Altri Studi

VIDEO

Infezioni da gram positivi e gram negativi, le novità per curarle


Alt a nausea e vomito in gravidanza, arriva nuovo farmaco collaudato su 200mila donne


Nausea e vomito in gravidanza, perché insorge, quali sono le cause e cosa fare


Idrosadenite suppurativa: arriva HIDRAdisk, la prima app per valutare l'impatto della malattia


Idrosadenite suppurativa: le 5 cose da sapere


Idrosadenite suppurativa: come incide sulla qualità di vita di chi ne soffre?


Ceftolozane/tazobactam, efficace nelle polmoniti nosocomiali associate a ventilazione. Lo studio ASPECT-NP


Polmoniti nosocomiali associate a ventilazione, identikit dell'infezione e di come contrastarla


Infezioni intra-addominali e delle vie urinarie, utilità delle strategie di risparmio di carbapeneme


Citomegalovirus, rischi per i pazienti sottoposti a trapianto.Importanza di puntare sulla profilassi


Infezioni nosocomiali della cute e dei tessuti molli, gli strumenti per contrastarle


Clostridium difficile, chi colpisce e come gestire i pazienti


Meningiti batteriche, i progetti per caratterizzare i pazienti e migliorarne la gestione


Batteri resistenti agli antibiotici, cosa fare per prevenire le recidive del Clostridium difficile


Polmoniti nosocomiali, le novità in terapia


HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


ARTICOLI

Propranololo potenzialmente utile nell'autismo

Il betabloccante propranololo ha migliorato il funzionamento sociale generale in un gruppo di giovani adulti con disturbo dello spettro autistico, in un piccolo studio in doppio cieco e controllato con placebo presentato al congresso dell'American Ac[...]

Sclerosi mutipla, conferme a due anni per alemtuzumab

In occasione del congresso americano di neurologia sono state presentati nuovi dati che cnfermano l0efficacia fino a due annio di alemtuzumab, un farmaco attualmente in sviluppo per il trattamento della sclerosi multipla. Più di tre quarti dei pazien[...]

L'antisepsi eritoran inefficace sulla riduzione della mortalità

I risultati definitivi dello studio ACCESS, un trial clinico iniziato nel 2006 sull'impiego di eritoran, farmaco anti sepsi, pubblicati recentemente sulla rivista JAMA, hanno dimostrato come il farmaco non abbia ridotto in modo significativo la morta[...]

Conferme da JAMA per ingenolo mebutato nella cheratosi attinica

Un'analisi dei tassi di guarigione a lungo termine delle lesioni della che-ratosi attinica dopo il trattamento con il gel a base di ingenolo mebutato è stata pubblicata ieri sul JAMA Dermatology. I dati attuali dimostrano che i pazienti che hanno ott[...]

Sclerosi multipla, uso precoce di laquinimod riduce la disabilità meglio di quello tardivo

Al congresso americano di neurologia sono stati presentati nuovi dati che valutano sia la progressione della disabilità, sia la sicurezza di laquinimod orale attraverso il confronto tra la somministrazione precoce e quella ritardata, nel trattamento [...]

Sindrome di Tourette, niente discinesie tardive con flufenazina e meno tic con ecopipam

Flufenazina, un vecchio antipsicotico potrebbe essere più sicuro di quanto si pensasse per trattare la sindrome di Tourette, mentre un nuovo agente, ecopipam, potrebbe fornire un approccio del tutto nuovo al trattamento di questa condizione, stando a[...]

Vaccino anti-malaria nei bambini, l'efficacia diminuisce col passare del tempo

L'efficacia del vaccino sperimentale contro la malaria RTS,S/AS01E, su cui si erano poste grandi speranze per la prevenzione della malattia nei bambini esposti al Plasmodium falciparum, sembra diminuire col passare del tempo. Lo dimostrano i risultat[...]

Sclerosi multipla: fingolimod riduce il tasso di perdita di volume cerebrale

Sclerosi multipla: fingolimod riduce in modo significativo il tasso di perdita di volume cerebrale. Lo dimostra l'analisi di tre ampi studi di fase III con oltre 3.600 pazienti appena presentatoa SanDiego al 65° Meeting annuale della American Academy[...]

