Digiuno intermittente fa vivere più a lungo? 

Altri Studi

In un articolo di recensione pubblicato nel numero del 26 dicembre del The New England Journal of Medicine, il neuroscienziato della Johns Hopkins Medicine Mark Mattson, conclude che il digiuno intermittente ha un effetto favorevole sulla salute. Mattson, un ricercatore che ha studiato l'impatto sulla salute del digiuno intermittente per 25 anni e lo ha adottato lui stesso circa 20 anni fa, scrive che "il digiuno intermittente potrebbe essere parte di uno stile di vita sano".

Per molte persone, il nuovo anno è il momento di adottare nuove abitudini come un rinnovato impegno per la salute personale. I nuovi appassionati di fitness si riversano nelle palestre e i negozi di alimentari sono pieni di clienti desiderosi di provare nuove diete.

Ma, le prove scientifiche confermano le affermazioni fatte per queste diete? In un articolo di recensione pubblicato nel numero del 26 dicembre del The New England Journal of Medicine, il neuroscienziato della Johns Hopkins Medicine Mark Mattson, conclude che il digiuno intermittente lo fa.

Mattson, che ha studiato l'impatto sulla salute del digiuno intermittente per 25 anni e lo ha adottato lui stesso circa 20 anni fa, scrive che "il digiuno intermittente potrebbe essere parte di uno stile di vita sano". Professore di neuroscienze alla Johns Hopkins University School of Medicine, Mattson dice che il suo nuovo articolo vuole aiutare a chiarire la scienza e le applicazioni cliniche del digiuno intermittente in modi che possano aiutare i medici a guidare i pazienti che vogliono provarlo.

Le diete a digiuno intermittente, dice, rientrano generalmente in due categorie: l'alimentazione giornaliera a tempo limitato, che riduce i tempi di consumo a 6-8 ore al giorno, e il cosiddetto digiuno intermittente 5:2, in cui le persone si limitano a un pasto di dimensioni moderate due giorni alla settimana.

Una serie di studi sugli animali e alcuni studi sull'uomo hanno dimostrato che l'alternanza dei tempi di digiuno e di alimentazione favorisce la salute cellulare, probabilmente innescando un adattamento secolare ai periodi di scarsità di cibo chiamato commutazione metabolica. Tale cambiamento si verifica quando le cellule consumano le loro riserve di carburante a base di zucchero rapidamente accessibile e iniziano a convertire i grassi in energia in un processo metabolico più lento.

Mattson dice che gli studi hanno dimostrato che questo interruttore migliora la regolazione dello zucchero nel sangue, aumenta la resistenza allo stress e sopprime l'infiammazione. Poiché la maggior parte degli americani ogni giorno mangia tre pasti più vari spuntini, non sperimentano l'interruttore, o i benefici suggeriti.

Nell'articolo, Mattson nota che quattro studi in animali e persone hanno trovato il digiuno intermittente ha anche ridotto la pressione sanguigna, i livelli di lipidi nel sangue e la frequenza cardiaca a riposo.

Le prove sono anche in aumento che il digiuno intermittente può modificare i fattori di rischio associati all'obesità e al diabete, dice Mattson. Due studi presso l'University Hospital of South Manchester NHS Foundation Trust di 100 donne in sovrappeso hanno dimostrato che quelli sulla dieta a digiuno intermittente 5:2 hanno perso la stessa quantità di peso come le donne che hanno limitato le calorie, ma ha fatto meglio sulle misure di sensibilità insulinica e ridotto il grasso della pancia rispetto a quelli del gruppo di riduzione delle calorie.

Più recentemente, dice Mattson, studi preliminari suggeriscono che il digiuno intermittente potrebbe beneficiare anche la salute del cervello. Un test clinico multicentrico presso l'Università di Toronto nel mese di aprile ha trovato che 220 adulti sani, non obesi che hanno mantenuto una dieta a ridotto contenuto calorico per due anni ha mostrato segni di miglioramento della memoria in una batteria di test cognitivi. Mentre la ricerca deve essere fatta molto di più per dimostrare gli effetti del digiuno intermittente sull'apprendimento e la memoria, Mattson dice che se questa prova viene trovata, il digiuno - o un equivalente farmaceutico che lo imita - può offrire interventi che possono ostacolare la neurodegenerazione e la demenza.

"Siamo a un punto di transizione in cui potremmo presto considerare di aggiungere informazioni sul digiuno intermittente ai programmi della scuola di medicina insieme ai consigli standard sulle diete sane e l'esercizio fisico", dice.

Mattson riconosce che i ricercatori "non comprendono appieno i meccanismi specifici della commutazione metabolica e che "alcune persone non sono in grado o non vogliono aderire" ai regimi di digiuno. Ma sostiene che con una guida e un po' di pazienza, la maggior parte delle persone può incorporarli nella propria vita. Ci vuole un po' di tempo perché l'organismo si adatti al digiuno intermittente e superi i dolori iniziali della fame e l'irritabilità che lo accompagnano. "I pazienti dovrebbero essere informati che sentirsi affamati e irritabili è comune inizialmente e di solito passa dopo due settimane a un mese quando il corpo e il cervello si abituano alla nuova abitudine", dice Mattson.

Per gestire questo ostacolo, Mattson suggerisce ai medici di consigliare ai pazienti di aumentare gradualmente la durata e la frequenza dei periodi di digiuno nel corso di diversi mesi, invece di "andare in astinenza". Come per tutti i cambiamenti dello stile di vita, dice Mattson, è importante che i medici conoscano la scienza in modo da poter comunicare i potenziali benefici, i danni e le sfide e offrire supporto.