Tenofovir continua a essere sicuro ed efficace per il trattamento dell'epatite cronica B con otto anni di follow-up, i ricercatori hanno riferito al The Liver Meeting 2012, l'Assemblea 63 Annuale dell'Associazione Americana per lo Studio delle Malattie del fegato (AASLD) la scorsa settimana a Boston. Un altro studio ha mostrato una minima perdita ossea in pazienti trattati con tenofovir valutata con il metodo FRAX.

Diversi analoghi nucleosidici / nucleotide sono attivi contro i virus dell'epatite B (HBV), ma con l'uso prolungato HBV sviluppa resistenza ai vecchi farmaci come lamivudina (Epivir-HBV), compromettendo così l'efficacia sostenuta.

Tenofovir - che ha dimostrato una potente attività contro sia l'HBV e HIV - ha una più alta barriera alla resistenza. Studio 102 Gilead Sciences 'e Studio 103showed che tenofovir mantiene soppressione del carico virale HBV, è ben tollerato e non mostra segni di resistenza attraverso sei anni per i pazienti con epatite cronica B trattati in precedenza.

Scott Fung, fromToronto General Hospital, e colleghi hanno condotto uno studio di fase 3b di tenofovir per il trattamento di pazienti con epatite B con esperienza. I partecipanti ricevevano lamivudina all'inizio dello studio, ma ha avuto carica virale HBV di 1000 UI / ml o superiore e resistenza alla lamivudina documentate (ad esempio, M204I / V o mutazioni L180M), alcuni avevano anche usato dipivoxil (Hepsera) per 48 settimane o meno.

Questa analisi ha incluso 280 partecipanti, circa la metà dei quali erano l'antigene 'e' dell'epatite B (HBeAg) positivi. Circa i due terzi sono stati arruolati in Europa e un terzo nel Nord America. Erano stati infettati da HBV per dieci anni in media, e aveva assunto lamivudina per circa quattro anni.

Circa tre quarti dei partecipanti erano uomini, circa il 60% erano bianchi, circa il 35% era asiatico e l'età media era di 47 anni. HBV genotipo A è più comune (22%), seguita da B (14%), C (19%) e D (45%). Al basale, la media livelli di HBV DNA era di circa 6,5 log10 copie / ml.

Circa il 60% dei partecipanti aveva elevato alanina aminotransferasi (ALT) all'inizio dello studio. Le persone con pre-esistente compromissione della funzione renale (clearance della creatinina <50 ml / min) sono stati esclusi, così come le persone con HIV o epatite C co-infezione. Al basale circa il 30% dei partecipanti presentava evidenza di bassa densità ossea (osteopenia o osteoporosi) sulla colonna vertebrale scansioni DEXA e circa il 20% ha mostrato la perdita ossea nelle scansioni dell'anca.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a prendere tenofovir da solo o co-formulato tenofovir / emtricitabina (Truvada, approvato per il trattamento dell'HIV). Sicurezza ed efficacia sono state valutate più di 96 settimane. Circa il 90% dei partecipanti in entrambi i bracci dello studio completato le 96 settimane.

Le valutazioni inclusi biomarcatori renali (creatinina sierica, clearance della creatinina, fosforo sierico) perché tenofovir può causare tossicità renale in soggetti sensibili, così come le scansioni DEXA densità ossea, perché il farmaco è stato associato a perdita ossea nelle persone con HIV.

Un intent-to-treat ha mostrato una buona - e statisticamente equivalente - efficacia nel monoterapia tenofovir e tenofovir / emtricitabina armi: 89 e 86%, rispettivamente, di HBV DNA non rilevabili avuto a 96 settimane (<400 copie / ml o <69 UI / ml). La normalizzazione delle ALT, che indica l'infiammazione del fegato ridotta, si è verificato nel 62 vs 63%, rispettivamente.
Altre misure di risposta al trattamento dell'epatite B sono meno impressionanti. Perdita di HBeAg si è verificato nel 15% la terapia con tenofovir e il 13% di tenofovir / emtricitabina destinatari. Sieroconversione HBeAg verificato in 11 e 10%, rispettivamente. Solo una persona nel braccio di associazione hanno mostrato di superficie dell'epatite B (HBsAg) perdita, considerata la migliore indicazione di una cura per l'epatite B.

Tra 18 partecipanti, sottoposti a test di resistenza di droga, resistenza a tenofovir non è stata rilevata in due bracci di trattamento a 96 settimane.

Monoterapia Tenofovir e tenofovir / emtricitabina erano entrambi generalmente sicuro e ben tollerato. Solo un partecipante sperimentato un evento avverso grave, e tre persone (1%) sospeso il trattamento a causa di eventi avversi.

Guardando specificamente renali correlati effetti collaterali, nessuno dei partecipanti ha visto un aumento confermato creatininemia di 0,5 mg / dl o più rispetto al basale. Solo l'1% aveva ridotto fosforo sierico inferiori a 2 mg / dl, mentre il 3% ha avuto una clearance della creatinina inferiore a 50 ml / min (la maggior parte dei quali aveva sub-normale funzionalità renale al basale).

I ricercatori hanno valutato che non partecipanti allo studio ha sviluppato clinicamente rilevante perdita ossea secondo la colonna vertebrale e la densità ossea dell'anca minerale T-score e Z-score, che confronta la densità ossea a norma della popolazione. Sebbene cinque persone trauma subito associate fratture ossee, nessuno aveva fratture per fragilità ossea non traumatiche in assenza di lesioni.
"Un alto tasso di soppressione dell'HBV DNA con no [tenofovir] rilevabile resistenza è stata ottenuta con [tenofovir] in pazienti con resistenza alla lamivudina documentata attraverso 96 settimane", concludono i ricercatori. "[Tenofovir] è risultato sicuro e ben tollerato, con un basso tasso di eventi renali e nessuna evidenza di perdita di tessuto osseo clinicamente rilevante."

Data la sicurezza simile e l'efficacia della monoterapia con tenofovir e le braccia in terapia di associazione, il dottor Fung ha detto che tenofovir da solo dovrebbe essere considerata adeguata.

S. Fung et al. Efficacy and safety of tenofovir DF (TDF) in chronic hepatitis B virus infected patients with documented lamivudine resistance (LAM-R). AASLD 2012, abstract 20.