L’aggiunta di un gel di testosterone a sildenafil  non ha aumentato l’efficacia del trattamento negli uomini affetti da disfunzione erettile e con un deficit di testosterone secondo un nuovo studio appena pubblicato sugli Annals of Internal Medicine.


Il testosterone è in genere prescritto agli uomini che presentano sia bassi livelli di testosterone sia sintomi quali scarso interesse per il sesso o una ridotta massa ossea e muscolare.


Alcuni studi hanno suggerito che da un quarto a un terzo degli uomini con disfunzione erettile ha anche una carenza di testosterone. L’incertezza sulla prevalenza della testosterone mia deriva in parte dal fatto che non c’è accordo tra medici e sui livelli di cutoff per definire il deficit dell’ormone.


Lo studio appena pubblicato dimostra che un ciclo iniziale di terapia con sildenafil ha contribuito a migliorare il funzionamento sessuale in un gruppo di pazienti che presentavano sia disfunzione erettile sia ipotestosteronemia, ma l'aggiunta di testosterone non ha fornito alcun beneficio aggiuntivo sul piano sessuale.


Lo studio ha incluso 140 uomini di età compresa tra i 40 e i 70 anni, tutti in trattamento con sildenafil 50 o 100 mg, assunto al bisogno prima del rapporto sessuale. Dopo 3-7 settimane, la metà dei pazienti è stata assegnata a un trattamento giornaliero con un gel di testosterone e l'altra metà a quello con un placebo per 14 giorni.


Nella prima fase dello studio, quella di ottimizzazione della dose di sildenafil, i punteggi del dominio relativo alla disfunzione erettile dell’International Index of Erectile Function (IIEF) sono migliorati, passando in media da 12,1 (disfunzione erettile moderata) a 19,8 (disfunzione lieve), così come i livelli di testosterone.


Nel gruppo che poi è stato trattato anche con il gel di testosterone i livelli dell’ormone sono aumentati ulteriormente rispetto al gruppo di controllo, ma in nessuno dei gruppi si è osservato un ulteriore aumento della funzione erettile nei 3 mesi di trattamento. Inoltre, non si sono viste differenze tra i due gruppi nelle misure relative al desiderio sessuale, all'orgasmo e alla frequenza dei rapporti.


Il primo autore dello studio, Matthew Spitzer, della Boston University, ha detto in un’intervista che il suo gruppo non ha però valutato gli effetti del testosterone senza sildenafil, perciò non si può escludere che il trattamento con il solo gel possa migliorare le prestazioni sessuali rispetto al solo placebo.


Inoltre, il testosterone può avere altri effetti benefici per la salute, come ad esempio sulla forza e sulla composizione corporea, ha sottolineato Spitzer


"Ciò non significa che se il paziente ha sintomi di carenza di androgeni o un ipogonadismo, questi non migliorerebbero con il testosterone" ha commentato Alvin Matsumoto, geriatra presso la University of Washington di Seattle, non coinvolto nel nuovo studio.


Inoltre, ha detto Matsumoto, "non si sa se nei pazienti che non rispondono in modo significativo al sildenafil e presentano ipotestosteronemia, l’aggiunta di testosterone potrebbe aiutare". Infatti, non tutti gli uomini ottengono risultati con sildenafil o altri farmaci della stessa classe, quella degli inibitori della PDE5.


Spitzer ha anche detto che le carenze androgeniche sono situazioni complesse. “Un paziente deve sempre parlare con il proprio medico curante del suo problema e capire qual sia la migliore terapia nel suo caso specifico" ha detto l’autore, aggiungendo che lo studio del suo gruppo  "non informa su come trattare il singolo paziente”.


M. Spitzer, et al. Effect of Testosterone Replacement on Response to Sildenafil Citrate in Men With Erectile Dysfunction: A Parallel, Randomized Trial. Ann Intern Med. 20 November 2012;157(10):681-691
leggi