Celgene ha firmato un accordo con la biotech americana Abide Therapeutics per lo sviluppo di molecole che hanno come target una classe di enzimi chiamata serina-idrolasi per il trattamento di malattie infiammatorie e immunologiche.

In base all’accordo, Celgene verserà a Abide una somma immediata pari a 50 milioni di dollari e avrà anche una piccola quota della società biotech. L’accordo fornisce a Celgene un’opzione esclusiva per acquisire la società.

Le serina-idrolasi sono enzimi che giocano un ruolo chiave in molti processi fisiologici. Regolano la trasmissione dei segnali nel SNC, la digestione, il metabolismo, l’infiammazione, la formazione di trombi e il ciclo vitale di virus e altri patogeni. La possibilità di sviluppare molecole contro le serina-idrolasi può avere diverse applicazioni terapeutiche.

Abide Therapeutics possiede una piattaforma tecnologica per l’identificazione di piccole molecole che hanno come target il sito catalitico di questi enzimi. La superfamiglia delle serina-idrolasi comprende 200 enzimi. La tecnologia della biotech americana fornisce un metodo rapido ed efficace per l’identificazione e la validazione di target terapeutici.

Nella collaborazione con Celgene è incluso anche il composto di fase più avanzata conosciuto con la sigla AB101131. Il farmaco verrà testato sull’uomo a partire dal 2015.