Altri Studi

VIDEO

HIV: due farmaci efficaci quanto tre, risultati degli studi GEMINI


HIV, soppressione virale equivale a nessuna trasmissione dell'infezione


Terapie avanzate nelle malattie rare: sono costo-efficaci?


Talassemie trasfusione dipendenti: terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Talassemie trasfusione dipendenti: cosa sono, quanto sono frequenti, come si arriva alla diagnosi


Adrenoleucodistrofia: come si cura con le terapie attuali e che prospettive apre la terapia genica


Terapie avanzate per le malattie rare: serve un fondo nazionale


Malattie rare e terapie avanzate: come si è organizzata Regione Lombardia?


Telemedicina applicata alla dialisi peritoneale: come funziona e quali sono i vantaggi


Dialisi peritoneale domiciliare: che cos'è e quali sono i vantaggi


Malattia renale cronica: Piano Nazionale Cronicità promuove deospedalizzazione e personalizzazione cure


Dialisi domiciliare personalizzata terapia di prima scelta secondo la SIN


Dialisi peritoneale domiciliare, cosa ne pensano i pazienti?


Dialisi peritoneale domiciliare controllata a distanza: studio di HTA ne dimostra il vantaggio economico


Psoriasi: come funziona apremilast e come impatterà sulla pratica clinica


Dermatoscopia: principali campi di applicazione in pediatria


Dermatoscopia nei disturbi del cuoio capelluto e dei capelli, ultime novità


Amiloidosi da transtiretina: studi di fase III aprono nuove prospettive per i pazienti


Orticaria cronica spontanea: come si fa la diagnosi?


La terapia dell'orticaria cronica spontanea


Orticaria cronica spontanea: epidemiologia e caratteristiche principali


Nuove linee guida per la cura dell'HIV presentate al congresso EACS di Milano


ARTICOLI

Identificato un nuovo target farmacologico per vincere la malaria

I ricercatori Novartis hanno scoperto un nuovo target farmacologico per il trattamento della malaria. La scoperta, pubblicata online dalla rivista Nature[2] identifica la fosfatidilinositol-4chinasi (PfPI4K) come target per l'imidazopirazine, una nu[...]

Inibitori della neuraminidasi migliorano la sopravvivenza nei bambini gravemente influenzati

In uno studio appena pubblicato online sulla rivista Pediatrics, il trattamento con inibitori della neuraminidasi (NAI) ha migliorato la sopravvivenza dei bambini ricoverati in ospedale in un reparto di terapia intensiva a causa di un'influenza, se s[...]

HIV, immunizzazione con OM-85 BV riduce le riacutizzazioni respiratorie, studio italiano

L'immunizzazione con l'immunostimolante OM-85 BV (un lisato batterico di diverse specie microbiche) può aiutare a prevenire le riacutizzazioni delle infezioni respiratorie nei pazienti sieropositivi che presentano frequenti ricadute stagionali. A sug[...]

HIV, lamivudina ed emtricitabina pari sono; la conferma da una metanalisi

I due inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI) lamivudina (3TC) emtricitabina (FTC) sono ugualmente efficaci dal punti di vista clinico. A sancirlo sono i risultati di una metanalisi di dodici studi randomizzati appena pubblicata sull[...]

Carenza di vitamina D predittiva di decesso nei pazienti sieropositivi

Uno studio europeo presentato di recente alla European AIDS Conference a Bruxelles suggerisce la presenza di una correlazione tra i livelli di 25-idrossivitamina D e rischio di decesso, ma non di altri eventi avversi.

Possibile legame tra uso prolungato di contraccettivi orali e rischio di glaucoma

Stando ai risultati di un ampio studio trasversale di popolazione presentato in occasione del congresso annuale dell'American Academy of Ophthalmology, assumere contraccettivi orali per più di 3 anni potrebbe raddoppiare il rischio di glaucoma.

Ipotermia terapeutica dopo arresto cardiaco, 33° o 36° sono pari

I risultati dello studio Target Temperature Management (TTM) sono stati pubblicati oggi sulla prestigiosa rivista scientifica New England Journal of Medicine dopo aver incluso 950 pazienti con arresto cardiaco extra-ospedaliero ammessi in 36 terapie [...]

