Stando ai risultati di una metanalisi appena pubblicata online da The Lancet, l'impiego di statine come atorvastatina  e rosuvastatina è legato a un leggero aumento del rischio di sviluppare diabete (+ 9%). Ciononostante, hanno concluso gli stessi autori, i benefici di questi farmaci superano questo rischio modesto e il dato emerso non dovrebbe portare a un cambiamento della pratica clinica nei soggetti ad alto o moderato rischio cardiovascolare.

Lo studio, frutto di un'ampia collaborazione internazionale, ha preso le mosse da un trial del 2008, in cui si era osservato che nei soggetti trattati con rosuvastatina.aveva inaspettatamente evidenziato un aumento del rischio di diabete pari al 25%.
Per indagare più a fondo sulla questione, la metanalisi del Lancet ha preso in esame 13 studi clinici sulle statine effettuati tra il 1994 e il 2009, che hanno coinvolto complessivamente  91.140 pazienti.

L'insieme dei dati indica che in totale si sono registrati 4.278 casi di diabete, di cui 2.226 in pazienti in terapia con statine, e che l'aumento del rischio di sviluppare la malattia associato all'assunzione di questi farmaci si tradurrebbe in un nuovo caso ogni 255 soggetti trattati per quattro anni.
D'altro canto, è stato stimato che la somministrazione di statine a questo stesso gruppo e per lo stesso periodo avrebbe permesso di evitare 5,4 decessi o eventi coronarici e all'incirca lo stesso numero di ictus.
È emerso, inoltre, che l'aumento del rischio è un effetto di classe e aumenta con l'età dei pazienti.


Nell'editoriale di commento allo studio, Christopher Cannon, del Boston's Brigham and Women's Hospital and Harvard Medical School ha rimarcato che "sebbene sia stato evidenziato un nuovo rischio a carico delle statine, questo sembra essere limitato e di gran lunga superato dai benefici di questi ipolipemizzanti".

Gli autori della metanalisi hanno anche sottolineato che, date queste nuove evidenze, gli studi futuri dovranno prevedere misurazioni regolari della glicemia e monitorare la possibile insorgenza di diabete. I medici e i pazienti, invece, dovranno essere consapevoli di questa possibilità e procedere a un aggiustamento terapeutico, qualora dovesse emergere che i potenziali benefici delle statine non sono più superiori ai rischi.

Statins and risk of incident diabetes: a collaborative meta-analysis of randomised statin trials, The Lancet, Early Online Publication, 17 February 2010