Abbvie compra Allergan per $63 miliardi

Dopo una prima anticipazione del Wall Street Journal è arrivata la conferma delle due aziende e dunque è ufficiale: AbbVie ha deciso di acquisire Allergan con un esborso di $63 miliardi, parte in azioni e parte in cash. Le due aziende una volta unite avranno un fatturato annuo di $49 miliardi e saranno presenti in oltre 175 Paesi.

Dopo una prima anticipazione del Wall Street Journal è arrivata la conferma delle due aziende e dunque è ufficiale: AbbVie ha deciso di acquisire Allergan  con un esborso di $63 miliardi, parte in azioni e parte in cash.

Le due aziende una volta unite avranno un fatturato annuo di $49 miliardi e saranno presenti in oltre 175 Paesi.

L’accordo dovrebbe mettere tranquilli gli azionisti di Allergan, scontenti dell’andamento del titolo e dà pace anche a quelli di AbbVie che temono la scadenza del brevetto di Humira (negli Usa previsto nel 2023) con tutte le inevitabili conseguenze.

Secondo l’accordo, gli azionisti Allergan riceveranno 0,8660 azioni AbbVie e 120,30 dollari in contanti per ogni azione DI Allergan che detengono, per un corrispettivo totale di 188,24 dollari per azione Allergan. La transazione rappresenta un premio del 45% sul prezzo di chiusura delle azioni Allergan il 24 giugno 2019.

Le reazioni della borsa sono state abbastanza negative: le azioni di Allergan sono aumentate del 25,43 per cento nel trading pre-mercato. AbbVie è scesa invece del 16,2 per cento il calo più grande della sua storia.

Le società riunite saranno gestite dal presidente e amministratore delegato di AbbVie Richard Gonzalez. Il CEO di Allergan Brent Saunders non avrà un ruolo operativo nelle società combinate, ma entrerà a far parte del consiglio di amministrazione.

"Si tratta di un'operazione di trasformazione per entrambe le aziende e raggiunge obiettivi strategici unici e complementari", ha detto Gonzalez in una dichiarazione. Saunders ha detto: "Questa acquisizione crea un valore convincente per gli stakeholder di Allergan, inclusi i nostri clienti, pazienti e azionisti".

AbbVie prevede che l'acquisizione fornisca sinergie annuali al lordo delle imposte e altre riduzioni dei costi di almeno 2 miliardi di dollari ottenuti nel corso del terzo anno, lasciando intatti gli investimenti nelle aree teraèpeutiche chiave per le due aziende. Le sinergie e le altre riduzioni dei costi saranno il risultato dell'ottimizzazione del portafoglio di ricerca e delle fasi iniziali, della riduzione delle risorse di R&S (~50%), dell'aumento dell'efficienza nelle SGA, comprese le vendite e il marketing e i costi delle funzioni di supporto centrale (~40%), dell'eliminazione dei licenziamenti nella catena di produzione e fornitura, e dell'incremento delle spese di approvvigionamento (~10%). La stima delle sinergie esclude qualsiasi potenziale sinergia dei ricavi.

AbbVie dovrebbe generare un significativo flusso di cassa operativo annuale, che sosterrà un obiettivo di riduzione del debito da 15 a 18 miliardi di dollari entro la fine del 2021, consentendo al contempo un impegno continuo a una valutazione di rating di Baa2/BBBBB o una migliore valutazione del credito e una continua crescita dei dividendi.

L'acquisto di Allergan, con sede a Dublino, porta AbbVie ad avere una posizione dominante nel mercato dei prodotti per kla medicina estetica che vale oltre 8 miliardi di dollari dove attraverso il Botox e altri prodotti ottiene un fatturato annuo di $3,6 miliardi. Abbie otterrà anche una serie di trattamenti oculistici e farmaci pe rl gastroenterologia.

I quasi 16 miliardi di dollari di entrate annuali di Allergan daranno ad AbbVie anche un'altra fonte costante di risorse per cercare una nuova generazione di prodotti.

Ultimamente, Wall Street aveva chiesto a gran voce ad Allergan un cambiamento di strategia, visto che le sue azioni vengono scambiate a una frazione del loro picco di oltre 330 dollari toccato nell'estate del 2015. Gli analisti hanno chiesto che l'azienda si divida in due parti, ma pochi si aspettavano che il CEO Brent Saunders avrebbe potuto effettuare una vendita, soprattutto ad un premio così alto.

Motivazione strategica dell’accordo.
Nuove piattaforme di crescita e posizioni di leadership per diversificare ed espandere la base di fatturato: L'azienda combinata sarà composta da diverse interessanti franchigie con posizioni di leadership in immunologia, oncologia ematologica, estetica medica, neuroscienze, salute delle donne, cura degli occhi e virologia.  Il portafoglio prodotti di Allergan sarà arricchito dalla forza commerciale, dall'esperienza e dall'infrastruttura internazionale di AbbVie.

Maggiore redditività per la piattaforma di crescita di AbbVie: La piattaforma di crescita avanzata di AbbVie, composta da franchising in crescita e duraturi in aree terapeutiche altamente attraenti, dovrebbe crescere a un tasso di crescita annuale a una cifra elevata e a una sola cifra nel prossimo decennio, da oltre 30 miliardi di dollari nel 2020.

Interessante dal punto di vista finanziario, con un'immediata crescita dell'EPS: Si prevede che questa transazione sarà pari al 10% dell'utile per azione corretto per il primo anno intero dopo la chiusura dell'operazione, con un picco di accrescimento superiore al 20%. Il ROIC dovrebbe superare il costo del capitale di AbbVie entro il primo anno intero.

Significativa generazione di flussi di cassa: Il successo e l'entità dell'attività commerciale combinata assicura capacità di finanziamento e flessibilità per investimenti solidi e simultanei in pipeline, riduzione del debito e ritorno del capitale agli azionisti. Nel 2018 le società riunite hanno generato un flusso di cassa operativo di 19 miliardi di dollari.