La britannica GlaxoSmithKline ha esteso la collaborazione con la biotech danese NeuroSearch, relativamente al candidato farmaco GSK372475 attualmente in fase IIb per la depressione e la ADHD. Nel caso tutte le milestones previste vengano raggiunte, l'accordo ha un valore potenziale di $1,2 miliardi.

La collaborazione con GSK è iniziata nel 1990 e si è recentemente intensificata. Dal 2005, con l'apertura del Center of Excellence for External Drug Discovery (CEEDD), NeuroSearch mette a punto i cosidetti "proof-of-concept" che poi vengono sviluppati al'interno del CEEDD di GSK. I proof-of-concept sono test di altissimo valore scientifico, in cui le tradizionali fasi I e II sono unificate e attraverso i quali, in breve tempo e con il minimo dispendio di energie, si valuta l'efficacia e la tollerabilità di farmaci particolarmente innovativi.

Entro la metà dell'anno in corso saranno disponibili i primi dati su GSK372475 e sarà presa la decisione se proseguire con la fase III.
Accordo fra Helsinn e Sapphire
La svizzera Helsinn ha acquisito Sapphire Therapeutics una società biotech americana fondata nel 2000 e con sede nel New Jersey. L'importo dell'accordo non è stato reso noto.

In questo modo Helsinn sbarca in Usa e ottiene 3 farmaci in sviluppo per la terapia di supporto dei tumori. I farmaci sono: anamorelin, primo farmaco orale per la cura della chechessia, adesso in fase II, un composto endovenoso per l'ileo post operatorio, in fase I, e un altro farmaco in fase I per le disfunzioni intestinali da opioidi.