Altri Studi

VIDEO

HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


ARTICOLI

Epatite C, telaprevir meglio della terapia standard

I dati dallo studio PROVE3 appena pubblicati nel New England Journal of Medicine mostrano come una terapia basata su telaprevir è più efficace della terapia standard nel trattamento dei pazienti affetti da infezione cronica da virus dell'epatite C (H[...]

Melanoma, terapie combinate per cronicizzare la malattia

Trattare il melanoma con una terapia di combinazione, come è stato fatto con l'HIV, per rendere questo tumore della pelle una malattia cronica, con cui il paziente può convivere per tutta la vita. Una sfida difficile, soprattutto per una patologia ch[...]

Panitumumab, un passo verso cure sempre più mirate

Sempre più vicina la cura personalizzata del cancro del colon. Amgen ha annunciato i risultati di una nuova analisi sui biomarker dello studio pivotal di fase III 408 su panitumumab in combinazione con la migliore terapia di supporto (BSC) paragonato[...]

Nuovo antiandrogeno attivo nel ca prostatico avanzato

Un antiandrogeno sperimentale, MDV3100, ha dimostrato una consistente attività antitumorale in pazienti con carcinoma della prostata progressivo, metastatico e resistente alla castrazione chimica in uno studio di fase I-II appena pubblicato online su[...]

Rufinamide, possibile uso più ampio nell'epilessia

Il farmaco rufinamide (Banzel negli Stati Uniti, Inovelon in Europa, Eisai) è risultato efficace per il trattamento delle crisi epilettiche a esordio parziale refrattarie in uno studio di fase II presentato al congresso dell'American Academy of Neuro[...]

Lixisenatide migliora il controllo glicemico nel DT2

Sanofi-aventis ha comunicato i risultati del primo studio clinico controllato del programma di fase III GetGoal su lixisenatide, un nuovo antidiabetico once-daily appartenente alla classe dei GLP-1 agonisti. In questo studio, il farmaco ha ridotto in[...]

Alglucosidasi alfa efficace nella malattia di Pompe a esordio tardivo

La terapia sostitutiva con alglucosidasi alfa ricombinante ha portato a un miglioramento duraturo e significativo della distanza percorsa a piedi e a una stabilizzazione della funzionalità polmonare in pazienti affetti da malattia di Pompe a esordio [...]

Crohn, uso precoce del biologico aumenta la remissione

Uno studio multicentrico di fase IV ha dimostrato che nei pazienti con malattia di Crohn di grado moderato-severo trattati con infliximab (Remicade, Merck & Co.) in combinazione con azatioprina, la percentuale di coloro che hanno raggiunto la remissi[...]

Ca del polmone, utile l'impiego dei biomarker

I pazienti con tumore al polmone la cui terapia viene impostata sulla base dei loro biomarker tumorali ottengono maggiori benefici rispetto a quelli trattati in modo tradizionale, non mirato. Lo suggeriscono i risultati di uno studio di fase II, deno[...]

Cisplatino più gemcitabina, nuova opzione per il ca delle vie biliari avanzato

Rispetto alla sola gemcitabina, l'associazione di cisplatino e gemcitabina permette di allungare la sopravvivenza in modo significativo, senza tossicità aggiuntive, in pazienti con carcinoma delle vie biliari in stadio avanzato. È la conclusione dell[...]

Gilead, al via la fase III su regime quadruplo anti-Hiv

Gilead Sciences ha appena annunciato l'avvio un programma clinico di fase III per la valutazione del regime quadruplo (Quad) in un'unica compressa a dose fissa e in somministrazione monogiornaliera a base di elvitegravir, cobicistat (ex GS 9350), emt[...]

Antimicotico low cost possibile antitumorale

L'itraconazolo, un antimicotico ad ampio spettro e a basso costo, ha dimostrato di rallentare la crescita tumorale in uno studio su un modello murino pubblicato su Cancer Cell. Anche se non ha eliminato completamente la neoplasia, il farmaco potrebbe[...]

Mipomersen, bene la fase II nell'ipercolesterolemia primaria

Il trattamento con mipomersen, un nuovo anticolesterolo, ha dati risultati di efficacia incoraggianti in uno studio di fase II su pazienti ipercolesterolemici in terapia con statine. Il trial, randomizzato, controllato verso placebo e di escalation d[...]

Torezolid efficace rapidamente contro le infezioni cutanee

L'antibiotico torezolid fosfato (TR-701) si è dimostrato ben tollerato e ha portato a rapidi miglioramenti degli outcome clinici e microbiologici in pazienti con gravi infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (cSSSI) in uno studio di fase [...]

Danoprevir, dati positivi in fase II contro l'epatite C

Annunciati I risultati ad interim di uno studio di fase IIb da cui emerge che il farmaco sperimentale per il trattamento dell'epatite C danoprevir), in aggiunta alla terapia standard (interferone e ribavirina), offre maggiori possibilità di ottenere[...]

Alemtuzumab, efficace a lungo termine contro la sclerosi multipla

L'anticorpo monoclonale alemtuzumab (MabCampath in Europa e Campath negli Usa, Genzyme) ha arrestato la progressione della disabilità e prevenuto le ricadute nel 71% dei pazienti affetti da sclerosi multipla contro il 35% dei pazienti trattati con in[...]

Rotigotina migliora la qualità del sonno nei pazienti con Parkinson

Pazienti affetti di morbo di Parkinson trattati con rotigotina transdermica per 24 ore hanno ottenuto un miglioramento della qualità del sonno e della funzione motoria mattutina rispetto a quelli trattati con placebo, in uno studio appena presentato [...]

Risultati incoraggianti per nuovo anti-Alzheimer

Il trattamento con una preparazione di immunoglobine per via infusionale ha rallentato in modo significativo il declino cognitivo e l'atrofia cerebrale rispetto al placebo in pazienti con malattia di Alzheimer di grado lieve-moderato. Questi e altri [...]

Epatite B, studio italiano conferma l'efficacia di entecavir

Importante i conferme italiane sull'efficacia di entecavir, antivirale orale ad alta barriera genetica indicato per il trattamento dell'epatite B cronica. Per la prima volta sono disponibili i dati sull'uso della molecola dopo due anni di trattamento[...]

Fingolimod, nuovi dati positivi nella sclerosi multipla

Dall'American Academy of Neurology arrivano nuove evidenze positive sull'efficacia e il favorevole profilo rischio/beneficio di fingolimod, primo farmaco orale per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente.