Uno studio appena pubblicato sull'edizione on line di Lancet Oncology conferma l'efficacia di Palonosetron e, in certi aspetti, la sua superiorità rispetto a granisetron, nella prevenzione della nausea e del vomito da chemioterapia.
Palonosetron è risultato non inferiore a granisetron nella fase acuta e si è dimostrato superiore nella fase tardiva.
Il profilo di sicurezza dei due farmaci è risultato paragonabile.

Lo studio in oggetto è un trial di fase III, multicentrico, randomizzato e in doppio cieco, double-dummy, che ha confrontato palonosetron/dexamethasone e granisetron/dexamethasone per la loro capacità di eliminare la nausea e il vomito indotti da chemioterapia. La dose di desametasone utilizzata era di 16 mg somministrata per via endovenosa.

Lo studio ha valutato 1.143 pazienti che ricevevano un regime chemioterapico altamente ematogenico. Essi hanno ricevuto palonosetron (0.75 mg) più desametasone (n = 555) o granisetron (40 mcg/kg) più desametasone (n = 559).
Il 75.3% dei pazienti trattati con Palonosteron ha avuto una  risposta completa durante la fase acuta verso il 73.3% del gruppo granisetron. Nella fase tardiva il 56.8% dei pazienti in terapia con palonosetron ha avuto una risposta completa verso il  44.5% del gruppo granisetron.
Studio di The Lancet Oncology