HIV, cabotegravir iniettabile a lunga durata d'azione promette come terapia preventiva

Una formulazione iniettabile a lunga durata d'azione di cabotegravir, somministrata ogni 8 settimane, produce livelli di farmaco abbastanza elevati sia negli uomini che nelle donne per offrire protezione contro l'HIV, secondo i risultati dello studio HPTN 077 presentato al Congresso IAS 2017 a Parigi.

Una formulazione iniettabile a lunga durata d’azione di cabotegravir, somministrata ogni 8 settimane, produce livelli di farmaco abbastanza elevati sia negli uomini che nelle donne per offrire protezione contro l'HIV, secondo i risultati dello studio HPTN 077 presentato al Congresso IAS 2017 a Parigi.

Al contrario, una formulazione di rilpivirina a lunga durata d’azione, sviluppata per la prevenzione dell’infezione, non ha dato i risultati sperati e gli studi su quest’ultimo farmaco sono stati interrotti.

L'efficacia dei farmaci antiretrovirali per la profilassi pre-esposizione all’HIV (PrEP) dipende fortemente dal mantenimento della buona adesione al trattamento. Alcune persone potrebbero trovare più semplice assumere la PrEP con un'iniezione ogni mese o due, anziché prendere pillole ogni giorno o prima di avere rapporti sessuali a rischio.

Raphael Landovitz dell'Università della California a Los Angeles ha presentato al Congresso IAS 2017 i primi risultati dello studio HPTN 077. Questo studio sta esaminando la sicurezza, la tollerabilità e l'accettabilità dell’inibitore dell’intergrasi cabotegravir in una formulazione iniettabile a lunga durata d'azione per la prevenzione dell’infezione.

HPTN 077 è la fase di estensione dello studio ECLAIR trial, che ha testato la sicurezza e l'accettabilità di cabotegravir a lunga durata d’azione in un gruppo di uomini principalmente gay e bisessuali a basso rischio di HIV.

I partecipanti allo studio ECLAIR avevano ricevuto tre iniezioni da 800mg cabotegravir somministrate ogni 12 settimane. I dati provvisori presentati al Congresso dello scorso anno avevano indicato un assorbimento più rapido del farmaco, che non aveva dimostrato la lunga durata d’azione prevista. Mentre i casi di reazioni al sito di iniezione erano più frequenti e prolungate del previsto, tre quarti dei partecipanti avevano dichiarato di voler continuare ad assumere il farmaco come PrEP.

Lo studio HPTN 077 in corso sta valutando questi soggetti, trattati sia lo stesso regime di dosaggio usato in ECLAIR, che con 600mg di cabotegravir ogni 8 settimane.

Questo studio ha arruolato 199 soggetti senza HIV a basso rischio di contrarre l’infezione, provenienti da otto siti in Brasile, Malawi, Sudafrica e Stati Uniti. L'età media era di circa 30 anni. Nel complesso, due terzi erano donne. Nello studio, i partecipanti sono stati randomizzati in un rapporto 3:1 a ricevere iniezioni di cabotegravir o placebo. La coorte 1 ha ricevuto tre dosaggi da 800mg di cabotegravir iniettabile, somministrato come due iniezioni intramuscolari da 2ml ogni 12 settimane. La coorte 2 ha ricevuto cinque dosaggi da 600 mg, somministrati come singola iniezione da 3 ml. La seconda dose da carico è stata somministrata 4 settimane dopo la prima iniezione, mentre le restanti dosi sono state somministrate 8 settimane.

Il periodo di somministrazione era pari a 41 settimane. Il follow-up, inizialmente progettato per durare 52 settimane, è stato esteso dopo che i risultati dello studio ECLAIR avevano mostrato che un piccolo numero di uomini aveva ancora livelli misurabili di cabotegravir un anno dopo l'ultima iniezione. Questo potrebbe portare allo sviluppo di resistenza al farmaco in caso di infezione da HIV successiva all’interruzione della PrEP.

Nel complesso, il 94% dei partecipanti ha completato la prima parte dello studio in cui il farmaco era stato somministrato per via orale, l'89% ha ricevuto almeno una iniezione di cabotegravir e il 75% ha completato tutte le iniezioni.

I livelli di cabotegravir nel plasma della Coorte 1 erano rimasti al di sopra del livello IC90, ma talvolta sono scesi al di sotto della soglia 4 X IC90 ritenuta protettiva, specialmente negli uomini. Nella Coorte 2, i livelli plasmatici di cabotegravir erano complessivamente più alti, nella maggior parte dei soggetti al di sopra del livello 4 x IC90 e a 8 x IC90.

Alla settimana 41, il 68% degli uomini nel Coorte 1 era al di sopra della soglia di 4 X IC90, rispetto all'89% degli uomini della Coorte 2. Le donne hanno raggiunto livelli di farmaco elevati utilizzando il programma di dosaggio, con 100% e 97% sopra la soglia di 4 X IC90.

Con entrambi i programmi di dosaggio, gli uomini hanno mostrato un più ripido “drop-off” nei livelli di farmaco dopo ogni iniezione, rispetto alle donne. I livelli di cabotegravir sono aumentati nel tempo, suggerendo un certo accumulo del farmaco.

La maggior parte dei partecipanti ha riscontrato reazioni al sito d'iniezione, ma nella maggiorana dei casi di grado lieve o moderato. Il dolore al sito di iniezione è stato riportato più frequentemente dai soggetti che avevano ricevuto iniezioni di cabotegravir rispetto ai controlli (34 vs 2%). Solo un partecipante ha interrotto lo studio per questo motivo.

Gli eventi avversi più frequenti erano le infezioni delle vie respiratorie (circa il 25%) e una diminuzione della funzionalità renale (circa il 45%), ugualmente comuni sia con cabotegravir che con placebo.

Sebbene lo studio HPTN 077 non fosse inteso a valutare l'efficacia della prevenzione, gli esperti hanno riferito che un partecipante ha mostrato una sieroconversione a 48 settimane dall’ultima iniezione, quando il livello di cabotegravir non era rilevabile.

Attualmente è in corso lo studio HPTN 083 disegnato per studiare l'efficacia di cabotegravir iniettabile rispetto atenofovir/emtricitabina) orale per la PrEP.
Landovitz R et al. Safety, tolerability and pharmacokinetics of long-acting injectable cabotegravir in low-risk HIV-uninfected women and men: HPTN 077. 9th International AIDS Society Conference on HIV Science, Paris, abstract TUAC0106LB, July 2017.