Altri Studi

VIDEO

Alt a nausea e vomito in gravidanza, arriva nuovo farmaco collaudato su 200mila donne


Nausea e vomito in gravidanza, perché insorge, quali sono le cause e cosa fare


Idrosadenite suppurativa: arriva HIDRAdisk, la prima app per valutare l'impatto della malattia


Idrosadenite suppurativa: le 5 cose da sapere


Idrosadenite suppurativa: come incide sulla qualità di vita di chi ne soffre?


Ceftolozane/tazobactam, efficace nelle polmoniti nosocomiali da ventilatore. Lo studio ASPECT-NP


Polmoniti nosocomiali associate a ventilazione, identikit dell'infezione e di come contrastarla


Infezioni intra-addominale e delle vie urinarie, utilità delle strategie di risparmio di carbapeneme


Citomegalovirus, rischi per i pazienti sottoposti a trapianto.Importanza di puntare sulla profilassi


Infezioni nosocomiali della cute e dei tessuti molli, gli strumenti per contrastarle


Clostridium difficile, chi colpisce e come gestire i pazienti


Meningiti batteriche, i progetti per caratterizzare i pazienti e migliorarne la gestione


Batteri resistenti agli antibiotici, cosa fare per prevenire le recidive del Clostridium difficile


Polmoniti nosocomiali, le novità in terapia


HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


ARTICOLI

Hiv, concentrazione plasmatica inibitori della proteasi aumenta con l'età

Nelle persone affette da HIV, le concentrazioni plasmatiche degli inibitori della proteasi aumentano con l'età. Lo hanno rivelato alcuni ricercatori del Regno Unito in uno studio pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy.

Acido malico in spray utile contro la bocca secca da antidepressivi

Uno studio condotto dai ricercatori delle Università di Granada e Murcia ha confermato l'efficacia di uno spray contenente acido malico all'1% per migliorare la secchezza delle fauci (xerostomia) dovuta agli antidepressivi. Il trial è stato pubblicat[...]

Demenza nell'anziano, nessun aumento del rischio di decesso con gli antipsicotici

Per anni, i medici hanno sostenuto che l'uso off-label dei farmaci antipsicotici per il trattamento di disturbi del comportamento nei pazienti affetti da demenza potrebbe aumentare la mortalità. Tuttavia, i risultati di un ampio studio osservazionale[...]

Roche rende pubblici tutti i dati su oseltamivir

Il British Medical Journal (Bmj) ha riportato che Roche garantirà ai ricercatori della Cochrane Collaboration libero accesso ai dati di tutti i 74 trial clinici sponsorizzati dall'azienda, condotti sul farmaco antinfluenzale oseltamivir. La decisione[...]

Aids: scoperto anticorpo che neutralizza 55% ceppi virus Hiv

Un passo importante nella strada per il vaccino contro l'aids è stato compiuto: alcuni ricercatori americani hanno infatti 'tracciato' la risposta immunitaria di una persona al virus e visto, con una serie di mutazioni, come arrivare allo sviluppo di[...]

Rebamipide meglio dell'acido ialuronico contro la secchezza oculare

Una sospensione di rebamipide al 2% si è dimostrata efficace nel migliorare segni e sintomi della secchezza oculare e superiore al collirio di controllo (una soluzione di ialuronato di sodio allo 0,1%) in uno studio multicentrico giapponese, appena p[...]

Meningite criptococcica, terapia combinata migliora la sopravvivenza nei sieropositivi

Un terapia antifungina combinata con amfotericina B e flucitosina ha migliorato la sopravvivenza nei pazienti sieropositivi all'HIV con meningite criptococcica, mentre quella con amfotericina B e fluconazolo non ha mostrato benefici significativi in [...]

Sclerosi multipla e natalizumab, rischio di LMP maggiore se si è più magri

Un nuovo studio presentato all'ultimo congresso dell'American Academy of Neurology (AAN) suggerisce che i pazienti affetti sclerosi multipla (SM) trattati con natalizumab possono essere a maggior rischio di sviluppare leucoencefalopatia multifocale p[...]

