Al di la' della crisi economica, e dei tagli, c'e' anche il problema dell'invecchiamento della popolazione a insidiare la sostenibilita' del Ssn. Parola dell'ex ministro della Salute Ferruccio Fazio, intervenuto ai 'Dibattiti Adnkronos', che dopo l'allarma lanciato dal premier Monti sulla sostenibilita' del Ssn, illustra la sua ricetta per il futuro della sanita' italiana: "Efficienza e governance, meccanismi di intervento dei privati, con franchigie e assicurazioni e project financing, e con sistemi di fiscalizzazione per le apparecchiature e le infrastrutture".

"Abbiamo un sistema sanitario pubblico, ma questo non significa che tutti i gangli debbano essere pubblici: soprattutto la governance deve esserlo. Quello di Monti e' un invito a trovare soluzioni per mantenere un sistema sanitario di livello elevato, piu' che un'apertura alle privatizzazioni", spiega ancora Fazio. Quali possono essere le risorse del privato? "Penso alle assicurazioni, come in Francia: l'80% dei francesi ha delle assicurazioni, che coprono il 25% dell'out of pocket della spesa sanitaria".

In Italia pero' solo l'8% dei cittadini oggi ha un'assicurazione. "Ebbene, bisogna modificare le cose. Penso a un sistema che, tutelando la governance pubblica, preveda uno spazio per le assicurazioni, e approfondisca il discorso delle franchigie e del contribuito da parte di chi ha grandi introiti, di cui anche il ministro Balduzzi ha parlato". E i privati? "Il sistema pubblico non significa che tutto deve essere pubblico, dello Stato deve essere la governance - ribadisce - ma c'e' spazio, specie in momenti di crisi, per un investimento dei privati. E penso a erogatori privati che fanno un certo tipo di investimento e sono accreditato presso il sistema pubblico".