In uno studio di fase II presentato all'ASCO Gastrointestinal Cancers Symposium di San Francisco il farmaco sperimentale everolimus (Afinitor, Novartis),  ha ridotto della metà la crescita di tumore gastrico in pazienti con malattia in stadio avanzato. Il 45% dei pazienti ha evidenziato qualche forma di regressione della massa tumorale.

Lo studio, multicentrico, in aperto a un singolo braccio, ha reclutato 54 pazienti giapponesi con tumore gastrico avanzato trattati per 8 settimane con il farmaco sperimentale. Alla fine del periodo di studio il farmaco ha interrotto la crescita della massa tumorale nel 55% dei pazienti.
Sulla base di questi dati incoraggianti, Novartis inizierà presto una serie di studi di  fase III che coinvolgeranno circa 500 pazienti con tumore gastrico in fase avanzata.

Everolimus, noto anche con la sigla RAD001, e' una terapia orale, somministrata once a day e offre un nuovo approccio al trattamento della patologia tumorale attraverso l'inibizione mirata e continuativa della proteina mTOR, che controlla la divisione delle cellule tumorali e l'angiogenesi.
Everolimus è già approvato con il nome commerciale di Certican per la profilassi del rigetto d'organo in pazienti sottoposti a trapianto renale e cardiaco ed è disponibile in terapia per questa indicazione in oltre 60 Paesi tra cui l'Italia.