Ebola, due nuovi anticorpi curano fino al 90 per cento dei malati

Gli investigatori hanno interrotto uno studio che testa i trattamenti sperimentali di Ebola sperché i farmaci sviluppati da Regeneron e dai National Institutes of Health hanno battuto ZMapp, un altro farmaco non approvato che era stato usato in focolai precedenti. I nuovi trattamenti a base di anticorpi monoclonali sono risultai molto potenti - "Ora possiamo dire che il 90 per cento può uscire dal trattamento curato", ha detto uno scienziato.

Spesso gli studi clinici sono interrotti a causa di decessi di pazienti, problemi di sicurezza o perché il farmaco rischia di fallire. Uno studio condotto in Africa centrale per valutare nuovi farmaci per la cura dell’infezione da virus Ebola sta terminando prima del previsto per la ragione opposta.

Gli investigatori hanno interrotto uno studio che testa i trattamenti sperimentali di Ebola sviluppati da Gilead Sciences, Regeneron e i National Institutes of Health perché i farmaci sviluppati dagli ultimi due hanno battuto ZMapp, un altro farmaco non approvato che era stato usato in focolai precedenti.

I nuovi trattamenti a base di anticorpi monoclonali sono risultai molto potenti - "Ora possiamo dire che il 90 per cento può uscire dal trattamento curato", ha detto uno scienziato - e fanno sperare che la disastrosa epidemia nel Congo orientale possa presto essere fermata e che le future epidemie possano essere contenute più facilmente.

Offrire ai pazienti una vera e propria cura "può contribuire a farli sentire più a loro agio nel cercare cure precoci", ha detto Anthony S. Fauci, direttore dell'Istituto Nazionale di Allergia e Malattie Infettive, che si è unito all'Organizzazione Mondiale della Sanità e al governo congolese nel fare l'annuncio.

Lo studio PALM ha preso il via nel novembre 2018 come parte della risposta di emergenza a un'epidemia di Ebola in Congo. Sebbene ZMapp, un farmaco sviluppato dalla società farmaceutica MappBio, non sia ancora approvato, lo studio PALM lo ha considerato lo standard di cura e lo ha usato come braccio di controllo basato sul suo utilizzo in uno studio del 2015 che lo poneva in contrasto con lo standard di cura dell'epoca che includeva il monitoraggio del flusso sanguigno, fornendo fluidi endovenosi e farmaci sintomatici.

Lo studio aveva già arruolato 681 pazienti, rispwetto a un target inziale di 725. Ma i dati preliminari hanno mostrato che i pazienti trattati con il mAb114, sviluppato dal NIH o con REGN-EB3 di Regeneron avevano maggiori probabilità di sopravvivere rispetto a quelli trattati con ZMapp o con l’antivirale remdesivir di Gilead, spingendo un comitato di revisione indipendente a raccomandare la conclusione anticipata dello studio.

L’utilizzo nello studio di ZMapp e remdesivir sarà interrotto; i pazienti che sono stati trattati con questi farmaci possono ora optare per mAb114 o REGN-EB3 con il contributo del loro medico. Tutti i futuri pazienti saranno randomizzati per ricevere il farmaco di Regeneron o il mAb114 sviluppato da NIH.

REGN-EB3 è un cocktail di tre anticorpi progettato per rallentare lo sviluppo di mutazioni in Ebola che portano alla resistenza ai farmaci, mentre mAb114 è un anticorpo monoclonale basato su un anticorpo trovato nel sangue di un paziente che era sopravvissuto a una precedente epidemia di Ebola in Congo. Lo scorso dicembre il NIH's National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) ha concesso in licenza il trattamento alla Ridgeback Biotherapeutics di Miami.

"Mentre l'analisi finale dei dati potrà avvenire solo dopo che tutti i dati sono generati e raccolti (probabilmente a fine settembre/inizio ottobre 2019), il board di monitoraggio dei dati e della sicurezza e la direzione dello studio hanno ritenuto che l'analisi preliminare dei dati esistenti fosse abbastanza convincente da raccomandare e implementare immediatamente questi cambiamenti nello studio", ha detto il NIH in una dichiarazione.

Sponsorizzato dal NIAID e dall'organizzazione nazionale di ricerca medica del Congo, lo studio inizialmente includeva solo ZMapp, mAb114 e remdesivir, aggiungendo successivmente REGN-EB3 dopo una raccomandazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Tra i pazienti che sono stati portati in centri di trattamento con basse cariche virali – e quindi infettati solo pochi giorni prima - solo il 6 per cento di coloro che hanno ottenuto il farmaco di Regeneron è deceduto, e solo l'11 per cento di coloro che hanno ottenuto il farmaco Biotherapeutics è deceduto, ha detto Fauci.

Al contrario, il 33 per cento di coloro che hanno ricevuto il farmaco antivirale fatto da Gilead è deceduto, come è accaduto per il 24 per cento di coloro che hanno ottenuto ZMapp, un vecchio cocktail di anticorpi monoclonali che è stato testato brevemente durante l'epidemia di Ebola in Africa occidentale nel 2014.
Il tasso di mortalità tra i pazienti non trattati e non vaccinati in questo focolaio è di oltre il 70 per cento, ha detto Michael J. Ryan, direttore della risposta di emergenza per il W.H.O.

"Questo studio è stato condotto in circostanze difficili durante un'emergenza sanitaria pubblica, e apprezziamo gli sforzi dell'OMS e di altri esperti per aggiungere REGN-EB3 allo studio", ha detto Sumathi Sivapalasingam, M.D., senior director of early clinical development and experimental sciences at Regeneron, in un comunicato. "Questo esperimento è un notevole passo avanti nella lotta decennale per rispondere a Ebola e apprezziamo gli enormi sforzi delle numerose organizzazioni governative e non governative che lo hanno reso possibile".