Altri Studi

VIDEO

Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


Hiv, dove sta andando la ricerca farmacologica?


HIV: associazione a dose fissa a base di darunavir efficace nei pazienti naive


ARTICOLI

Alzheimer, inibitori della colinesterasi più efficaci se somministrati subito

La somministrazione di inibitori della colinesterasi ai pazienti con Alzheimer lieve risulta in un miglioramento superiore delle funzioni cognitive rispetto ai soggetti che presentano la malattia in una fase più avanzata. E’ quanto emerso da uno stud[...]

Alzheimer, bapineuzumab fallisce nel primo studio di fase III

Pfizer ha reso noto che l'anticorpo monoclonale bapineuzumab non ha raggiunto i due end point primari di efficacia nel primo studio di fase III finora completato sul farmaco. Pfizer e il partner Janssen hanno fatto però sapere che tutti gli altri stu[...]

Alzheimer, funzione cognitiva si riduce di poco dopo due anni di galantamina

Dopo due anni di trattamento con l’inibitore della colinesterasi galantamina, i pazienti con Alzheimer lieve o moderato mostrano un leggero peggioramento delle misurazioni del comportamento e della capacità di svolgere le normali attività quotidiane.[...]

Alzheimer, rivastagmina a dosi elevate meglio di quelle standard

Il cerotto contenente una dose elevata dell'inibitore della colinesterasi rivastigmina risulta più efficace nel rallentare la progressione dell'Alzheimer nei pazienti che soffrono della malattia nello stadio da lieve a moderato, rispetto al patch con[...]

Hiv, nuove linee guida Usa raccomandano sempre la terapia combinata

Secondo le nuove linee guida dell'International Antiviral Society-Usa, la terapia combinata dovrebbe essere offerta a qualsiasi persona con infezione da Hiv, indipendentemente dallo stato di compromissione del sistema immunitario. Le nuove raccomanda[...]

Nefropatia cronica, arterie più rigide con i chelanti del fosforo

Secondo uno studio appena pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology, l'uso dei chelanti del fosforo nei pazienti con nefropatia cronica (CKD) è un arma a doppio taglio: se, da un lato, è efficace per nell'abbassare i livelli sieric[...]

Vedolizumab bene in fase III nella colite ulcerosa

Vedolizumab, un anticorpo monoclonale umanizzato diretto contro l'integrina α4b7, si è dimostrato significativamente più efficace rispetto al placebo nell'indurre e mantenere la remissione clinica in pazienti affetti da colite ulcerosa moderata-[...]

Terapie mediche per Crohn e colite ulcerosa sicure in gravidanza

Le terapie farmacologiche per la cura delle malattie infiammatoria croniche intestinali (MICI) sembrano essere sicure in gravidanza: un'analisi dei dati del registro PIANO (Pregnancy in IBD and Neonatal Outcomes), presentata in occasione dell'ultima [...]

Colite ulcerosa, migliori risposte con golimumab

Lo studio di fase III PURSUIT-SC mostra che l'anti-TNF golimumab è efficace e sicuro nell'indurre la remissione della colite ulcerosa da moderata a severa nei pazienti adulti che non rispondono o che sono intolleranti ai trattamenti standard per la p[...]

Hiv, da spugna marina nuova molecola riduce del 99% la replicazione virale

I ricercatori del The Scripps Research Institute, in California, hanno scoperto un composto di origine naturale, derivato dalle spugne marine, in grado di eliminare il virus HIV in alcune cellule infette. Lo studio, condotto per ora solo in laborator[...]

Hiv, anche a 240 settimane raltegravir superiore a efavirenz

Durante la 19° International AIDS Conference che si è aperta ieri a Washington, D.C. somo stati annunciati oggi i risultati finali dello studio STARTMRK, il più lungo studio di non inferiorità in doppio cieco e di Fase III che valuta un inibitore del[...]

Alzheimer, peggiora di meno aggiungendo memantina a donezepil

I pazienti con malattia di Alzheimer di gravità medio-bassa o medio-alta sembrano peggiorare meno se si aggiunge memantina al trattamento con donepezil somministrato per 24 settimane, stando ai risultati di uno studio presentato all'Azheimer Associat[...]

Nefropatia membranosa, conferme italiane per rituximab

Uno studio degli Ospedali Riuniti e del Mario Negri di Bergamo dimostra che nella nefropatia membranosa, rituximab è più efficace e meno tossico delle terapie che si sono usate finora.

Edema maculare diabetico, utili gli inserti intravitreali di fluocinolone

L'iniezione di inserti intravitreali di fluocinolone acetonide (FAC) ha funzionato bene e ha mantenuto la sua efficacia per almeno 3 anni in un gruppo di pazienti con edema maculare diabetico (DME) in uno studio pubblicato di recente sulla rivista O[...]

Bronchiolite, azitromicina non riduce la durata dell'ossigenoterapia

L'azitromicina non riduce la durata della terapia con ossigeno nei pazienti pediatrici ospedalizzati per bronchiolite, uni'nfezione virale acuta delle basse vie respiratorie. E' quanto emerso da uno studio pubblicato sul Journal of Pediatrics.

Alzheimer, analogo della nicotina promettente contro il declino cognitivo

Un farmaco sperimentale diretto contro i recettori nicotinici (sviluppato dall'americana EnVivo Pharmaceuticals e noto per ora con la sigla EVP-6124) non solo si è dimostrato in grado di preservare il funzionamento cognitivo nei pazienti con malattia[...]

Aggiornate linee guida italiane su utilizzo antiretrovirali in persone con infezione HIV-1

Su mandato del Ministro della Salute al Centro Nazionale AIDS dell'Istituto Superiore di Sanità (CNAIDS-ISS), sono state aggiornate le Linee Guida Italiane sull'utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone c[...]

Ipogonadismo, con il testosterone giù i chili e il girovita

In un gruppo di pazienti affetti da ipogonadismo e disfunzione erettile, una terapia sostitutiva con testosterone (TRT) prolungata per 4 anni, senza interruzioni, ha portato a un calo ponderale significativo e a una riduzione della circonferenza addo[...]

Sicura ed efficace la profilassi anti-HIV con antiretrovirali, studio della Cochrane

L'utilizzo di farmaci antiretrovirali per prevenire l'infezione da HIV è efficace e - almeno a breve termine - sicura, stando ai risultati di una nuova revisione sistematica della Cochrane Library.

Modulatore della microglia sperimentale promettente nel declino cognitivo

Il modulatore della microglia sperimentale CHF5074, sviluppato dall'italiana Chiesi, sembra essere ben tollerato e ridurre i biomarker infiammatori nel liquido cerebrospinale dei pazienti con un decadimento cognitivo lieve. A evidenziarlo è uno studi[...]