Altri Studi

VIDEO

HIV, importanza del raggiungimento dell'U=U (non rilevabile=non trasmissibile)


HIV, semplificazione e vantaggi della duplice terapia


HIV, le moderne triplici terapie incontrano le esigenze dei pazienti


HIV, novità nel trattamento per i pazienti multiresistenti


Epatite C, potenza ed efficacia del regime che elimina l'HCV in 8 settimane


Long term therapy, le novità in terapia contro l'HIV


Approccio personalizzato al paziente con HCV, ruolo del test and treat


Batteri multiresistenti, un aiuto dalla terapia fagica


Epatite C, farmaci molto potenti e veloci per eliminare l'infezione


Polmoniti nosocomiali, le novità in terapia


Epatite C, un modello per stimare le persone da identificare e trattare


HIV, le ultime evidenze sul regime a due farmaci


HBV, i nuovi farmaci incontrano i bisogni insoddisfatti dei pazienti


Le micobatteriosi atipiche, importanza della multidisciplinarietà e delle notifiche al Ministero


HIV e comorbidità, una sfida ancora aperta


Nuovi antibiotici, le caratteristiche farmacologiche che li rendono efficaci


Eradicare l’HCV nelle carceri, il ruolo della SIMSPE


I temi caldi della XVIII edizione del congresso SIMIT


Esigenze dei pazienti con HIV, quali sono e quanto sono soddisfatte dai nuovi farmaci


Tubercolosi, come gestire i casi difficili


Team multidisciplinare, fondamentale nella gestione delle micobatteriosi non tubercolari


Batteremie da batteri produttori di carbapenemasi, come si curano oggi i casi difficili?


ARTICOLI

Aflibercept meglio della laser terapia nell'edema maculare

L'anti-VEGF aflibercept è superiore alla laser terapia nel trattamento di pazienti con edema maculare diabetico, una complicanza comune della retinopatia diabetica che è anche la causa più frequente di perdita del visus nelle persone diabetiche. E' i[...]

Odanacatib, conferme di sicurezza a 4 anni contro l'osteoporosi

Il trattamento con l'anti-osteoporosi sperimentale odanacatib si è dimostrato sicuro e ben tollerato per almeno 4 anni in uno studio di fase II presentato di recente al meeting annuale dell'American Society for Bone and Mineral Research (ASBMR), a To[...]

Tendinopatia, corticosteroidi non efficaci nel lungo termine

Il trattamento a lungo termine con corticosteroidi somministrati per via parenterale non ha dimostrato di ridurre il dolore dovuto a tendinopatia. E' il risultato di un'analisi condotta dai ricercatori della University of Queensland do St. Lucia in A[...]

Polmonite da MRSA, linezolid meglio di vancomicina

I risultati di un nuovo studio internazionale di fase 4 condotto su pazienti affetti da polmonite nosocomiale da Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA) comprovata da coltura dimostrano che l'antibiotico linezolid ha ottenuto, come endpoi[...]

Teplizumab, bloccati gli studi nel diabete di tipo 1

Eli Lilly e MacroGenics hanno annunciato la sospensione dell'arruolamento e del trattamento dei pazienti di due studi clinici su teplizumab nel diabete di tipo 1.

Sclerosi multipla, natalizumb combatte meglio l'astenia

Secondo uno studio appena presentato a Goteborg, all'ultimo congresso del Comitato europeo per la cura e ricerca nella Sclerosi Multipla (ECTRIMS), il trattamento con natalizumab è stato superiore a quello con interferone beta (IFNb) o glatiramer ace[...]

Teriparatide, possibili benefici contro parodontite e ONJ

Si intravede all'orizzonte un possibile nuovo utilizzo di teriparatide. Il farmaco per ora è indicato per la terapia dell'osteoporosi postmenopausale e dell'osteoporosi maschile, primaria o da ipogonadismo, nonché dell'osteoporosi da glucocorticoidi.[...]

