Altri Studi

VIDEO

Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


Hiv, dove sta andando la ricerca farmacologica?


HIV: associazione a dose fissa a base di darunavir efficace nei pazienti naive


Iperparatiroidismo secondario: arriva in Italia etelcalcetide, un nuovo calcio mimetico


Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica: che cos'è e conseguenze


Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica, il punto di vista dei pazienti


Psoriasi, con secukinumab efficacia mantenuta anche dopo 5 anni


Rene policistico: nuove prospettive di cura con il tolvaptan


Rene policistico: descrizione, cause, sintomi e diagnosi


ARTICOLI

Telaprevir, pubblicato sul Nejm lo studio PROVE-3

Il trattamento con regimi a base di telaprevir ha aumentato in modo significativo le percentuali di risposta virologica sostenuta (SVR) in pazienti affetti da HCV di genotipo 1 che non avevano raggiunto la SVR con almeno un ciclo di trattamento prece[...]

Ca mammario, l'aspirina riduce il rischio di morte e metastasi

Le donne che hanno completato il trattamento per un carcinoma mammario in stadio iniziale e assumono aspirina, hanno un rischio quasi dimezzato di mortalità legata al tumore al seno e una riduzione simile del rischio di metastasi. I due riscontri eme[...]

Vorinostat, promettente in aggiunta alla radioterapia palliativa

Il farmaco orale vorinostat ha dimostrato una promettente attività antitumorale ed è risultato sicuro e ben tollerato, in aggiunta alla radioterapia pelvica palliativa a breve termine, in pazienti con carcinoma gastrointestinale, secondo quanto ripor[...]

Litio, nessun beneficio nella Sla

L'aggiunta di litio al riluzolo non ritarda la progressione della malattia nei pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica (Sla). È il risultato del primo studio randomizzato in doppio cieco sull'uso del farmaco per il trattamento di questa gra[...]

Nuovo Fans con caratteristiche promettenti

Un nuovo Fans ha dato risultati promettenti, per ora sull'animale, nell'alleviare i sintomi dell'infiammazione, riducendo in modo sostanziale l'incidenza di sanguinamenti e danni intestinali, eventi avversi spesso provocati dagli agenti di questa cla[...]

Sclerosi multipla, test per identificare i responder all'interferone

Secondo i risultati di uno studio della Stanford University pubblicato su Nature medicine, si potrebbero identificare i pazienti con sclerosi multipla che non rispondono al trattamento con interferone beta - più del 25% - con un test ematico. Per arr[...]

Co-trimossazolo utile nell'HIV

Per ridurre le morti correlate all'Hiv, per lo meno in Africa, basterebbe aggiungere una profilassi con co-trimossazolo (Bactrim), antibiotico a basso prezzo, alla terapia antiretrovirale (Art). A dimostrarlo è uno studio dell'Imperial College di Lon[...]

Ca mammario, l'acido zoledronico può ridurre la crescita tumorale

L'acido zoledronico in aggiunta alla chemioterapia potrebbe ridurre la diffusione del tumore nelle donne con carcinoma mammario localmente avanzato riducendo la probabilità di crescita di cellule tumorali nel midollo osseo e la diffusione in altri di[...]

Le statine riducono la mortalità CV nei pazienti infartuati molto anziani

Il trattamento con statine è legato a una mortalità cardiovascolare ridotta nei pazienti molto anziani che hanno avuto un infarto, senza aumentare il rischio di mortalità oncologica. Lo evidenzia un ampio studio svedese appena pubblicato sul Journal [...]

Dutasteride riduce il rischio di ca prostatico

Il trattamento con dutasteride (Avodart, GlaxoSmithKline) per quattro anni ha ridotto del 23% l'incidenza della malattia in uomini ad aumentato rischio di cancro alla prostata. È il risultato di maggior rilievo dello studio REDUCE (Reduction by Dutas[...]

Cetuximab aumenta sopravvivenza e QoL nei tumori testa-collo

Nuovi dati appena pubblicati dalla rivista Annals of Oncology confermano l'efficacia e il favorevole impatto sulla qualità di vita di cetuximab nel trattamento di prima linea del tumore recidivante e/o metastatico a cellule squamose della testa e del[...]

Diabete, per prevenire il rischio CV non basta la glicemia

Non basta curare la glicemia, bisogna prendersi cura della persona con diabete nella sua complessità e soprattutto impostare la cura sulle caratteristiche di ciascun individuo. Lo conferma lo studio "Più di un obiettivo per prevenire la mortalità car[...]

Nuovo oncologico di Novartis, alt allo sviluppo nel NSCLC

La società farmaceutica Antisoma ha annunciato l'interruzione dello studio di fase III ATTRACT-1 sul farmaco sperimentale ASA404 nel tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) non trattato in precedenza. Lo stop è la conseguenza di un'analisi a[...]

Riabilitata l'associazione clopidogrel-inibitori di pompa

Il trattamento con inibitori della pompa protonica (PPI) non influisce sui risultati clinici nei pazienti trattati con colpidogrel dopo angioplastica coronarica, secondo i risultati di uno studio presentato la scorsa settimana al congresso dell'Ameri[...]

Infarto e insufficienza cardiaca: sì a clopidogrel

In pazienti con insufficienza cardiaca, che hanno avuto un infarto acuto al miocardio ma non sono stati sottoposti a intervento coronarico percutaneo, la terapia con clopidogrel è associata a una significativa diminuzione della mortalità. Lo afferman[...]

Primo paziente del trial natalizumab vs glatiramer vs interferone

Biogen Idec ed Elan Corporation hanno annunciato l'arruolamento del primo paziente in uno studio globale di Fase IIIb, randomizzato, in doppio cieco e controllato attivamente, progettato per valutare il passaggio a (natalizumab) da glatiramer aceta[...]

Epatite C, con albinterferone alfa-2b basta una dose al mese

Sono positivi i risultati intermedi di uno studio clinico di fase II sull'efficacia in pazienti con epatite C (genotipi 2 e 3) del farmaco albinterferone alfa 2-b a somministrazione mensile, rispetto al farmaco peginterferone alfa-2a, a somministrazi[...]

Ofatumumab in prima linea contro la leucemia

L'anticorpo monoclonale ofatumumab mostra una significativa attività clinica anche come trattamento di prima linea per pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC): lo dicono i dati di uno studio clinico di fase II presentati pochi giorni fa all'Int[...]

Bisfosfonati non aumentano il rischio di fratture atipiche del femore

L'assunzione di bisfosfonati, anche per lunghi periodi, non sembra associata a un aumento del rischio di fratture atipiche del femore. Questa, almeno, è la conclusione di un'analisi appena pubblicata dal New England Journal of Medicine. Dennis Black[...]

Network italiano studia terapia genica antirigetto

Grazie alla terapia genetica, sarà forse possibile abbattere ulteriormente il rischio di rigetto dopo un trapianto, garantendo ai malati che hanno bisogno di un organo nuovo un futuro senza ricadute. E' questo l'obiettivo di un network tutto italian[...]