AAA-Advanced Accelerator Applications, gruppo europeo con forte componente italiana e leader a livello mondiale nella Medicina Nucleare Molecolare, annuncia oggi il consolidamento del suo network europeo per la produzione e la commercializzazione di radio-farmaci in Spagna e Polonia. Questa iniziativa consentirà ad AAA di ampliare considerevolmente la sua presenza nella penisola iberica e di entrare direttamente – per la prima volta – nel mercato polacco.


Il rafforzamento in Spagna AAA ha acquisito da Molypharma ed ERESA Grupo Médico – uno dei gruppi spagnoli più attivi nel settore della Comprehensive Diagnostic, con oltre 40 centri nel Paese - il 100% di Barnatron e Cadisa, due società di Barcellona specializzate nella produzione di radio-farmaci per la Medicina Nucleare e tra le principali realtà del settore in Spagna.


Fondata nel 2001 e con ricavi da vendite pari a 2,6 milioni di euro nel 2012, Barnatron è specializzata nella produzione e distribuzione di radio-farmaci per la PET (Tomografia a Emissione di Positroni) e sviluppa progetti di ricerca nel settore in collaborazione con i principali centri medico-scientifici del Paese come il CIME (Centro Sperimentale per il Molecular Imaging), per il quale ha seguito programmi per lo sviluppo di nuovi radiofarmaci in collaborazione con il dipartimento di Glycoconjugate Chemistry del Consejo Superior de Investigacion Cientificas spagnolo. Il suo laboratorio è l'unico, in Spagna, a essere dotato di due ciclotroni ad alta intensità grazie ai quali Barnatron può distribuire i suoi radio-farmaci a clienti in Catalogna, Madrid, Andalusia, Baleari, Levante, La Rioja, Aragona e le Isole Canarie.


Creata nel 1995, Cadisa (Catalana De Distribuccion S.A.) è invece specializzata nella produzione e commercializzazione di radio-farmaci per la SPECT (Tomografia ad Emissione di Fotone Singolo) per le aziende ospedaliere spagnole. Il suo laboratorio, approvato dal Nuclear Safety Council del Ministero della Salute spagnolo, ha una capacità produttiva annuale di più di 100.000 iniezioni di radio-farmaci SPECT pronte all'uso. Per il 2012, Cadisa ha registrato ricavi da vendite per 2,6 milioni di euro.


Le acquisizioni consentiranno ad AAA di consolidare la propria presenza nella penisola iberica - dove è già presente con due laboratori già operativi di radio-farmacia a Saragozza e Porto, più uno in costruzione a Murcia – e di coprire l'intero mercato locale.


La vendita di Barnatron e Cadisa prevede anche un accordo di distribuzione a lungo termine di radio-farmaci per PET e SPECT ai centri di ERESA Grupo Médico in Catalogna, nella comunità di Valencia e in tutti i nuovi centri che ERESA realizzerà in Spagna.


AAA entra nel mercato polacco Tramite la controllata Advanced Accelerator Applications Polska, AAA ha siglato un accordo di collaborazione a lungo termine con la società SPÓŁKA Z OGRANICZONĄ ODPOWIEDZIALNOŚCIĄ (UWRC), spin-off dell'Università di Varsavia per la produzione e distribuzione di radio-farmaci per il mercato polacco. In base all'accordo, AAA gestirà il laboratorio di produzione e ricerca dei radio-farmaci situato all'interno dello Heavy Ion Laboratory dell'Università di Varsavia con personale e risorse proprie.


Nel laboratorio saranno fabbricati il Gluscan - il tracciante FDG (fluoro-desossi-glucosio) di AAA usato nella PET per la diagnosi e l'imaging di numerose patologie degenerative, quali cancro e malattie auto-immuni - e altri radio-farmaci PET destinati ai centri di diagnostica polacchi. AAA, UWRC e lo Heavy Ion Laboratory condurranno inoltre, nello stesso laboratorio, progetti di ricerca per lo sviluppo di nuovi radio-farmaci. 


Con meno di 20 scanner PET installati per una popolazione di circa 40 milioni di abitanti, il mercato polacco offre, infatti, ottime possibilità di rapida crescita nel settore della medicina molecolare nei prossimi anni.


“Le acquisizioni in Spagna e l'accordo con l'Università di Varsavia rappresentano un altro significativo passo avanti nel consolidamento del nostro network europeo”, ha commentato Stefano Buono, CEO e fondatore di AAA. “Le prospettive di sviluppo del mercato della Medicina Nucleare Molecolare in tutta Europa sono ottime e il rafforzamento nella penisola iberica e la collaborazione con il dipartimento UWRC dell'Università di Varsavia dimostrano il nostro impegno nel voler migliorare diagnostica e trattamenti in questo settore” “La produzione e la distribuzione di radio-farmaci sono attività molto complesse a causa della vita estremamente breve di questi prodotti (10 ore)”, ha continuato Stefano Buono. 


“Con il nostro team altamente specializzato e il nostro network europeo, AAA si posiziona come partner ideale per aziende ospedaliere, centri di ricerca e società biotech che abbiano bisogno di una produzione affidabile di radio-farmaci per la medicina nucleare molecolare in Europa. Bisogna, inoltre, considerare che sono attualmente in sperimentazione clinica circa 20 nuove molecole F-18 - la prima delle quali, rivolta ai malati di Alzheimer, ha ricevuto l'approvazione della EMA due settimane fa – e riteniamo che molte altre potrebbero essere approvate nei prossimi quattro-cinque anni e avranno quindi necessità di essere prodotte in Europa ”, ha concluso Buono.

Il Gruppo AAA conta su 12 centri di produzione e ricerca e sviluppo di prodotti diagnostici e di terapia per la Medicina Nucleare Molecolare, con uno staff complessivo di oltre 190 persone in nove Paesi (Italia, Francia, Germania, Svizzera, Spagna, Portogallo, Israele, Stati Uniti e Canada). Tra gli azionisti, 116 in tutto, figura anche il Gruppo Dompé, una delle principali aziende biofarmaceutiche italiane, che ha acquisito una quota di AAA pari al 7,7%.