Denosumab favorisce la ricostruzione dell'osso

Il farmaco antiosteoporosi denosumab favorisce la ricostruzione dell'osso preferenzialmente a livello delle regioni corticali e subcorticali. E' il risultato di uno studio di imaging condotto dai ricercatori dell'Università della California e facente[...]

Conferme a 6 anni per acido zoledronico nell'osteoporosi

I risultati a 6 anni dello studio HORIZON (Health Outcomes and Reduced Incidence with Zoledronic Acid Once Year) hanno confermato l'efficacia e la sicurezza a lungo termine di acido zoledronico nell'osteoporosi postmenopausale. Lo studio è stato app[...]

Fingolimod, conferme dal congresso europeo sulla SM

Nuovi dati presentati al congresso europeo sulla clerosi multipla hanno confermato il vantaggio del passaggio a fingolimod dalla tradizionale terapia con interferone e il fatto che, oltre all'azione sul sistema immunitario, questo farmaco possiede un[...]

Hiv, la profilassi con nevirapina nel periparto può limitare la risposta successiva

La maggior parte delle donne e dei bambini esposti alla nevirapina durante il periodo del periparto possono continuare ad assumere il farmaco se in seguito necessitano di una terapia antiretrovirale (HAART), ma una parte di essi non risponderà a un s[...]

Sclerosi multipla, nuovi dati sul meccanismo d'azione di laquinimod

Nuove informazioni sul funzionamento di laquinimod, immunomodulatore orale sviluppato congiuntamente da Active Biotech e Teva per la terapia della sclerosi multipla (SM), arrivano dall'ultimo congresso del Comitato europeo per la cura e ricerca nella[...]

Reboxetina sotto accusa in uno studio del Bmj

Ombre su reboxetina, antidepressivo appartenente alla classe degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (Ssri). A gettarle è uno studio tedesco appena pubblicato sul Brisith Medical Journal, secondo il quale il farmaco sarebbe meno[...]

Glatiramer, nella sclerosi multipla meglio un trattamento precoce

Un trattamento precoce con glatiramer acetato si è dimostrato superiore a un trattamento più tardivo nel ridurre lo sviluppo di una sclerosi multipla (SM) conclamata nei pazienti con una sindrome clinicamente isolata (CIS), cioè i pazienti che hanno [...]

Epatite C, due nuovi antivirali che non richiedono interferone e ribavirina

Roche, InterMune e Pharmasset hanno presentato i risultati definitivi dello studio INFORM-1 che ha valutato l'efficacia di una nuova associazione di farmaci antivirali sviluppata per la terapia dell'epatite C.

Nuovi risultati a favore di teriflunomide nella SM

Sanofi aventis ha appena annunciato i risultati definitivi di uno studio di fase III che ha confermato l'efficacia di due dosi differenti di teriflunomide nella terapia di pazienti con sclerosi multipla (SM).

Bene la fase II per ocrelizumab nella SM

Roche e Biogen Idec hanno recentemente annunciato i risultati a 24 settimane di uno studio di fase II condotto su ocrelizumab in pazienti con sclerosi multipla recidivante remittente (RRMS). Nello studio, il farmaco, un anticorpo monoclonale selettiv[...]

Conferme a 21 anni per interferone beta-1b nella SM

Nuove evidenze derivanti dal più lungo follow-up di qualsiasi trattamento specifico per la SM hanno rilevato che i pazienti trattati precocemente con interferone beta-1b avevano una riduzione del rischio relativo di mortalità pari al 39,3% a partire [...]

Bene la fase III per briakinumab, nuovo biologico anti psoriasi

Briakinumab, un nuovo inibitore dell'IL-12/23 sviluppato da Abbott, in 4 diversi studi di fase III condotti in pazienti con psoriasi a placche di grado moderato o severo ha raggiunto un miglioramento del 75% dell'indice PASI superiore a quello ottenu[...]

Sclerosi multipla, conferme a 5 anni per alemtuzumab

Nel corso 26° Congresso ECTRIMS (European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis) in corso in questi giorni a Goteborg, in Svezia, sono stati presentai nuovi dati a 5 anni che confermano l'efficacia di alemtuzumab.