Pochi giorni fa vi abbiamo riportato uno studio che sottolineava come l’inattività fisica provochi il doppio delle morti precoci rispetto all’obesità, dimostrando i vantaggi per la nostra salute derivati da un esercizio fisico regolare. Ora, una nuova meta analisi pubblicata su Annals of Internal Medicine suggerisce che fare regolarmente movimento non compensa i rischi dello stare seduti per lunghi periodi di tempo.

A differenza delle conclusioni di studi precedenti, il nuovo studio condotto dagli esperti del Toronto Rehabilitation Institute University Health Network ha trovato che la troppa sedentarietà, e quindi lo stare seduti alla scrivania per lunghi periodi di tempo durante il lavoro o sdraiati sul divano a guardare la Tv, espone a un maggior rischio di morte prematura, sviluppo di diabete, malattie cardiovascolari e cancro, indipendentemente da quanto si è in forma.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato 47 studi precedenti. Gli esperti hanno osservato che lo stare seduti per lunghi periodi di tempo era associato a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause e altri outcome, anche dopo aggiustamento per livelli di attività fisica, rispetto allo stare seduti per periodi di tempo brevi.

In particolare, l’HR per tutte le cause di mortalità era pari a 1,240 [95% CI, 1,090 – 1,410], per la mortalità per cause cardiovascolari era pari a 1,179 [CI, 1,106 – 1,257], per l’incidenza di malattie cardiovascolari era di 1,143 [CI, 1,002 – 1,729], per la mortalità per cancro era di 1,173 [CI, 1,108 – 1,242], per l’incidenza di cancro era di 1,130 [CI, 1,053 – 1,213] e per l’incidenza di diabete di tipo 2 era di 1,910 [CI, 1,642 – 2,222].

I ricercatori hanno però osservato che il rischio era più pronunciato tra coloro che facevano poco o nessun esercizio, rispetto invece a coloro che praticavano un’attività fisica regolare.

David Alter, autore principale della ricerca, ha affermato: "il nostro studio sottolinea che, nonostante i benefici derivati dall’aumento dell'attività fisica, fare movimento regolarmente potrebbe non essere sufficiente per ridurre il rischio di sviluppare determinate malattie o di mortalità". In attesa di studi più approfonditi, gli autori invitano a ridurre il tempo che si trascorre seduti, anche programmando di alzarsi ogni mezz'ora per qualche minuto durante il lavoro o quando si guarda la tv.

Alter, et al "Sedentary time and its association with risk for disease incidence, mortality, and hospitalization in adults" Ann Intern Med 2015; 162: 123-141
Leggi