Merck & Co., conosciuta al di fuori degli Stati Uniti come MSD, ha firmato un accordo da più di 440 milioni di euro con AiCuris per acquisire i diritti globali dei farmaci sperimentali sviluppati dall’azienda tedesca per la terapia delle infezioni da citomegalovirus (CMV). I medicinali anti-CMV sviluppati da AiCuris includono anche letermovir, un farmaco orale in fase avanzata del suo sviluppo clinico, utilizzato per la prevenzione delle infezioni da CMV nei soggetti trapiantati.


In base all’accordo Merck & Co. verserà ad AiCuris una somma immediata di 110 milioni di euro più altri possibili 332,5 milioni al raggiungimenti di determinate milestone. Merck and Co. sarà così responsabile di tutti i costi di sviluppo dei farmaci anti CMV di AiCuris.

Letermovir è un inibitore delle terminasi di CMV che ha raggiunto gli endpoint di uno studio di fase IIb all’inizio del 2012. Il farmaco ha ricevuto lo status di farmaco orfano dall’Fda e dall’Ema, così come anche la fast track, un iter regolatorio privilegiato che consente all'azienda che lo ottiene di depositare all'Fda le varie parti del dossier registrativo, soprattutto quella clinica, ma mano che sono completate, senza attendere di avere tutti i dati disponibili. In questo modo il feed-back dalle autorità regolatorie è molto più rapido e ciò consente di abbreviare considerevolmente i tempi di registrazione.


Il Citomegalovirus (Cmv) è un virus diffuso a livello globale, appartenente alla famiglia degli Herpesvirus. Il virus è molto comune e può infettare chiunque. Una volta contratta l’infezione, il virus rimane latente all’interno dell’organismo per tutta la vita, ma può riattivarsi in caso di indebolimento del sistema immunitario.
Le infezioni da Cmv sono nella maggior parte degli individui asintomatiche, perché un buon sistema immunitario è in grado di tenerle sotto controllo, ma negli individui immunodepressi possono causare gravi complicanze, in particolare a occhi, fegato, sistema gastrointestinale e sistema nervoso.