Altri Studi

VIDEO

Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


Hiv, dove sta andando la ricerca farmacologica?


HIV: associazione a dose fissa a base di darunavir efficace nei pazienti naive


Iperparatiroidismo secondario: arriva in Italia etelcalcetide, un nuovo calcio mimetico


Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica: che cos'è e conseguenze


Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica, il punto di vista dei pazienti


Psoriasi, con secukinumab efficacia mantenuta anche dopo 5 anni


Rene policistico: nuove prospettive di cura con il tolvaptan


Rene policistico: descrizione, cause, sintomi e diagnosi


ARTICOLI

Lixisenatide, l'efficacia non cambia se assunto prima di colazione, pranzo o cena

Nel corso dell'International Diabetes Federation 2013 World Congress di Melbourne (Australia) Sanofi ha annunciato i risultati di uno studio di fase IIIb che ha valutato la flessibilità nella somministrazione dell'inibitore del GLP-1 lixisenatide. Ne[...]

Abatacept, effetti positivi sulla funzione beta cellulare nel diabete tipo 1

Un trattamento immunomodulante con abatacept ha contribuito a rallentare il declino della funzionalità delle cellule beta pancreatiche in pazienti con diabete di tipo 1 di recente insorgenza, anche dopo la sospensione della terapia in uno studio cont[...]

HIV, speranze di una cura definitiva con la radioimmunoterapia

La notizia è di quelle che fanno rumore, perché potrebbe portare a rivoluzionare il trattamento dell'infezione da HIV e, in ultima analisi, a trovare una cura definitiva per la malattia. Durante il congresso della Radiological Society of North Americ[...]

Tubercolosi, fattibile in sicurezza l'aumento della dose di rifampicina

Lo studio di fase II RIFATOX, presentato durante i lavori dell'ultima World Conference on Lung Health, a Parigi, evidenzia che l'aumento della dose giornaliera di rifampicina nel regime attuale di trattamento anti-tubercolosi (TB) da 10mg/kg a 15mg/k[...]

Conferme di efficacia in Fase III per U300, nuova formulazione di insulina glargine

Sono stati recentemente presentati, nel corso dell'International Diabetes Federation 2013 World Congress, in corso a Melbourne (Australia) i risultati definitivi dello studio EDITION II. I risultati del trial hanno documentato la superiore efficacia [...]

Possibile legame tra integratori multivitaminici e riduzione del rischio di cataratta

Secondo uno studio appena pubblicato online sulla rivista Opthalmolgy, prendere ogni giorno un integratore multivitaminico può ridurre leggermente, ma in modo significativo, il rischio di cataratta, mentre non sembra avere alcun effetto su quello di[...]

Diabete tipo 2, vitamina D può migliorare depressione e dolore neuropatico

Stando ai risultati di uno studio della Loyola University di Chicago, l'assunzione di vitamina D sotto forma di integratori riduce il dolore nelle donne affette contemporaneamente da diabete di tipo 2 e depressione.

Diabete, conferme in fase III per la combinazione fissa di insulina degludec e liraglutide

Sono stati presentati oggi al Congresso mondiale sulla malattia diabetica dell’International Diabetes Federation (IDF) i risultati dello studio clinico DUAL II appartenente al piano di sviluppo clinico di fase 3A di IDegLira (combinazione fissa tra l[...]

Possibile legame tra bassi livelli di vitamina D e rischio di infezioni nosocomiali

Uno studio retrospettivo appena pubblicato su JAMA Surgery e realizzato presso il Massachusetts General Hospital (MGH) di Boston evidenzia una correlazione inversa significativa tra livelli ematici di vitamina D e rischio di infezioni nosocomiali dop[...]

HIV, integratori multivitaminici e di selenio promettenti, in fase iniziale, per frenare la progressione della malattia

Stando ai risultati di un ampio studio appena pubblicato su Jama, l'assunzione di integratori multivitaminici e a base di selenio nelle fasi iniziali dell'infezione da HIV può rallentare la progressione della malattia.

Identificato un nuovo target farmacologico per vincere la malaria

I ricercatori Novartis hanno scoperto un nuovo target farmacologico per il trattamento della malaria. La scoperta, pubblicata online dalla rivista Nature[2] identifica la fosfatidilinositol-4chinasi (PfPI4K) come target per l'imidazopirazine, una nu[...]

Inibitori della neuraminidasi migliorano la sopravvivenza nei bambini gravemente influenzati

In uno studio appena pubblicato online sulla rivista Pediatrics, il trattamento con inibitori della neuraminidasi (NAI) ha migliorato la sopravvivenza dei bambini ricoverati in ospedale in un reparto di terapia intensiva a causa di un'influenza, se s[...]

HIV, immunizzazione con OM-85 BV riduce le riacutizzazioni respiratorie, studio italiano

L'immunizzazione con l'immunostimolante OM-85 BV (un lisato batterico di diverse specie microbiche) può aiutare a prevenire le riacutizzazioni delle infezioni respiratorie nei pazienti sieropositivi che presentano frequenti ricadute stagionali. A sug[...]

HIV, lamivudina ed emtricitabina pari sono; la conferma da una metanalisi

I due inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI) lamivudina (3TC) emtricitabina (FTC) sono ugualmente efficaci dal punti di vista clinico. A sancirlo sono i risultati di una metanalisi di dodici studi randomizzati appena pubblicata sull[...]

Carenza di vitamina D predittiva di decesso nei pazienti sieropositivi

Uno studio europeo presentato di recente alla European AIDS Conference a Bruxelles suggerisce la presenza di una correlazione tra i livelli di 25-idrossivitamina D e rischio di decesso, ma non di altri eventi avversi.

Possibile legame tra uso prolungato di contraccettivi orali e rischio di glaucoma

Stando ai risultati di un ampio studio trasversale di popolazione presentato in occasione del congresso annuale dell'American Academy of Ophthalmology, assumere contraccettivi orali per più di 3 anni potrebbe raddoppiare il rischio di glaucoma.

Ipotermia terapeutica dopo arresto cardiaco, 33° o 36° sono pari

I risultati dello studio Target Temperature Management (TTM) sono stati pubblicati oggi sulla prestigiosa rivista scientifica New England Journal of Medicine dopo aver incluso 950 pazienti con arresto cardiaco extra-ospedaliero ammessi in 36 terapie [...]

Diabete, per la prima volta definiti gli obiettivi glicemici “su misura” per i pazienti over 70

Pubblicati su The Lancet i risultati dello studio INTERVAL. Essi dimostrano, per la prima volta per un farmaco antidiabetico, il vildagliptin, la possibilità di raggiungere obiettivi terapeutici personalizzati in termini di controllo glicemico nei pa[...]

Tamoxifene potrebbe aiutare contro il declino cognitivo dopo la menopausa

Il tamoxifene e altri modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM) potrebbero contribuire a frenare il declino cognitivo nelle donne in post-menopausa, specie quelle a rischio di malattia di Alzheimer. A suggerirlo è uno studio presentat[...]

Malattie metaboliche ereditarie, l'orologio biologico è alterato

Nei pazienti affetti da sindrome di Hunter, rara malattia metabolica ereditaria, i geni che controllano i ritmi circadiani (le funzioni biologiche ed i cicli comportamentali che variano ritmicamente nell'arco delle 24 ore) sono alterati.