Altri Studi

VIDEO

HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


ARTICOLI

Efficacia di denosumab confermata anche in pazienti anziane

L'anticorpo monoclonale denosumab riduce del 60% (rispetto a un placebo) il rischio relativo di fratture all'anca in donne con più di 75 anni. Lo dice una sottoanalisi, condotta appunto su pazienti anziane, di un ampio studio clinico denominato FREED[...]

Retigabina efficace in adulti epilettici con attacchi parziali

Sembra sicura ed efficace la retigabina, primo rappresentante di una nuova classe di antiepilettici, quando utilizzata per il trattamento di adulti che manifestano epilessia con attacchi parziali. A dare la notizia, nel corso del congresso europeo di[...]

Nei diabetici non sempre l'approccio aggressivo è il migliore

Un approccio molto aggressivo al controllo di fattori di rischio cardiovascolare come la pressione sanguigna e il livello di colesterolo non è necessariamente benefico. Anzi, per alcuni pazienti diabetici può rivelarsi addirittura pericoloso, secondo[...]

Antidiabetico sotto osservazione per la sicurezza cardiovascolare

Rosiglitazone di nuovo sotto indagine per un possibile aumento del rischio cardiovascolare. Lo dimostrerebbero i dati di due studi di meta analisi, pubblicati su Archives of Internal Medicine e Jama. Un terzo trial presentato all'ADA ha però dato ris[...]

Insulina degludec efficace con 3 somministrazioni la settimana

Secondo i risultati preliminari di alcuni studi clinici di fase II, l'insulina degludec, ad azione ultralenta, mostra un significativo potenziale nella riduzione dei livelli ematici di glucosio, sia somministrata once-daily, sia somministrata più rar[...]

Sinergie dall'associazione di verteporfin con ranibizumab

La società farmaceutica americana QLT, specializzata in farmaci per la cura della vista, ha reso noti i dati di uno studio di fase II che dimostrano come nei pazienti affetti da degenerazione maculare essudativa correlata con l'età (AMD) la terapia c[...]

Etanercept più MTX, nell'AR il trattamento precoce è meglio

La percentuale di pazienti in remissione clinica osservati in corso di trattamento combinato con etanercept (Enbrel) e metotrexato è maggiore per quelli con artrite reumatoide in fase molto precoce (VERA, malattia attiva da meno di 4 mesi) rispetto a[...]

Linagliptin riduce la glicemia nel diabete di tipo 2

I dati provenienti da quattro studi clinici di fase II appena presentati al congresso americano di diabetologia, dimostrano che linagliptin è in grado di ottenere una riduzione statisticamente significativa dei livelli ematici di zuccheri.

Fibromialgia: due farmaci sono meglio di uno solo

Aggiungere il milnacipran nei pazienti con fibromialgia che non mostrano una risposta terapeutica adeguata al trattamento con pregabalin potrebbe essere una strategia terapeutica efficace senza che ne venga inficiata la tollerabilità. Lo suggeriscono[...]

Etanercept più metotrexate, nell'AR il trattamento precoce è meglio

La percentuale di pazienti in remissione clinica osservati in corso di trattamento combinato con etanercept e metotrexato è maggiore per quelli con artrite reumatoide in fase molto precoce rispetto a coloro che presentavano artrite reumatoide precoce[...]

Certolizumab, efficacia rapida e prolungata nell'AR

L'efficacia di certolizumab nel trattamento dell'artrite reumatoide (Ar), oltre a essere rapida, si mantiene nel tempo. Lo dimostrano i dati di un'estensione in aperto dello studio RAPID 2 (Rheumatoid Arthritis Prevention of Structural Damage), prese[...]

Adalimumab, efficace nell'Ar anche nei non responder

Nei pazienti affetti da artrite reumatoide (Ar) la terapia prolungata con adalimumab ha portato a una riduzione duratura dell'attività della malattia in una considerevole percentuale di casi, anche nei soggetti già trattati senza successo con altri a[...]

Gotta, febuxostat meglio di allopurinolo

Febuxostat (Adenuric in Europa, Uloric negli Stati Uniti) alla dose di 80 mg e 120 mg/die ha permesso di ottenere una riduzione dell'uricemia superiore ad allopurinolo 300 mg in pazienti affetti da gotta, nell'ambito di uno studio presentato a Roma, [...]

Cinque studi confermano l'efficacia di golimumab

In occasione del congresso Eular sono stati presentati nuovi dati emersi dagli studi registrativi di fase 3 che confermano l'efficacia e la tollerabilità di golimumab, nuovo farmaco anti-TNF a monosomministrazione mensile per via sottocutanea. Gli[...]

Tocilizumab, dati positivi nell'AR giovanile a esordio sistemico

In occasione dell'EULAR, sono stati presentati nuovi dati che dimostrano l'efficacia di tocilizumab nell'Artrite Idiopatica Giovanile (AIG) a esordio sistemico, una grave forma di artrite giovanile per la quale non esistono attualmente terapie appr[...]

Nuovi dati a conferma dell'efficacia di rituximab

Il fattore reumatoide (FR) e l'anti-peptide citrullinato ciclico (Anti-CCP), due caratteristici auto-anticorpi prodotti dalle cellule B auto-reattive, si trovano in circa l'80% dei pazienti affetti da AR. Per tali pazienti rituximab potrebbe potenzia[...]

Ritarda isavuconazolo, nuovo antifungino di Basilea

Basilea Pharmaceutica ha reso noto che i risultati finali degli studi di fase III condotti sul nuovo antifungino isavuconazolo saranno disponibili sono nel 2013, cioè con un ritardo di 12-18 mesi rispetto ai tempi previsti inzialmente.

Alt agli studi nell'artrosi con l'anticorpo tanezumab

A seguito di una richiesta dell'Fda, Pfizer ha sospeso gli studi clinici in corso su pazienti affetti da artrosi trattati con l'anticorpo monoclonale tanezumab. Questo farmaco sperimentale viene studiato come antidolorifico in diverse patologie, tra [...]

Per stomaco e intestino celecoxib meglio di diclofenac più PPI

I pazienti artrosici ad aumentato rischio di complicanze gastrointestinali trattati con celecoxib (Celebrex, Pfizer) hanno un'incidenza di eventi gastrointestinali, sia del tratto superiore sia di quello inferiore, significativamente più ridotta risp[...]

Alt allo sviluppo di nuovo anti artrite di Pfizer

I dati negativi di uno studio di fase IIb hanno portato la multinazionale Pfizer a decidere la fine dello sviluppo del farmaco, noto con il codice TRU-015, che veniva studiato per la terapia dell'artrite reumatoide.