Altri Studi

Malattia di Gaucher, allo studio promettente terapia genica

La societÓ biotech AVROBIO sta pianificando uno studio registrativo di Fase II/III per il suo candidato alla terapia genica della malattia di Gaucher di tipo 3 (GD3), AVR-RD-02, nel 2023. I piani di sviluppo si basano su prove "convincenti" osservate nel primo paziente pediatrico che ha ricevuto il trattamento, ha dichiarato il Chief Medical Officer Essra Ridha, in una telefonata con gli investitori mercoledý.

La società biotech AVROBIO sta pianificando uno studio registrativo di Fase II/III per il suo candidato alla terapia genica della malattia di Gaucher di tipo 3 (GD3), AVR-RD-02, nel 2023.

I piani di sviluppo si basano su prove "convincenti" osservate nel primo paziente pediatrico che ha ricevuto il trattamento, ha dichiarato il Chief Medical Officer Essra Ridha, in una telefonata con gli investitori mercoledì.

La malattia di Gaucher è una delle più comuni patologie lisosomiali, un insieme di malattie rare caratterizzate dall'accumulo di sostanze grasse nelle cellule della milza, del fegato e del midollo osseo. La malattia è ereditaria ed è causata dal malfunzionamento di un enzima che scompone le sostanze grasse.

La malattia di Gaucher di tipo 1 (GD1) è la forma più comune della malattia. La GD3 è una forma progressiva della malattia da accumulo lisosomiale che presenta manifestazioni sistemiche più diffuse, tra cui sintomi neurologici. Ridha ha sottolineato come i pazienti affetti da GD3 siano tipicamente refrattari al trattamento standard.

Quindici mesi dopo l'infusione della terapia genica sperimentale con cellule staminali ematopoietiche (HSC) dell'azienda, un paziente di 11 anni trattato con AVR-RD-02 ha ottenuto quella che l'azienda ha definito una "correzione biochimica completa".

Il paziente, che era refrattario a diversi approcci terapeutici, ha registrato un aumento del 33% dei livelli di albumina. Ciò indica un netto miglioramento della linfoadenopatia e dell'enteropatia, ha riferito l’azienda che ha inoltre sottolineato come il paziente non abbia subito cambiamenti clinicamente rilevabili nello stato neurologico o nuove manifestazioni neurologiche in seguito al trattamento.

"Questa efficacia farmacodinamica equivale a un miglioramento dei principali elementi refrattari della malattia per questo paziente, cosa che il bambino non ha mai sperimentato con gli attuali standard di cura", ha dichiarato Ridha.

I responsabili di AVROBIO hanno dichiarato che non sono stati riscontrati problemi di sicurezza associati alla terapia a 15 mesi dall'infusione.

I dati hanno spinto le agenzie regolatorie negli Stati Uniti e in Europa a dare il via libera alla sperimentazione di fase avanzata che potrebbe gettare le basi per una potenziale approvazione.

Lo studio di fase II/III, il primo per una terapia genica destinata a questa indicazione, valuterà la sicurezza e l'efficacia di AVR-RD-02 rispetto all'attuale terapia enzimatica sostitutiva standard, ha dichiarato Ridha.

L'azienda prevede che lo studio arruoli 40 pazienti randomizzati 1:1 a ricevere AVR-RD-02 o la terapia standard.

Ridha ha dichiarato che il disegno dello studio di Fase II/III offre un'alta probabilità di successo sulla base dei dati esistenti che l'azienda ha accumulato in studi precedenti e nello studio di Fase I/II in corso sulla Malattia di Gaucher di Tipo 1.

Secondo l'azienda, i dati condivisi relativi all'unico paziente GD3 che ha ricevuto AVR-DR-02 hanno mostrato che la terapia genica ha dimostrato una stabilizzazione o un miglioramento di molteplici misure clinicamente significative.

Anche l'amministratore delegato di AVROBIO, Geoff MacKay, ha sottolineato i dati ottenuti nel paziente pediatrico durante la telefonata di mercoledì.

Dati positivi per quattro pazienti con la forma GD1
Ha sottolineato i dati promettenti dello studio di Fase I/II in corso nel GD1. Lo studio sta valutando AVR-RD-02 anche in questo sottotipo di malattia, che secondo MacKay presenta la stessa patologia di base di altre forme di malattia di Gaucher.

I dati dello studio di fase I/II sulla malattia di Gaucher Guard1 mostrano che la terapia genica ha dimostrato una riduzione clinicamente significativa delle dimensioni degli organi e una riduzione dei metaboliti tossici. Durante la presentazione, l'azienda ha evidenziato i dati positivi riscontrati in quattro pazienti.

I pazienti hanno ridotto l'accumulo di tessuto adiposo. Tre dei quattro pazienti a cui è stato somministrato il farmaco hanno dimostrato una riduzione del volume del fegato e della milza al di sotto del valore di riferimento stabilito con la terapia enzimatica sostitutiva. Il quarto paziente non era sufficientemente lontano dall'infusione per essere sottoposto a scansione del volume di fegato e milza, ha detto Ridha.

Se AVR-RD-02 dimostrerà dati significativi di efficacia e sicurezza nello studio registrativo, MacKay ha dichiarato che il trattamento potrebbe rappresentare una "sostanziale opportunità commerciale" per l'azienda. Le terapie geniche una tantum hanno un valore significativo, pari a circa 15 anni di cure attuali.