Sclerosi multipla, conferme Usa per la sicurezza di natalizumab

Annunciati oggi i risultati di numerosi studi condotti su natalizumab che ne dimostrano l'efficacia rispetto ad altri trattamenti per la sclerosi multipla, forniscono ulteriori dati a conferma della stabilità dello stato anticorpale anti-virus JC e s[...]

Alzheimer, immunoterapia frena l'atrofia cerebrale

In uno studio randomizzato monocentrico appena presentato al congresso dell'American Academy of Neurology, a San Diego, un gruppo di pazienti con malattia di Alzheimer in fase iniziale sottoposti a un'immunoterapia con cinque iniezioni di immunoglobu[...]

Tozadenant e droxidopa promenttenti contro il Parkinson

Due farmaci sperimentali per la malattia di Parkinson hanno mostrato risultati promettenti nel trattamento di alcuni sintomi specifici particolarmente problematici per i pazienti in due studi presentati all'ultimo congresso dell'American Academy of N[...]

Bpco, conferme per budenoside/formoterolo

PATHOS è il più ampio studio “real-life” che mette a confronto l'efficacia delle due combinazioni fisse a base di corticosteroidi inalatori e beta agonisti a lunga durata d'azione (ICS/LABA), comunemente prescritte per la Broncopneumopatia Cronica Os[...]

Antiacne non incrementano il rischio di malattie infiammatorie intestinali

Uno studio di recente pubblicazione sulla rivista JAMA Dermatology ha mostrato come isotretinoina, un derivato della vitamina A impiegato nel trattamento dell'acne severa, non determini un aumento del rischio di malattie infiammatorie intestinali (IB[...]

Sclerosi multipla, nuova bocciatura per il metodo Zamboni

Ancora una stroncatura, di non poco conto, per il cosiddetto metodo Zamboni per la cura della sclerosi multipla. A decretarla, questa volta, è uno studio presentato in occasione dell'ultimo congresso dell'American Academy of Neurology (AAN), in corso[...]

Dall'EAU nuove conferme per tadalafil contro i LUTS dell'ipertrofia prostatica

Dopo la recente approvazione di tadalafil 5 mg come primo trattamento unico sia per i sintomi urinari correlati all'ipertrofia prostatica che per la disfunzione erettile, presentati in occasione del Congresso Europeo di Urologia i nuovi dati che conf[...]

Guarigione funzionale da HIV ottenuta mediante trattamento molto precoce

Il trattamento precoce di pazienti appena infettati dal virus HIV sarebbe in grado di controllare la replicazione del virus nell'organismo e di portarli a “guarigione funzionale”, ovvero a quella condizione in base alla quale il virus è ridotto a liv[...]

Possibile lieve aumento del rischio di sindrome di Guillain-Barré con i vaccini Usa anti-H1N1

Uno studio appena pubblicato su Lancet evidenzia un'associazione tra l'immunizzazione con i vaccini utilizzati negli Stati Uniti contro l'influenza pandemica H1N1 e un modesto aumento del rischio di sindrome di Guillain-Barré, una rara malattia neuro[...]

Sclerosi multipla, trattamento mensile con ormone adrenocorticotropo potrebbe ridurre le ricadute

Un piccolo studio pilota suggerisce che un trattamento mensile con l'ormone adrenocorticotropo (ACTH) può essere utile per i pazienti con sclerosi multipla non controllata adeguatamente con la terapia standard a base di beta-interferone. I risultati [...]

N-acetilcisteina migliora il tasso di sopravvivenza del fegato trapiantato

Uno studio italiano, recentemente pubblicato sulla rivista Liver Transplantation, organo ufficiale dell'American Association for the Study of Liver Diseases (AASLD), ha dimostrato come la somministrazione dell'antiossidante N-acetilcisteina, inietta[...]

Tumori alle ovaie, in Usa solo un terzo correttamente curato

I tumori dell'ovaio che ogni anno colpiscono almeno 200.000 donne nel mondo e solo negli Stati Uniti ne uccidono 15.000 non vengono correttamente curati in due terzi dei casi: a denunciarlo e' uno studio americano dell'universita' di California a Irv[...]