Altri Studi

VIDEO

Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


Hiv, dove sta andando la ricerca farmacologica?


HIV: associazione a dose fissa a base di darunavir efficace nei pazienti naive


Iperparatiroidismo secondario: arriva in Italia etelcalcetide, un nuovo calcio mimetico


Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica: che cos'è e conseguenze


Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica, il punto di vista dei pazienti


Psoriasi, con secukinumab efficacia mantenuta anche dopo 5 anni


Rene policistico: nuove prospettive di cura con il tolvaptan


Rene policistico: descrizione, cause, sintomi e diagnosi


Dermatite atopica: cos'è, le cause e come si presenta


Nuove possibilità di cura per la dermatite atopica


Come si fa ad applicare sulla cute la giusta quantità di cortisonico?


Orticaria cronica: le più moderne strategie di cura


Orticaria cronica: cosa è, come si presenta, i problemi per i pazienti


Ginecologia della terza età, verso una nuova menopausa


Contraccezione in perimenopausa, come comportarsi


Come proteggere l’osso durante la terapia antitumorale nella donna


Arriva anche in Italia ospemifene, nuova arma per combattere l'atrofia vulvo-vaginale


ARTICOLI

Antiasma, possibile rischio teratogeno

Uno studio indipendente americano di tipo osservazionale, appena pubblicato su Pediatrics, ha evidenziato un possibile rischio teratogeno associato all’utilizzo dei farmaci antiasma nel periodo periconcenzionale.

Antidepressivi, sicuri anche in pazienti con comorbidità

I pazienti con disordine depressivo maggiore possono essere trattati in modo sicuro ed efficace con antidepressivi anche se stanno assumendo farmaci per altre patologie. E' quanto emerso da uno studio pubblicato su Annals of Family Medicine.

Hiv, vitamina D riduce gli effetti di tenofovir sull'osso

La somministrazione di vitamina D potrebbe ridurre la perdita di massa ossea che si verifica nei pazienti con infezione da Hiv trattati con tenofovir. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su Clinical Infectious Diseases.