcome migliori con chirurgia mininvasiva più trombolisi

Ridurre le dimensione di un'emorragia intracranica attraverso una tecnica chirurgica mininvasiva associata alla trombolisi con l'attivatore tissutale del plasminogeno (tPA) può contribuire a migliorare gli outcome. A suggerirlo sono i risultati dello[...]

Sildenafil, dati incoraggianti nei linfoangiomi pediatrici

La terapia con sildenafil sembrerebbe ridurre le malformazioni linfatiche gravi che a volte si manifestano in pazienti pediatrici. E' quanto affermato da ricercatori di Palo Alto in California che hanno sperimentato la terapia su due bambini affetti [...]