HIV, gli antiretrovirali allungano la vita ma rimane un divario sugli anni "in salute" #CROI2020

Altri Studi

Uno studio presentato al congresso CROI 2020 (Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections) evidenzia che l'inizio precoce della terapia antiretrovirale (ART) nei pazienti con HIV sembra normalizzare la durata della vita quando questi soggetti hanno un elevato numero di cellule CD4. Le comorbiditÓ croniche per˛ impattano ancora fortemente sulla salute di queste persone.á

Uno studio presentato al congresso CROI 2020 (Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections) evidenzia che l'inizio precoce della terapia antiretrovirale (ART) nei pazienti con HIV sembra normalizzare la durata della vita quando questi soggetti hanno un elevato numero di cellule CD4. Le comorbidità croniche però impattano ancora fortemente sulla salute di queste persone.

Gli autori, della Harvard Medical School di Boston, riportano una differenza inferiore a tre anni tra gli adulti con infezione da HIV con inizio precoce di ART e controlli non infetti, sulla base dei dati raccolti tra il 2014 e il 2016.

Tuttavia, come ha riferito durante la conferenza virtuale Julia Marcus, ricercatrice che ha presentato lo studio, rimane un gap di 16 anni in “anni senza comorbidità”.
Marcus ha osservato che il trattamento con ART aumenta notevolmente l'aspettativa di vita nelle persone che vivono con l'HIV, con un trattamento migliorato che significa che le lacune nell’ aspettativa di vita continuano a ridursi tra le persone che vivono con e senza l'HIV.

Il suo gruppo ha deciso di quantificare quanto il divario si fosse ridotto e quanti di quegli anni di vita fossero sani o privi di comorbidità per queste popolazioni.
Hanno esaminato i dati del “Kaiser Permanente” riferiti alla California settentrionale, California meridionale e agli stati dell'Atlantico medio, dal 2000 al 2016, con una corrispondenza della frequenza in rapporto 1:10 per individui infetti e controlli non infetti su età, sesso, razza/etnia, centro medico e anno.

Inoltre, hanno esaminato i dati su comorbidità specifiche, come cronicità epatica, reni e malattie polmonari, nonché diabete, cancro e malattie cardiovascolari e hanno creato "tabelle di vita in forma abbreviata" per stimare il numero di anni complessivi e senza comorbidità rimanendo per queste popolazioni all'età di 21 anni.

La coorte comprendeva 39.000 persone che vivevano con l'HIV e circa 390.000 controlli. L'età media era di 41 anni, quasi tutti erano uomini, il 45% erano bianchi, il 25% erano neri e il 24% erano Latini.
Nel gruppo con HIV, il 70% era costituito da uomini che avevano rapporti sessuali con altri uomini (MSM), circa i due terzi avevano iniziato ART durante il follow-up e circa il 30% aveva un conteggio di CD4 di almeno 500 all'inizio del trattamento.

Nel complesso, i ricercatori hanno riscontrato un divario ridotto nell'aspettativa di vita complessiva, poiché le persone senza HIV avevano un'aspettativa di vita di 65 anni all'età di 21 anni o vivevano fino all'età di 86 anni in base ai dati 2014-2016.

Una persona con l'HIV aveva un'aspettativa di vita di 56 anni o viveva fino a 77 anni nello stesso periodo di tempo, con un gap di nove anni.
Tuttavia, lo stesso non si può dire per anni senza comorbidità tra i due gruppi. Dall’analisi dei dati risulta che le persone senza HIV hanno un’aspettativa di 31 anni di vita senza comorbidità o vivranno fino a 52 anni senza che sia stata diagnosticata una grave comorbidità cronica, mentre le persone con HIV potrebbero vivere fino a 36 anni fino alla stessa diagnosi.

Marcus ha osservato che esaminando ciascuna comorbidità separatamente, si vede chiaramente un divario persistente nell'aspettativa di vita libera da comorbidità per fegato, reni e malattie polmonari tra i due gruppi, con un divario restrittivo nell'aspettativa di vita libera da comorbidità per diabete, cancro e malattie cardiovascolari .

Ma il divario nell'aspettativa di vita complessiva è quasi svanito quando l'analisi è stata limitata alle persone affette da HIV che hanno iniziato la ART precocemente e avevano conteggi elevati di CD4, anche se non erano liberi da comorbidità. Questo gruppo ha in media 13 anni senza comorbidità dall'età di 21 anni, rispetto ai 29 anni dei controlli.

Marcus ha affermato che l'aspettativa di vita priva di comorbidità è migliorata nel primo gruppo ART per cancro e malattie cardiovascolari, ma non per diabete, reni, polmoni o malattie del fegato.

"Il divario negli anni più sani si è ridotto per alcune, ma non per tutte le comorbidità", ha detto Marcus. "È necessaria maggiore attenzione per la prevenzione della comorbidità per le persone con HIV".

Marcus J, et al "Increased overall life expectancy but not comorbidity-free years for people with HIV" CROI 2020; Abstract 151.