Altri Studi

VIDEO

HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


ARTICOLI

Confermata l'efficacia di atazanavir anche nelle donne

Il trattamento anti-HIV con atazanavir non conosce differenze di genere: nelle donne ha la stessa efficacia evidenziata negli uomini. Lo ha dimostrato uno studio europeo di coorte di lungo termine che ha coinvolto 1294 pazienti (336 donne e 958 uomin[...]

Alzheimer, inibitori della colinesterasi non aumentano la sopravvivenza

Secondo una nuova analisi di uno studio pubblicato nel 2008, i farmaci inibitori della colinesterasi non aumentano la sopravvivenza dei pazienti con Alzheimer. Il nuovo studio è stato presentato in occasione dell' Alzheimer's Association Internationa[...]

Alzheimer, antidepressivi non efficaci

I farmaci antidepressivi vengono comunemente prescritti per il trattamento dei pazienti affetti da demenza che soffrono di depressione. L'utilizzo degli antidepressivi per questa indicazione dovrebbe però essere riconsiderato alla luce dei risultati [...]

Prevenzione dell'HIV, meglio un approccio combinato

Robin Shattock, immunologo dell'Imperial College di Londra, in una relazione tenuta in occasione del congresso IAS 2011 che si svolge in qiuesti giorni a Roma e che è il più importante congresso mondiale sull'AIDS, ha affermato che per preveire l'inf[...]

Alzheimer, nuove linee guida sui test genetici

Quando è appropriato eseguire i test genetici per la malattia di Alzheimer? Quali informazioni è possibile fornire ai pazienti per informarli del rischio di presentare la patologia? Su Genetics in Medicine sono state pubblicate le nuove linee guida d[...]

Depressione, fase III positiva per levomilnacipran

Forest Laboratories e Pierre Fabre Medicament hanno annunciato i risultati preliminari di uno studio di fase III condotto sull'antidepressivo levomilnacipran in pazienti con Disturbo Depressivo Maggiore. Levomilnacipran è un enantiomero del farmaco m[...]

Sclerodermia giovanile, meno recidive con metotressato e steroidi

Secondo uno studio italiano, condotto dai ricercatori dell’Università di Padova, il metotressato è efficace nella sclerodermia giovanile localizzata, quando somministrato in combinazione con un breve ciclo di steroidi. Lo studio, coordinato dal Dott.[...]

PPI e ipomagnesiemia, evidenziato un legame

Secondo quanto evidenziato da un analisi retrospettiva su 1.317 pazienti adulti ospedalizzati, i cui risultati sono stati presentati qualche settimana fa alla Digestive Disease Week (DDW), a Chicago, l’utilizzo di inibitori della pompa protonica sare[...]

HIV, la ricerca di un vaccino va avanti

Il vaccino per l'AIDS abbia posto una sfida eccezionale alla ricerca e che i progressi sia stati lenti, due recenti dati hanno ridato ottimismo alla prospettiva di mettere a punto un vaccino. Se ne è parlato oggi a Roma in occasione del congresso IAS[...]

Raltegravir, conferme a 5 anni nei pazienti naive

Anche a lungo termine (240 settimane) arrivano conferme di efficacia e tollerabilità per raltegravir, primo e attualmente unico farmaco approvato della classe degli inibitori dell’integrasi. La notizia arriva da Roma, dove oltre 6.000 medici speciali[...]

Rilpivirina, nuova opzione contro l'HIV efficace come efavirenz

L'antiretrovirale rilpivirina, un inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa approvato di recente, rappresenta una nuova opzione sicura ed efficace per i pazienti sieropositivi, secondo quanto emerge da due studi controllati e randomizzati[...]

Antipsicotici ancora ampiamente usati nel Parkinson

La metà dei pazienti con malattia di Parkinson con psicosi continuano ad essere trattati con i farmaci antipsicotici, nonostante la presenza sul foglietto illustrativo di un avvertenza speciale sul possibile rischio di decesso associato a questi farm[...]

Iperparatiroidismo secondario, conferme per paracalcitolo

In uno studio di confronto fra paracalcitolo e cinacalcet, il primo farmaco si è dimostrato più efficace del secondo nel raggiungere i livelli target di ormone paratiroideo (PTH) in pazienti con iperparatiroidismo secondario (SHPT), una complicanza d[...]

Vaccino anti H1N1 e sindrome di Guillain-Barrè, correlazione molto improbabile

L'uso del vaccino anti-influenzale H1N1 utilizzato nella pandemia del 2009 non aumenta il rischio di presentare la Sindrome di Guillain-Barrè anche se il limite superiore dell'intervallo di confidenza calcolato nella valutazione statistica non esclud[...]

Effetto placebo, nell'asma funziona

I broncodilatatori per via inalatoria impiegati contro l'asma hanno un reale impatto sulle vie aeree, ma il sollievo sintomatologico che procurano non sembra essere affatto superiore a quella ottenuto con un placebo. Al risultato per certi versi sorp[...]

Gonorrea, aumenta la resistenza agli antibiotici

Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Atlanta e pubblicato su Morbility and Mortality Weekly Report (Mmwr) dei Centers of Disease Control and Prevention (Cdc), la resistenza agli antibiotici da parte della Nesseria gonorrhoea[...]

Hiv, terapia antiretrovirale stabilizza la densità ossea

I pazienti con infezione da Hiv in trattamento con la terapia antiretrovirale standard non hanno la necessità di tenere frequentemente sotto controllo la densità minerale ossea (Bmd), in quanto quest'ultima aumenta o si stabilizza nel lungo periodo.[...]

Italiani scoprono chiave per vaccini “universali”, anche contro virus e batteri mutanti

Una proteina chimerica, disegnata in laboratorio sulla scorta delle informazioni ottenute direttamente dal patrimonio genetico di un batterio complesso e mutevole come il meningococco di tipo B, potrebbe diventare in futuro la componente di base per [...]

Terapia antiretrovirale previene l'infezione HIV nei soggetti sani a rischio

Due nuovi studi condotti in Africa mostrano per la prima volta che l'uso giornaliero di farmaci antiretrovirali può ridurre di circa il 62% il rischio che una persona eterosessuale partner di una persona infettata dal virus HIV (coppia discordante) c[...]

Nuovi regimi terapeutici semplificati per prevenire la TBC in chi ha l'HIV

In uno studio appena pubblicato sul NEJM, un gruppo di ricercatori fornisce prove convincenti che i nuovi regimi antibiotici, più semplici e più brevi, sono efficaci quanto il trattamento standard con isoniazide e perciò potrebbero contribuire notevo[...]