Diabete, per la prima volta definiti gli obiettivi glicemici “su misura” per i pazienti over 70

Pubblicati su The Lancet i risultati dello studio INTERVAL. Essi dimostrano, per la prima volta per un farmaco antidiabetico, il vildagliptin, la possibilità di raggiungere obiettivi terapeutici personalizzati in termini di controllo glicemico nei pa[...]

Tamoxifene potrebbe aiutare contro il declino cognitivo dopo la menopausa

Il tamoxifene e altri modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM) potrebbero contribuire a frenare il declino cognitivo nelle donne in post-menopausa, specie quelle a rischio di malattia di Alzheimer. A suggerirlo è uno studio presentat[...]

Malattie metaboliche ereditarie, l'orologio biologico è alterato

Nei pazienti affetti da sindrome di Hunter, rara malattia metabolica ereditaria, i geni che controllano i ritmi circadiani (le funzioni biologiche ed i cicli comportamentali che variano ritmicamente nell'arco delle 24 ore) sono alterati.

Diabete: giunge dagli italiani, su The Lancet, l'assoluzione delle incretine

Studio italiano pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology, condotto dal gruppo di Carlo B. Giorda, Direttore Unità diabete e malattie metaboliche ASL 5 Torino e Presidente Fondazione Associazione Medici Diabetologi (AMD), su oltre 280.000 per[...]

Cellule "trans" scudo contro il diabete, studio italiano

Una ricerca condotta a quattro mani dai ricercatori del Policlinico Gemelli e del Joslin Diabetes Center dell'Università di Harvard (Boston) scopre come alcune persone riescono a difendersi dal diabete di tipo 2. Lo studio è appena stato pubblicato o[...]

Bardoxolone, flop in fase III contro la nefropatia cronica

Il farmaco sperimentale bardoxolone ha dimostrato di non rallentare la progressione della nefropatia cronica nei pazienti con diabete di tipo 2 e potrebbe anche causare danni cardiovascolari. È questo il deludente esito dello studio BEACON (Bardoxolo[...]

Abatacept promettente contro la proteinuria nella glomerulosclerosi focale segmentale

In uno studio proof-of-concept appena presentato alla Kidney Week dell'American Society of Nephrology, e pubblicato in contemporanea sul New England Journal of Medicine, il trattamento con abatacept ha portato a una risoluzione parziale o completa de[...]

Nuovo agente che combina due incretine promettente contro il diabete di tipo 2

Un farmaco sperimentale iniettabile che combina le proprietà di due ormoni coinvolti nella regolazione del metabolismo, il glucagon-like peptide 1 (GLP-1) e il glucose-dependent insulinotropic polypeptide (GIP), si è dimostrato efficace nel ridurre l[...]

Alta efficacia del nuovo vaccino di Merck contro il Papilloma Virus Umano

In uno studio pivotal di Fase III il vaccino Merck 9-valente contro il Papilloma Virus Umano (HPV), V503, ha dimostrato di prevenire il 97% delle lesioni cervicali, vaginali e vulvari pre-cancerose causate da 5 ulteriori tipi di HPV – lo annuncia og[...]

Trapianto allegenico di staminali emopoietiche, meno GVHD aggiungendo atorvastatina al regime di condizionamento

In un piccolo studio di fase II appena pubblicato online sul Journal of Clinical Oncology, i pazienti sottoposti a un trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche con un regime di condizionamento contenente anche atorvastatina hanno mostrat[...]

La vitamina D non protegge contro influenze e raffreddori

La supplementazione con vitamina D3 non riduce l'incidenza o il rischio di infezioni delle alte vie aeree negli adulti, stando ai risultati di un nuovo studio randomizzato e controllato pubblicato di recente online su Clinical Infectious Diseases.

Topiramato promettente contro la dipendenza da cocaina

Il topiramato, già approvato per il trattamento dell'epilessia e la profilassi dell'emicrania, potrebbe rivelarsi anche il primo farmaco affidabile per trattare la dipendenza da cocaina. A suggerirlo è uno studio di fase III appena pubblicato online [...]

HIV, pare guarita una bimba trattata appena nata con gli antiretrovirali

Una neonata infettata dall'HIV probabilmente in utero, alla quale i medici hanno fatto iniziare la terapia antiretrovirale (ART) a 30 ore dalla nascita, è rimasta in buona salute e non ha mostrato segni di presenza rilevabile del virus fino a 30 mesi[...]