Abbott e Advanced Medical Optics (AMO) hanno appena siglato un accordo che consente alla multinazionale americana di acquisire AMO per 22 dollari per azione, che rappresentano un premium price del 150% sul valore borsistico della società prima della diffusione della notizia, con una spesa complessiva di 2,8 miliardi di dollari.
La società farmaceutica americana ha comunicato inoltre attendersi un utile per azione (Eps) compreso tra i 3,65 e i 3,70 dollari nel 2009 in rialzo rispetto alle stime relative al 2008 per il quale ci si attende un Eps tra i 3,31 e i 3,33 dollari.

AMO è un leader globale in oftalmologia, in particolare in 3 segmenti di mercato: correzione della visione tramite laser (LASIK), chirurgia per la cataratta e prodotti per la cura dell'occhio come le lenti a contatto.
In questi settori, a livello mondiale, occupa la prima, la seconda e la terza posizione, rispettivamente.

AMO, che occupa 4100 persone, è presente con proprie filiali in 27 paesi e i suoi prodotti sono commercializzati in 60 paesi. Nel 2007 ha generato un fatturato di 1,090 miliardi di dollari ma negli ultimi anni la società ha avuto un andamento non buono, nel 2007 ha perso 192 milioni di dollari. Tanto è vero che il valore azionario è sceso dai circa 50 dollari del 2005 fino a circa 4 dello scorso mese di novembre, risalendo poi nelle ultime settimane.
L'invecchiamento della popolazione sta portando a una forte crescita di questo settore. Si pensi che il 60 per cento delle persone con oltre 60 anni hanno la cataratta, prima causa di riduzione della vista nelle persone anziane.