Sanofi ha firmato un accordo di collaborazione con Innate Pharma per avere accesso alla tecnologia dell’azienda francese per lo sviluppo di anticorpi coniugati di nuova generazione. I termini finanziari dell’accordo non sono stati resi noti.

Una delle vie più recenti per lo sviluppo di nuovi farmaci oncologici è quella degli anticorpi monoclonali cosiddetti “coniugati” in quanto ad essi vengono “legate” delle molecole citotossiche in grado di “uccidere” in modo selettivo le cellule riconosciute dall’anticorpo. Grazie alla loro natura di farmaci mirati, gli anticorpi coniugati consentono la somministrazione di un agente citotossico altamente potente, altrimenti intollerabile.

Attraverso la tecnologia di Innate, Sanofi vuole coniugare i suoi anticorpi monoclonali anti-tumorali con farmaci citotossici, aprendo le porte a una nuova generazione di anticorpi monoclonali coniugati.

In base all’accordo, Sanofi avrà accesso alla tecnologia di Innate per identificare il sito di coniugazione dei nuovi anticorpi per aumentarne la farmacocinetica, l’efficacia e la sicurezza, e avrà l’opzione di entrare in un accordo di licenza con Innate per la tecnologia.