Conquistare Allergan, l’azienda del Botox non sarà tanto facile per Valeant, l’azienda canadese che per impossessarsi della società produttrice del Botox, ieri ha lanciato un’offerta ostile da 48,1 miliardi di dollari.

Il produttore del noto antirughe ha annunciato di aver adottato una poison pill che garantirà maggiori diritti di voto a tutti i soci qualora un investitore raggiunga una quota del 10% nel suo capitale.

Attualmente è proprio la Pershing Square Capital Management di Ackman la più vicina a tale soglia con una quota del 9,7% in Allergan. Il titolo
Valeant ha guadagnato il 7,5% martedì a Wall Street e quello Allergan addirittura il 15,2% con il mercato che scommette sul buon esito dell'operazione dopo un rilancio dell'offerta.

Allergan conta su un portafoglio di prodotti oftalmologici e ha chiuso il 2013 con ricavi per 6,3 miliardi di dollari  La società è nota soprattutto per essere l’azienda che produce il Botox, l'antirughe le cui vendite sono cresciute del 12% lo scorso anno toccando quota due miliardi di dollari.

Le poison pill, in economia, pillole avvelenate, rappresentano una tattica difensiva attuata da una società minacciata di incorporazione: il metodo più in uso consiste nel lanciare un aumento di capitale per rendere più costosa l’operazione ostile. Tali operazioni difensive possono avere diversi obiettivi: tentare di incrementare il costo necessario per raggiungere il quantitativo di adesioni che l'offerente intende raggiungere, oppure mutare le caratteristiche patrimoniali ed aziendali della società target oppure promuovere un'offerta contraria sulle azioni dell'offerente.