SLA, promettente nuova strategia basata sul DNA

Su Lancet Neurology sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase I che ha valutato l'utilizzo dell' oligonucleotide antisenso ISIS 333611 disegnato contro la proteina mutata SOD1 in 21 pazienti affetti da SLA.

Tirasemtiv, primi dati incoraggianti nella miastenia grave

Tirasemtiv, un attivatore della troponina del muscolo scheletrico, già al vaglio dei ricercatori come possibile trattamento per la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), potrebbe anche avere un ruolo nella miastenia grave. A suggerirlo sono i dati inco[...]

Trattamento di massa con azitromicina contro il tracoma non aumenta la mortalità negli adulti

Un trattamento di massa con azitromicina per via orale per il controllo del tracoma non ha aumentato il rischio di decesso tra i pazienti adulti arruolati nello studio TANA (Trachoma Amelioration in Northern Amhara), uno studio condotto in Etiopia tr[...]

Bassi livelli di vitamina D post-trapianto di rene peggiorano la funzione del graft

Livelli bassi di vitamina D dopo un trapianto di rene sono associati a una funzionalità renale peggiore e a una maggiore fibrosi, stando ai risultati di uno studio osservazionale francese, appena pubblicato sul Journal of the American Society of Neph[...]

Possibile nesso tra glucocorticoidi e aumento del rischio di TEV

L'uso di glucocorticoidi potrebbe essere associato a un aumento del rischio di tromboembolismo venoso (TEV), stando ai i risultati di uno studio di popolazione caso-controllo appena uscito su JAMA Internal Medicine.

Vaccino anti S. aureus nelle ferite chirurgiche non efficace e poco sicuro

L'uso del vaccino sperimentale V710 sviluppato per prevenire le infezioni da Staphylococcus aureus nei pazienti sottoposti a chirurgia cardiotoracica non riduce l'incidenza di infezioni gravi postoperatorie da S. aureus rispetto al placebo. Inoltre, [...]

Gocce occhi anti colesterolo utili contro cecità

Le gocce per gli occhi prodotte per abbassare il colesterolo possono prevenire anche una delle forme più comuni di cecità, la degenerazione maculare nella retina. Alti livelli di colesterolo infatti possono colpire il sistema immunitario e portare a [...]

Nessun beneficio dagli isoflavonoidi della soia nelle donne in postmenopausa

Gli integratori a base di soia non migliorano la qualità di vita delle donne in post menopausa. Lo dimostra uno studio condotto dai ricercatori della Oregon Health and Science University di Portland, pubblicato sulla rivista Menopause.

Prebiotici possibile scudo contro l'eczema infantile

Secondo una review pubblicata di recente nel Cochrane Database of Systematic Reviews l'aggiunta di prebiotici al latte artificiale o al latte materno può prevenire l'eczema nei bambini fino a 2 anni, ma non ci sono evidenze chiare sul fatto che quest[...]

Nuovo studio conferma e rassicura: nessun legame tra vaccini e autismo

Nuovo capitolo nella saga vaccini-autismo. Un nuovo studio appena pubblicato sul Journal of Pediatrics, opera di ricercatori dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) di Atlanta, mostra che rispettare il calendario vaccinale indicato dalle[...]

Supplementazione di vitamina D utile per ridurre la pressione sanguigna

Secondo uno studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women's Hospital di Boston, la supplementazione di dosi moderate di vitamina D può essere utile nel ridurre livelli pressori elevati. La ricerca è stata pubblicata su Hypertension.

FC, aumentano infezioni da micobatteri atipici multiresistenti per trasmissione interumana

Nonostante le misure di prevenzione convenzionali, le infezioni da Mycobacterium abscessus (MAB) multi resistente sono in aumento tra i pazienti con fibrosi cistica. E la possibile causa è la trasmissione dell'infezione da paziente a paziente.