Altri Studi

VIDEO

HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


ARTICOLI

Morbo di Crohn, risultati positivi con ustekinumab

L’anticorpo monoclonale ustekinumab può essere un’opzione terapeutica efficace per i pazienti con Morbo di Crohn grave che non rispondono al trattamento con gli inibitori del TNF. E’ quanto riportato in uno studio di fase III presentato a Chicago in [...]

Colite ulcerosa, risultati positivi per adalimumab

In uno studio di fase III, l'anticorpo monoclonale adalimumab ha raggiunto l'endpoint principale di remissione clinica in pazienti con colite ulcerosa da moderata a severa. I risultati dello studio sono stati presentati a Chicago in occasione della “[...]

Nuovo analogo del GLP-2 efficace nella sindrome dell'intestino corto

In occasione della “Digestive Disease Week” in corso a Chicago sono stati annunciati i risultati di uno studio di fase III denominato STEPS che ha valutato l'efficacia di un nuovo analogo ricombinante del GLP-2 umano, denominato teduglutide in pazien[...]

Vaccino antipneumococcico 13 valente efficace anche negli adulti

Due studi di fase III denominati studio 004 e Studio 3005 hanno confrontato l'immunogenicità del vaccino antipneumococcico coniugato 13-valente sviluppato da Pfizer (Prevnar 13), rispetto al vaccino antipneumococcico polisaccaridico (PPSV) che proteg[...]

Colesevelam utile nei diabetici con colesterolo alto

Colesevelam potrebbe essere una buona opzione come terapia aggiuntiva agli ipoglicemizzanti per ridurre il colesterolo nei pazienti con diabete di tipo 2 (DT2) che presentano anche colesterolemia elevata. A indicarlo è un’analisi post hoc di tre stud[...]

Anidulafungina efficace contro la Candida nelle UTI europee

In occasione del congresso congiunto dell'ECCMID e dell'ICC, che si chiude domani a Milano, Pfizer ha presentato nuovi dati dello studio ICE (Invasive Candidiasis Intensive Care Study), il più ampio studio pan-europeo e canadese su pazienti con candi[...]

Ranibizumab, studio a lungo termine nella RVO

Il trattamento con l'anti-VEGF ranibizumab 0,5 mg può migliorare il visus nei pazienti con occlusione di una branca della vena centrale della retina (BRVO), ma potrebbe non essere sufficiente per quelli con occlusione della vena centrale della retina[...]

Aripiprazolo, nel disturbo bipolare servono più dati

Una review indipendente appena pubblicata online sul sito di PLoS Medicine suggerisce che occorrono maggiori evidenze sull'efficacia dell'antipsicotico di seconda generazione aripiprazolo come terapia di mantenimento nel disturbo bipolare.

Aflibercept bene in fase III nella degenerazione maculare senile

Aflibercept (VEGF Trap-Eye, sviluppato da Bayer e Regeneron Pharmaceuticals), nuovo farmaco sperimentale per il trattamento della degenerazione maculare senile (AMD) essudativa, si è dimostrato efficace quanto ranibizumab, farmaco che ha già quest’in[...]

Nella partita ranibizumab vs bevacizumab entra in campo la safety

Il dibattito su quale sia, tra bevacizumab e ranibizumab, il farmaco migliore per il trattamento della degenerazione maculare senile (AMD) è destinato probabilmente a scaldarsi. I risultati di uno studio sponsorizzato da Genentech (ora parte del grup[...]

Asma, pareggio tra LTRA e steroidi inalatori

Nei pazienti asmatici, gli antagonisti dei recettori dei leucotrieni (LTRA) sono efficaci quanto gli steroidi per via inalatoria come terapia di controllo di prima linea e come i beta2-agonisti a lunga durata d’azione (LABA) come terapia aggiuntiva. [...]

Acido micofenolico più tacrolimus nel post-trapianto di rene

Nei pazienti trapiantati di rene trattati con tacrolimus come terapia immunosoppressiva di mantenimento si può aggiungere acido micofenolico (MPA), per lo meno al dosaggio pieno raccomandato nelle prime fasi del post-trapianto.

Due antidepressivi non sono meglio di uno

Prendere due antidepressivi anziché uno non accelera la ripresa e può peggiorare la tollerabilità, secondo quanto evidenziato dallo studio CO-MED, un trial randomizzato multicentrico, appena pubblicato online sull’American Journal of Psychiatry.

Depressione, possibile interferenza di FANS e SSRI

Secondo uno studio sull'animale e sull'uomo, da poco pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), i FANS possono ridurre l'efficacia degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) nei pazienti[...]

Tenofovir sicuro per il rene nei trapiantati sieropositivi

Stando ai risultati di uno studio appena presentato all'American Transplant Congress (ATC), a Philadelphia, tenofovir può essere un trattamento sicuro per i pazienti sieropositivi sottoposti a un trapianto di organo solido.

Sclerosi multipla, donezepil non aiuta la memoria

L'inibitore della acetilcolinesterasi donepezil non migliora i deficit della memoria rispetto al placebo nei pazienti affetti da sclerosi multipla. A metterlo in evidenza è uno studio indipendente americano su 120 pazienti, appena pubblicato su Neuro[...]

Vaccino anti-influenzale sicuro anche dopo trapianto

In pazienti sottoposti a trapianto di rene, la vaccinazione anti-influenzale riduce la mortalità e il rischio di perdita dell’organo. E’ il risultato di uno studio pubblicato sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology. I risultati del[...]

Naltrexone efficace nella dipendenza da oppiodi, polemiche sullo studio

Secondo uno studio appena pubblicato online su The Lancet, un'iniezione mensile di naltrexone a lento rilascio è un trattamento efficace per la dipendenza da oppiodi, se paragonato al placebo. Questo, a parere degli autori, è particolarmente importan[...]

Telbivudina in gravidanza previene la trasmissione madre-figlio dell’HBV

Il trattamento con l’antivirale telbivudina durante la gravidanza riduce in modo sostanziale la trasmissione perinatale del virus dell’epatite B (HBV) dalle madri altamente viremiche ai figli, senza apparentemente eventi avversi. Lo evidenzia uno stu[...]

Confronto ranibizumab-bevacizumab pubblicato sul NEJM

Pubblicati online sul sito del New England Journal of Medicine i risultati dello studio CATT, un trial indipendente di confronto testa a testa tra ranibizumab (commercializzato in Europa da Novartis e nel resto del mondo da Roche) e bevacizumab nel t[...]