Altri Studi

VIDEO

Psoriasi, con secukinumab efficacia mantenuta anche dopo 5 anni


Rene policistico: nuove prospettive di cura con il tolvaptan


Rene policistico: descrizione, cause, sintomi e diagnosi


Dermatite atopica: cos'è, le cause e come si presenta


Nuove possibilità di cura per la dermatite atopica


Come si fa ad applicare sulla cute la giusta quantità di cortisonico?


Orticaria cronica: le più moderne strategie di cura


Orticaria cronica: cosa è, come si presenta, i problemi per i pazienti


Ginecologia della terza età, verso una nuova menopausa


Contraccezione in perimenopausa, come comportarsi


Come proteggere l’osso durante la terapia antitumorale nella donna


Arriva anche in Italia ospemifene, nuova arma per combattere l'atrofia vulvo-vaginale


Atrofia vulvo-vaginale: che cos'è e come sconfiggere questo killer dell'intimità di coppia


Rachitismo, problema superato o ancora attuale?


Deficit di vitamina D nei bambini, quali sono i cut off


Ruolo della vitamina D nelle diverse fasi dell'età pediatrica


Ruolo della vitamina D sul sistema immunitario e nelle malattie dermatologiche


Vitamina D, cosa deve sapere il pediatra


Quali sono i livelli di vitamina D dei bambini italiani


Ruolo della vitamina D nel primo anno di vita del bambino


Novità nella contraccezione a lunga durata d'azione


Metodi contraccettivi a lunga durata d'azione, quali sono e vantaggi


ARTICOLI

Acido micofenolico più tacrolimus nel post-trapianto di rene

Nei pazienti trapiantati di rene trattati con tacrolimus come terapia immunosoppressiva di mantenimento si può aggiungere acido micofenolico (MPA), per lo meno al dosaggio pieno raccomandato nelle prime fasi del post-trapianto.

Due antidepressivi non sono meglio di uno

Prendere due antidepressivi anziché uno non accelera la ripresa e può peggiorare la tollerabilità, secondo quanto evidenziato dallo studio CO-MED, un trial randomizzato multicentrico, appena pubblicato online sull’American Journal of Psychiatry.

Tenofovir sicuro per il rene nei trapiantati sieropositivi

Stando ai risultati di uno studio appena presentato all'American Transplant Congress (ATC), a Philadelphia, tenofovir può essere un trattamento sicuro per i pazienti sieropositivi sottoposti a un trapianto di organo solido.