Altri Studi

VIDEO

HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


ARTICOLI

Due antidepressivi non sono meglio di uno

Prendere due antidepressivi anziché uno non accelera la ripresa e può peggiorare la tollerabilità, secondo quanto evidenziato dallo studio CO-MED, un trial randomizzato multicentrico, appena pubblicato online sull’American Journal of Psychiatry.

Depressione, possibile interferenza di FANS e SSRI

Secondo uno studio sull'animale e sull'uomo, da poco pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), i FANS possono ridurre l'efficacia degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) nei pazienti[...]

Tenofovir sicuro per il rene nei trapiantati sieropositivi

Stando ai risultati di uno studio appena presentato all'American Transplant Congress (ATC), a Philadelphia, tenofovir può essere un trattamento sicuro per i pazienti sieropositivi sottoposti a un trapianto di organo solido.

Sclerosi multipla, donezepil non aiuta la memoria

L'inibitore della acetilcolinesterasi donepezil non migliora i deficit della memoria rispetto al placebo nei pazienti affetti da sclerosi multipla. A metterlo in evidenza è uno studio indipendente americano su 120 pazienti, appena pubblicato su Neuro[...]

Vaccino anti-influenzale sicuro anche dopo trapianto

In pazienti sottoposti a trapianto di rene, la vaccinazione anti-influenzale riduce la mortalità e il rischio di perdita dell’organo. E’ il risultato di uno studio pubblicato sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology. I risultati del[...]

Naltrexone efficace nella dipendenza da oppiodi, polemiche sullo studio

Secondo uno studio appena pubblicato online su The Lancet, un'iniezione mensile di naltrexone a lento rilascio è un trattamento efficace per la dipendenza da oppiodi, se paragonato al placebo. Questo, a parere degli autori, è particolarmente importan[...]

Telbivudina in gravidanza previene la trasmissione madre-figlio dell’HBV

Il trattamento con l’antivirale telbivudina durante la gravidanza riduce in modo sostanziale la trasmissione perinatale del virus dell’epatite B (HBV) dalle madri altamente viremiche ai figli, senza apparentemente eventi avversi. Lo evidenzia uno stu[...]

Confronto ranibizumab-bevacizumab pubblicato sul NEJM

Pubblicati online sul sito del New England Journal of Medicine i risultati dello studio CATT, un trial indipendente di confronto testa a testa tra ranibizumab (commercializzato in Europa da Novartis e nel resto del mondo da Roche) e bevacizumab nel t[...]

Tofacitinib, nuovo orale per l'AR, positivi due studi di fase III

Pfizer ha annunciato i risultati preliminari di due studi di fase III denominati ORAL Standard (A3921064) e ORAL Step (A3921032) condotti per studiare l'efficacia e la sicurezza di tofacitinib in pazienti con artrite reumatoide (AR) attiva da modera[...]

Il “vecchio” litio promettente anti-Alzheimer

Il litio a basso dosaggio sembra rallentare la progressione della perdita di memoria e il declino cognitivo nei pazienti con decadimento cognitivo lieve amnesico (aMCI), un fattore di rischio significativo di malattia di Alzheimer. A suggerirlo è uno[...]

Gh promettente nei bambini bassi nati prematuri

I bambini di bassa statura nati prematuri rispondono bene alla somministrazione di ormone della crescita (GH), con miglioramenti significativi in termini sia di altezza sia di peso durante il primo anno di trattamento, ma è necessario un follow-up pi[...]

Vitamina E e metformina inefficaci nella steatosi non alcolica pediatrica

Contrariamente a quanto suggerito da studi preliminari ce avevano fatto ben sperare, il trattamento con vitamina E e l'antidiabetico metformina non è superiore al placebo nel ridurre il livelli di alanina aminotransferasi (ALT) nei bambini e adolesce[...]

Etanercept, conferme di efficacia anche nella SA avanzata

In pazienti con spondilite anchilosante (SA) in fase avanzata, il trattamento con etanercept ha portato a un miglioramento significativo del dolore, della funzionalità fisica e dei parametri respiratori. È questo il risultato di un trial multicentric[...]

Fanno discutere due studi su nuovi anticoncenzionali

Secondo due studi osservazionali caso-controllo apparsi questa settimana sul British Medical Journal, le donne che utilizzano contraccettivi orali a base di drospirenone sarebbero a rischio aumentato di tromboembolismo venoso (rispettivamente triplic[...]

Hiv, farmaco per artrite reumatoide per stanare il virus

Auranofin, un farmaco contenente oro, utilizzato in passato nel trattamento dell'artrite reumatoide, potrebbe rivelarsi efficace anche contro l'Hiv/Aids. E' quanto riportato in uno studio sull'animale di cui il ricercatore italiano, Andrea Savarino, [...]

SM, meno ricadute nelle mamme che allattano

Allattare al seno per diversi mesi dopo il parto sembra proteggere dalle ricadute le neomamme affette da sclerosi multipla, stando ai risultati di uno studio prospettico di coorte presentato a Honolulu durante il meeting annuale dell’American Academy[...]

AR, conferme di sicurezza long term per tocilizumab

Dal congresso della British Society for Rheumatology, appena terminato a Brighton, arrivano conferme a lungo termine sulla sicurezza dell'anti-IL6 tocilizumab nel trattamento dell'artrite reumatoide. Andrew Ostor, dell'Uiversità di Cambridge ha pres[...]

Interferone lambda meglio di alfa contro HCV-1 e 4

Nuovi dati presentati a Berlino in occasione del congresso europe di epatologia mostrano che, in pazienti con infezione da HCV di genotipo 1 e 4, il trattamento con interferone peghilato lambda più ribavirina aumenta la risposta virologica rispetto a[...]

Natalizumab riduce le ricadute di SM anche nella real life

Nella vita reale, al di fuori del setting controllato degli studi clinici, il trattamento con natalizumab, come monoterapia disease-modifying nella sclerosi multipla, sembra ridurre le recidive della patologia allo stesso modo di quanto dimostrato ne[...]

Lacosamide, il profilo di sicurezza non cambia nel lungo periodo

Il profilo di sicurezza dell'antiepilettico lacosamide non varia se il trattamento viene prolungato nel tempo. E' quanto riportato in occasione del 63° meeting dell'American Academy of Neurology.