Psoriasi, ixekizumab prevale nella sfida head-to-head con l'anti IL-23

Eli Lilly ha annunciato che l'inibitore di IL-17A ixekizumab ha dimostrato superioritą rispetto all'inibitore IL-23/p19 guselkumab in pazienti con psoriasi da moderata a grave. Lo studio di Fase IV IXORA-R ha randomizzato 1027 pazienti con psoriasi da moderata a grave per ricevere ixekizumab o guselkumab per un totale di 24 settimane, con l'analisi primaria condotta a 12 settimane.

Eli Lilly ha annunciato che l'inibitore di IL-17A ixekizumab ha dimostrato superiorità rispetto all'inibitore IL-23/p19 guselkumab in pazienti con psoriasi da moderata a grave.

"Siamo lieti di vedere che Taltz ha aiutato più persone a raggiungere il 100% di clearance cutanea rispetto a Tremfya alla dodicesima settimana", ha osservato Lotus Mallbris, vice presidente dello sviluppo immunologico di Eli Lilly.

Lo studio di Fase IV IXORA-R ha randomizzato 1027 pazienti con psoriasi da moderata a grave per ricevere ixekizumab o guselkumab per un totale di 24 settimane, con l'analisi primaria condotta a 12 settimane.

Lo studio ha raggiunto l'endpoint primario dimostrando la superiorità nella proporzione di pazienti che hanno raggiunto la completa clearance cutanea rispetto a guselkumab, misurata dalla PASI 100.

Eli Lilly ha aggiunto che ixekizumab ha raggiunto tutti gli endpoint secondari principali fino alla dodicesima settimana, che includono la superiorità nella percentuale di pazienti che raggiungono il PASI 75 alla seconda settimana, il PASI 90 alla quarta e all'ottava settimana, il PASI 100 alla quarta e all'ottava settimana, il Physician's Global Assessment (sPGA) 0 alla dodicesima settimana e il PASI 50 alla prima settimana.

Secondo Eli Lilly, il profilo di sicurezza del farmaco era coerente con i risultati precedentemente riportati, mentre non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza. L'azienda prevede di presentare i dati dettagliati dello studio per la presentazione ad una riunione scientifica.

Un totale di 1.027 pazienti con psoriasi da moderata a grave della placca sono stati arruolati nello studio per valutare l'efficacia e la sicurezza di ixekizumab rispetto al guselkumab. I partecipanti sono stati randomizzati per ricevere ixekizumab (160 mg alla settimana 0, seguiti da 80 mg alle settimane 2, 4, 6, 8, 10 e 12, poi 80 mg ogni 4 settimane) o guselkumab (100 mg somministrati per iniezione sottocutanea alla settimana 0, settimana 4 e successivamente ogni 8 settimane) per un totale di 24 settimane, con l'analisi primaria condotta a 12 settimane.